• Home
  • Abbiamo immaginato la peggiore fine possibile della carriera di LeBron James…

Abbiamo immaginato la peggiore fine possibile della carriera di LeBron James…

0 comments

In questo giorno del compleanno di LeBron James, siamo costretti a guardare alla fine della carriera del re. Due scuole opposte, due mondi che si incrociano. Se c’è un mondo in cui tutto va a meraviglia per LeBron, c’è anche uno scenario in cui tutto va storto.

Abbiamo guardato nella nostra sfera di cristallo, non è jojo (nessun gioco di parole).

Sperando che la Maledizione TrashTalk non sia troppo potente, ecco la peggiore fine possibile della carriera di LeBron…

  • Rob Pelinka ottiene un’estensione di 8 anni con i Lakers

Anche se significa fare un lavoro di merda, potresti anche andare a tutto gas.

Grazie al suo ottimo lavoro alla guida dei Lakers, Rob Pelinka viene prorogato a fine stagione. E il presidente della franchigia non perde tempo, visto che il 1° luglio Robert concede il max extension a Russell Westbrook, lascia almeno Austin Reaves agli Hornets e si aggiudica un magnifico contratto da 90 milioni in 3 anni a Christian Wood visto che quest’ultimo ha compiuto 37-15 nelle ultime tre settimane della stagione.

Ancora non ascoltato, LeBron è costretto a rimanere a Los Angeles nelle mani di un lunatico torturatore.

  • Anthony Davis annuncia il ritiro prima di LeBron

Grande shock sul pianeta del basket, e allo stesso tempo nessuno è sorpreso.

Dopo il suo 57esimo infortunio nel giro di un quarto, Anthony Davis non ce la fa più. I medici sono allucinati quando si rendono conto, dopo una risonanza magnetica, che l’AD non ha legamenti intorno alle ginocchia ma un materiale simile al placo. È con la massima tristezza che Anthony Davis annuncia, nel maggio 2023, che sta terminando la sua carriera nel basket.

Nota del redattore: la richiesta di Tony Parker di prendere il suo posto nel 75 Il massimo viene rifiutato.

  • Victor Wembanyama, disegnatore di Les Pelicans

Le cattive notizie non cadono mai da sole a Los Angeles.

Il trasferimento di Anthony Davis effettuato qualche anno fa si rivela una delle più grandi carneficine a lungo termine, dal momento che i Pelicans finiscono primi nella stagione regolare e recuperano la scelta del Draft 2023 dai Lakers. Sfortuna per LeBron e i fan del franchise, le palline da ping pong le mandano 1a scelta a Nuova Orleans. Si tratta quindi di una racchetta Wemby – Zion che fa capolino due volte l’anno a Los Angeles.

Grazie per l’anello a bolle, lo apprezziamo.

  • Stephen Curry e i Warriors sono campioni NBA 2023

Il doppio rigore, mentre LeBron non ha chiesto assolutamente nulla.

Steph e i Warriors ci danno di nuovo il colpo del 2022, tirando fuori il back-to-back dietro gli straordinari playoff di Stephen Curry. Non solo il playmaker del Golden State supera LeBron negli anelli della carriera, ma lo fa nel modo giusto: Boston era in vantaggio per 3-0 nelle finali, prima che Andrew Wiggins tornasse dall’infortunio e preparasse un panino al prosciutto e formaggio di Jayson Tatum. Anche la tripla 0/13 di Marcus Smart in Gara 7 non ha aiutato.

Il vantaggio 3-1 non c’è più, ora è il vantaggio 3-0 che viene ricordato.

  • I muscoli posteriori della coscia di LeBron non reggono più

Bene, questo è davvero difficile perché può succedere nella realtà.

Con un folle chilometraggio di carriera e in una partita completamente casuale all’inizio della stagione 2023-24, LeBron si sta riprendendo i muscoli posteriori della coscia. Avevamo però detto a Mo Wagner di smettere di calciare i palloni degli avversari, ma è troppo forte per lui. L’interno tedesco colpisce LeBron su una misera palla persa di una partita che Orlando conduce di 25 punti (Jonathan Isaac non ha giocato), smorfia sul volto del Re e costernazione nello staff tecnico di Los Angeles.

Al 100%, il re non tornerà. Riaffiorano i ricordi del tendine d’Achille di Kobe.

  • LeBron firma in Arabia Saudita per 2 miliardi a stagione

No, calmati.

Nessuno sarebbe così stupido da prendere una decisione così grande e di merda.

  • Paul George e i Clippers sono campioni NBA 2024

Los Angeles diventa la città dei Clippers, atmosfera sporca.

Infortunato per la maggior parte della stagione 2023-24, LeBron è costretto a guardare Patrick Beverley mentre lancia il suo show”1 mattone = 1 podcast” mentre i Clippers hanno finalmente trovato la loro chimica. La corsa ai playoff di Paul George è eroica, Steve Ballmer ha lasciato la coca e persino Kawhi ha accettato di giocare poco più di una partita su tredici. Sotto la guida di Tyronn Lue, l’altra squadra di Los Angeles diventa la regina della città degli angeli.

Le stelle filanti gialle e viola sono sostituite da blu-bianco-rosso. Ancora felice per Nico.

  • Michael Jordan acquista un secondo franchise, a Las Vegas

Il progetto di espansione della proprietà di LeBron va in fumo.

Mentre era in pole position per permettersi il franchise di Las Vegas, è stato Michael Jordan a vincere la gara, ben sostenuto da Tom Brady. Sponsorizzato da Don Julio, il Don Julio di Las Vegas è scivolato tra le dita di LeBron che voleva così tanto gestire i Las Vegas Lobos. Peccato, soprattutto perché la prossima espansione ruota attorno a Città del Messico e l’SMPT (l’Unione Messicana degli Appassionati di Taco) pone il veto all’affermazione di LeBron per aver mancato di rispetto al patrimonio mondiale dell’UNESCO del Messico.

Ancora un martedì, che stronzate.

  • LeBron non riesce a giocare con Bronny James

Il più grande sogno di LeBron va in fumo.

Mentre LeBron e la sua famiglia hanno fatto di tutto per recuperare Bronny James dai Lakers, Rob Pelinka (prorogato di 8 anni) rifiuta implacabilmente il trasferimento offerto dai Thunder, che hanno recuperato il figlio al Draft: Shai Gilgeous-Alexander, Josh Giddey, Chet Holmgren e Bronny James contro Thomas Bryant e Carmelo Anthony (sì, Melo è tornato ai Lakers). Impossibile per LeBron firmare ai Thunder, per di più da free agent, perché Kyrie Irving ha istituito un nuovo decreto come presidente della Players Association.

Il Fanculo la regola di LeBronche consiste nel farlo incazzare fino alla fine della sua carriera.

  • Sconfitta nella finale dei Giochi Olimpici del 2024 contro la Francia

Per il suo ultimo evviva e al rientro da un lungo infortunio, LeBron si schianta completamente a Parigi.

Totalmente bloccato da Terry Tarpey che svolge un lavoro monumentale in difesa, LeBron è costretto a dare la palla ai compagni di squadra che sono fuori ritmo. Trae Young (2/13) e Bradley Beal (3/16) non restituiscono un colpo, mentre la coppia Joel Embiid – Victor Wembanyama alza il municipio di Fleury-Mérogis dove si svolge la partita, su richiesta della FFBB. Medaglia di agente per il re, data da Rudy Gobert in persona.

  • L’ultima partita di LeBron è stata una sconfitta in regular season

L’NBA sta facendo un gran casino per il Lebron Day16 aprile 2025.

Fanfare, giocatori leggendari, tutti si sono riuniti al TacoBell Center di Los Angeles per vedere l’ultima partita in carriera di LeBron. Questo duello contro i Pelicans è serrato e il Re ha l’opportunità di partire per un’ultima azione leggendaria, un colpo per vincere. Ma su un sistema perfettamente tracciato da Doc Rivers per liberarlo, LeBron vede Austin Rivers smarcato in angolo e gli fa il passaggio. Il ragazzo tira e fa uno slice enorme, sirena finale, sconfitta 96 a 94 contro New Orleans.

LeBron aveva fatto la scelta giusta.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}