2022, la stagione più difficile per Alaphilippe

Mathieu WARNIER, Media365, pubblicato venerdì 04 novembre 2022 alle 17:20

Dopo essere stato colto in numerose cadute non prive di conseguenze, Julian Alaphilippe ha dichiarato in un’intervista a Cyclingnews che il 2022 è stata la stagione più difficile della sua carriera, ma ha detto che voleva riprendersi.

Julian Alaphilippe vuole tracciare una linea sotto la stagione 2022. Con solo due vittorie, una tappa del Giro dei Paesi Baschi poi un’altra del Giro della Vallonia, ma soprattutto cadute dalle conseguenze gravissime, il nativo di Saint-Amand-Montrond ha confidato che si è trattato di “una stagione di resilienza” in un’intervista al sito specializzato Notizie di ciclismo. Il leader del ciclismo francese non lo nasconde, “non è mai stato al 100% in una gara nel 2022” e questo avrebbe potuto mettergli in crisi il morale. “È stato difficile riuscire a conciliarlo con le mie solite speranze e ambizioni, soprattutto indossando la maglia di campione del mondo”, ha aggiunto Julian Alaphilippe. Volevo vincere come ho fatto tante volte, ma le battute d’arresto continuavano ad arrivare. Ma, al di là delle cadute e degli infortuni, la cosa più restrittiva era alzarsi ogni volta. “Tornare ancora e ancora è stato più difficile delle cascate. Il dolore era forse meno acuto ma ci è voluto molto più tempo. »

Alaphilippe: “Questa stagione è stata la più difficile della mia carriera”

Julian Alaphilippe non nasconde che la stagione 2022 stava provando, ma i suoi parenti gli hanno permesso di farcela. “Questa stagione è stata la più difficile della mia carriera, dice l’ex due volte campione del mondo. Per aiutarmi a superare ogni difficoltà, la mia famiglia è stata fondamentale. Questi mesi sono stati difficili ma, in compenso, ho avuto la possibilità di passare del tempo con mio figlio e la mia famiglia, mi ha aiutato molto. “Le cadute subite sulle Strade Bianche, Liegi-Bastogne-Liegi o sulla Vuelta non saranno prive di conseguenze sul modo di avvicinarsi alla corsa per il nativo di Saint-Amand-Montrond. “Nelle discese, quando è pericoloso, ho un po’ più paura di cadere rispetto a prima”, ammette. Non significa che ho intenzione di frenare di più o che ho fatto schifo in discesa. Tuttavia, devo ammettere che sono più consapevole del pericolo. Ma, sostenendo di non sentire più “il minimo dolore” quando sale in bicicletta, Julian Alaphilippe aggiunge che “non ha paura di correre”. “Niente mi tratterrà nel 2023”, ha detto.

Alaphilippe: “Ritorno al Tour de France nel 2023”

Un nuovo anno, che vivrà sotto i colori di una squadra rinnovata e con un nuovo nome, che Julian Alaphilippe intende vivere al meglio e preparare al meglio. “Non vedo l’ora di trascorrere un buon inverno in allenamento in modo da poter lottare di nuovo per la vittoria nelle grandi gare nel 2023”, ha detto in questa intervista. Dopo aver recentemente disegnato parte del suo programma per la prossima stagione, il francese ha confermato le sue ambizioni primaverili. “Il prossimo anno punterò al Giro delle Fiandre, ha assicurato. Parteciperò anche alle classiche delle Ardenne ma il Giro delle Fiandre è in cima alla lista per la primavera. “Sebbene la distribuzione dei ruoli all’interno del “Wolfpack” non sia certa, in particolare per quanto riguarda Remco Evenepoel, Julian Alaphilippe non vuole vivere una seconda stagione consecutiva senza il Tour de France. “Voglio davvero tornare al Tour de France nel 2023 e arrivarci nella mia forma migliore”, ha aggiunto lo Habs. Quando sei in buona forma e stai bene, puoi davvero divertirti. Il successo toglie il dolore dal Tour e da qualsiasi altro momento. Con un percorso a volte ritagliato per le sue qualità, Julian Alaphilippe avrà senza dubbio qualcosa per cui giocarsi, almeno per vestire di nuovo la maglia gialla.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *