• Home
  • Aude: lo sport del Narbonne piange André Maratuech

Aude: lo sport del Narbonne piange André Maratuech

0 comments

Il giorno dopo la tragica morte di André Maratuech all’età di 69 anni, la tristezza si è impadronita di Narbonne. Il presidente del Racing Club Narbonnais, Xavier Marco, il manager del club, Julien Seron, o anche Jérémie Ribourel, presidente del Narbonne Volley… Tutti rendono un toccante omaggio a questa figura dello sport e dell’economia dell’Aude.

Figura emblematica del Racing Club Narbonnais, André Maratuech è deceduto sabato 10 novembre a seguito di una grave malattia. Rimarrà per sempre uno dei più grandi personaggi del club “arancione e nero”. Originario di Lavelanet in Ariège, ha fatto parte della squadra campione di Francia il 27 maggio 1979 come sostituto, e in campo in quella che lo stesso anno vincerà il Challenge du Manoir. Il centro o l’ala ha saputo tutto con il Narbonne. Giocatore, leader, presidente dal 1991 al 1994, socio, membro del consiglio di amministrazione e sostenitore immancabile… Un vero fedele. Un vero vero.

Al Parc des Sports gli sarà reso omaggio il 14 gennaio

André Maratuech correva. Soprattutto le corse. Ma l’imprenditore – associato a François Sangalli – era anche socio dei circoli narbonesi. L’RCN quindi, ma anche il Narbonne Volley, il FUN, l’NHB… Tanti i club che gli rendono un vibrante omaggio.

Da questo sabato, un intero club piange questa personalità, un’intera città e altro ancora. Dalla trasferta al Dax per tifare Racing contro il leader della Nazionale, l’attuale presidente degli “arancioneri”, Xavier Marco, si è commosso fino alle lacrime parlando di André Maratuech.

“Mi è venuto un nodo allo stomaco quando l’ho scoperto. Ero un po’ pronto per questo momento difficile perché non lo sentivo molto dalla fine di novembre, ma non mi aspettavo che potesse succedere così presto. Lui è una persona che per il Racing c’è sempre stata, ho sempre avuto un messaggio di incoraggiamento, ci incontreremo presto per rendergli omaggio il 14 gennaio al Parc. vuole farlo per il giocatore, il tecnico, il presidente e tutto quello che ha è stato per questo club. È stato un fedele per più di 40 anni. È sempre stato un supporto incrollabile. Avrà sempre un posto speciale nel Racing. Ed è per questo che vogliamo fare le cose bene per segnare la memoria di questo grande uomo. Il minuto di applauso sarà d’obbligo, è inevitabile. Sono molto commosso e molto commosso. Lo conoscevo da molti anni. Abbiamo condiviso la stessa passione per lo sport ed è stato un piacere rivederci . Era innamorato delle corse e non potremo mai portarglielo via.”

Lascia un’impronta enorme sulla città e sul nostro club

Il manager del Racing Club Narbonnais, ex mediano di mischia del club, Julien Seron, ha provato un’emozione molto speciale quando ha saputo di questa scomparsa sabato mattina molto presto da parte di uno degli steward: “Ne sono inevitabilmente colpito. Lascia un’impronta enorme sulla città, sul nostro club. Ricordo un leader quando ero giocatore, una persona molto discreta, ma anche con molto carisma. Non parlava mai per non dire niente , è sempre stato molto specifico, molto rilevante. Quando ci siamo visti, abbiamo avuto un legame con il rugby. Abbiamo parlato delle corse, di questo sport, della nostra squadra e dello sviluppo perché lui era lì legato”.

Questa domenica, Narbonne Volley ha ospitato Saint-Nazaire per un’altra giornata di campionato. Ma ancora una volta, i pensieri erano con André Maratuech. Prima dell’incontro, il presidente dell’Aude, Jérémie Ribourel, ha voluto condividere la sua tristezza con gli spettatori dell’Arena. Dopo un discorso toccante, ha chiesto un minuto di applausi per questo caro amico del club “rosanero” e partner molto simbolico.

“Sono triste per la sua famiglia, i suoi cari, la sua azienda e per lui. Ricordo una persona che mi ha sempre sostenuto nel mio ruolo di presidente. André mi ha sempre incoraggiato a continuare, si è congratulato. Ha davvero contato nel mio impegno per Narbonne. Fondamentale che sia una vera figura del Racing da giocatore, dirigente, presidente e quant’altro, ha segnato lo sport della città in generale, non è stato avaro di ‘incoraggiamenti’.

Questo sabato, 10 dicembre, sarà segnato per sempre dalla morte di questo grande uomo dello sport di Narbonne. André Maratuech riceverà ancora molti omaggi e rimarrà uno di quei personaggi che i narbonesi non dimenticheranno mai.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}