• Home
  • Australian Open: e se Magda Linette andasse fino in fondo? “Sono abbastanza calmo”

Australian Open: e se Magda Linette andasse fino in fondo? “Sono abbastanza calmo”

0 comments

La Polonia avrà una rappresentativa nelle semifinali a Melbourne. Ma questo ovviamente non è quello che ci aspettavamo. Mirabilmente, Magda Linette ha quindi preso il posto della numero 1 del mondo Iga Swiatek, eliminata agli ottavi di questo Australian Open. E giro dopo giro, non finisce mai di stupire. Dopo Anett Kontaveit, Ekaterina Alexandrova e Caroline Garcia, mercoledì ha eliminato la sua quarta testa di serie consecutiva. nella persona di Karolina Pliskova (6-3, 7-5).

A 30 anni e quando non aveva mai superato la fase del 3° round del Grande Slam, questo percorso ha qualcosa di incongruo, dell’ordine di un sogno a occhi aperti. Ma passata l’emozione della qualificazione, Linette si è già proiettata in una conferenza stampa.

Open d’Australia

Paul non ha perso l’occasione: momenti salienti della sua vittoria nei quarti di finale contro Shelton

UN’ORA FA

Sorprendentemente, sono abbastanza calmo, ha pensato. Mi ha aiutato molto e penso che sia una buona notizia per la prossima partita, soprattutto perché domani giocheremo. (Seduta di giovedì sera contro Aryna Sabalenka, ndr). Oggi (Mercoledì), Sono rimasto davvero mentalmente stabile. Soprattutto quando il mio servizio era duro e lei era molto aggressiva. Il mio primo proiettile non è sempre stato lì. Ma sono riuscito davvero a non farmi prendere dal panico, a rimanere nello scambio ea provocare le cose quando ne ho avuto l’opportunità..”

Linette sulla sua difficile carriera: “A volte è difficile gestire la pressione…”

Ho affrontato grandi giocatori, non c’è niente di veramente nuovo

Se per lei questa quindicina di giorni è ovviamente eccezionale, la polacca è in pista da molti anni. Membro regolare della Top 50 – 33esima al suo Top, è già assicurata la 22esima peggior lunedì prossimo -, Linette ha dalla sua la sua esperienza. Giocare alla Rod Laver Arena, qualunque fosse l’aura della rivale che aveva di fronte, non era quindi tale da destabilizzarla, come lei stessa ha spiegato.

Ho affrontato tanti grandi giocatori. Non c’è niente di veramente nuovo per me. Era solo un altro gioco. Ovviamente scende più in basso nella classifica, ma in qualche modo la sensazione è la stessa. Di solito gioco contro Karolina nel primo round – è successo due volte agli US Open – quindi sembra abbastanza normale.” Tanto più che a Flushing della scorsa estate era già andata vicina alla vittoria contro la Pliskova, cedendo solo dopo il tie-break del terzo set.

Ma se Linette è convinta che questo torneo possa essere suo, è anche perché ha mangiato il suo pane nero. Due anni fa, ha dovuto rinunciare a questo stesso Australian Open all’ultimo momento a causa di un infortunio al ginocchio che l’ha messa fuori gioco per cinque mesi dal circuito. Un’esperienza tanto più dolorosa in quanto ha dovuto attendere quasi 11 settimane per ottenere una diagnosi.

Primo pallone a mezz’asta e impossibilità di rientrare: Garcia asfissiato da Linette

Una vendetta sul destino

Era qualcosa di abbastanza semplice. Alla fine, ho subito un intervento chirurgico al menisco, ma poiché il problema era in un punto delicato, nessuno poteva davvero vedere cosa stava succedendo. Abbiamo davvero cercato di evitare l’operazione. Pensavamo di potercela fare, ma il giorno prima del mio volo per l’Australia, letteralmente, il dolore è tornato con più intensità. Avevo già prenotato la mia camera d’albergo. Ho ascoltato tutti lamentarsi della quarantena, ma ero così geloso perché volevo davvero essere lì“, ha confidato.

All’età di 28 anni, la polacca temeva per il resto della sua carriera. Ma questo duro colpo gli ha paradossalmente permesso di fare un passo indietro, di prendere decisioni difficili, come quella di separarsi dal suo storico allenatore, ma alla fine vantaggiose per il futuro. In un certo senso, Linette ha fatto quel passo indietro che finora le era mancato per rivelarsi al massimo livello. Dietro ogni problema si nasconde un’opportunità, è in un certo senso la formula chiave di questa epopea.

Quindi non è la prospettiva di affrontare Aryna Sabalenka per un posto in finale a spaventarla. “Non ero al meglio durante il nostro ultimo duello ai Giochi. Ho spazio per migliorare, non può andare peggio (sconfitta 6-2, 6-1, ndr). Cercherò di fare come dall’inizio del torneo. Sono molto costante, rispondo molto bene e proteggo i miei giochi di servizio. Sarà un po ‘più costante di Pliskova in costante aggressione.” E metti di nuovo in azione le sue gambe favolose, che le hanno permesso di fare miracoli finora. Linette non è più un’impresa distante.

Open d’Australia

Grande primo per Paul

2 ORE FA

Open d’Australia

Gauff/Pegula – Chan/Yang – Highlights della partita – Australian Open

2 ORE FA

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}