Bastianini dovrà “pensare avanti” prima di attaccare Bagnaia

L’equazione è così semplice Pecco Bagnaia propone a Ducati la sua seconda incoronazione tra i piloti a Valencia: l’italiano diventerà campione del mondo e Fabio Quartararo non vince o se prende almeno il punto del 15° posto in caso di successo del campione in carica. Ci sono quindi poche possibilità che Ducati ricorra alle indicazioni del team, al centro dei dibattiti delle ultime settimane, e la Casa italiana ha addirittura preferito ironizzare sull’argomento.

“Ci saranno ‘istruzioni del costruttore’: Ducati dovrà vincere a Valencia, chiunque sia il pilota perché se vince Ducati e Fabio è secondo, non può essere Campione”, Paolo Ciabatti si è divertitoil direttore sportivo del marchio, all’arrivo di un Gran Premio della Malesia dove Enea Bastianini piazzato secondo, al volante di Bagnaia. Il pilota Gresini, che la prossima stagione diventerà compagno di squadra del torinese nella squadra ufficiale, aveva preso in considerazione il sorpasso all’ultimo giro ma alla fine rinunciato a un attacco che sarebbe potuto finire male.

“Ho fatto tutta la mia gara con cura, perché sappiamo che il titolo è molto importante per noi Ducati”ha ricordato Bastianini questo giovedì a Valencia. “Ho spinto molto per cercare di dare il massimo ma all’ultimo giro Pecco era davanti a me, ho provato a sorpassarlo ma senza strafare perché era un po’ troppo pericoloso”.

La situazione è alquanto cambiata con la guida assunta da Bagnaia grazie a questo successo e Bastianini intende rispondere favorevolmente all'”istruzione del costruttore” data da Ciabatti: “L’obiettivo è provare a vincere. Domani dovremo vedere durante le prove libere ma penso che per Pecco sarà facile vincere il titolo. Tutti i piloti Ducati possono correre. Noi possiamo attaccare!”

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Enea Bastianini, Gresini Racing

Pecco Bagnaia e Enea Bastianini al GP de Malaisie

Attaccare sicuramente, ma senza correre rischi avventati, anche se Ducati non ha imposto istruzioni più formali. “Penso, non lo so!”, ha chiarito Bastianini dopo essere stato interrogato sull’argomento, dimostrando tuttavia la sua volontà di non creare un incidente che possa offuscare i suoi rapporti con il futuro compagno di squadra: “Forse dovremo essere ‘calmi’ con Pecco in questa gara. […] Se vinco non è un problema”.

“Sono sempre concentrato sul mio lavoro”disse Bastianini. Abbiamo lavorato molto con la squadra per essere efficienti e fare il massimo domenica, ma a volte devi anche farlo pensando al futuro, perché è importante che io arrivi in ​​Ducati in una buona situazione. Sarò felice se Pecco vincerà il campionato perché il prossimo anno mi darà buone motivazioni”.

Ci sono quindi poche possibilità di vedere Enea Bastianini tentare un sorpasso all’ultimo giro, come quello che aveva avuto ha dato la vittoria al MotorLand Aragone soprattutto riprodurre la manovra considerato troppo pericoloso da Ducati al Gran Premio di San Marino: “A Misano ho provato davvero di tutto per sorpassare Pecco ma era impossibile. Qui non lo so. Penso che sia un circuito diverso, che tutti gli altri piloti domenica saranno bravi e che la lotta non sarà solo con Pecco”.

Il weekend di Bastianini non ruoterà solo intorno a Bagnaia visto che è ancora in corsa per il terzo posto in campionato, staccato di un solo punto Aleix Espargaroe sta per lasciare una squadra Gresini che ha trovato con il successo che conosciamo quest’anno, dopo aver gareggiato per due stagioni in Moto3: “Il mio rapporto con questa squadra, Gresini, è stato fantastico fin dall’inizio. Per me è una famiglia perché abbiamo iniziato insieme nel 2014. È stato fantastico tornare qui. Questo terzo posto potrebbe essere la ciliegina sulla torta”.

E poiché le istruzioni vengono regolarmente citate, Bastianini vorrebbe approfittarne per aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo. “Se i piloti Ducati mi aiutano, per me va bene!” esplose con uno scoppio di risate.

Leggi anche:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *