Alexander Ceferin ha ricevuto il negoziatore della Super League (e gli ha fatto una piccola sorpresa)

I sostenitori del Super Liga non disarmare. Questo martedì, Bernd Reichart, recentemente nominato capo di A22 Sports, il promotore di questa competizione europea dissidente, è stato ricevuto dal presidente di l’UEFA Alessandro Ceferin. Quest’ultimo è, ovviamente, il primo difensore di questo progetto che mira a soppiantare il Champions League. Basti dire che la discussione non prometteva grandi novità. Secondo il resoconto di A22 Sports ad inizio pomeriggio, era proprio così. Ma almeno i due uomini si parlavano.

Bernd Reichart ha spiegato durante questa intervista le ragioni per cui ritiene che le competizioni europee non possano rimanere come sono. Secondo lui, lo sviluppo del calcio continentale è ostacolato dal “coinvolgimento dei club nella governance delle competizioni, dall’incapacità delle competizioni per club in Europa di raggiungere il loro pieno potenziale, dall’assenza di controlli finanziari adeguati, dall’accessibilità per i tifosi e dalle esigenze di investimento per finanziare il calcio femminile, le infrastrutture e, soprattutto, la solidarietà”.

Quello che non dice però il comunicato inviato da A22 Sports è che “questo momento di dialogo” non è stato un faccia a faccia nell’ufficio del tecnico Uefa – contrariamente a quanto era stato promesso. Il giornalista della CBS Ben Jacobs, sempre ben informato sui misteri dell’organismo europeo, assicura che con sorpresa di Reichart, più di 30 persone erano state infatti invitate a questo incontro. Tra questi, il presidente della European Club Association (ECA) Nasser Al-Khelaïfi, quello della Liga Javier Tebas, i rappresentanti dei sindacati calciatori e delle associazioni di tifosi. Insomma, solo agguerriti oppositori del progetto.

“Chiaramente, i rappresentanti di A22 sono rimasti sorpresi dal numero di persone presenti, e sono stati massacrati per due ore”, dando “l’impressione di improvvisare” sulla serietà del loro progetto, riporta una fonte all’AFP. La dichiarazione ufficiale della UEFA al termine di questo incontro è molto chiara: “L’opposizione a questa autoproclamata Super League rimane schiacciante oggi come lo è stata dall’aprile 2021”, afferma l’istanza.

Un punto sorprendente, tuttavia, è che Bernd Reichart ha ripetutamente affermato che l’azienda che rappresenta e il nuovo concorso proposto non avevano nulla a che fare con il progetto. demolito in sole 48 ore nella primavera del 2021. Secondo il racconto di Ben Jacobs, il leader tedesco ha persino preso le distanze dal Real Madridda Barça e alcuni Juve, i tre club che difendono apertamente la creazione della Super League. Interrogato più volte sull’origine dell’agenzia sportiva A22 e sulle persone che l’hanno sostenuta, ha trascorso il suo tempo a calciare in contatto. Come se nessuno sapesse che uno degli azionisti è l’imprenditore franco-marocchino Anas Laghrari, vicino a Florentino Pérez, il boss del Real.

La battaglia continua

L’ECA ha anche emesso un comunicato stampa a seguito di questa sessione. Assicura di rimanere “fermamente contraria” a una Super League europea, definendola una “lega separatista elitaria” ed etichettando A22 Sports “un’entità di pubbliche relazioni commerciali non rappresentativa”. Da parte sua, l’agenzia desidera continuare a lottare contro la posizione di monopolio della UEFA in merito all’organizzazione delle competizioni, per la quale è stata presentata una denuncia. dinanzi alla Corte di giustizia dell’UE.

“La libertà di parola e la libertà di espressione sono diritti fondamentali. Nonostante la posizione assunta dalla UEFA, l’A22 continuerà i suoi sforzi per riformare il calcio, sulla base del feedback dell’intera famiglia calcistica, afferma Bernd Reichart. Stiamo parlando con molti club che vogliono prendere parte a questo dialogo per sviluppare basi durature per il calcio europeo, il che è molto incoraggiante. Questi spiriti liberi sono il futuro di questo sport. ” Solo quello.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *