• Home
  • Benzema, una comunicazione vaga come il suo infortunio / Equipe de France / Benzema / Mood ticket / SOFOOT.com

Benzema, una comunicazione vaga come il suo infortunio / Equipe de France / Benzema / Mood ticket / SOFOOT.com

0 comments

Karim Benzema continua a mantenere il mistero sulla sua partenza dalla Francia all’inizio della Coppa del Mondo. Una comunicazione sfocata che non serve all’attaccante del Real Madrid, che pure potrebbe avere buoni motivi per essere rimontato.

La stagione autunno-inverno 2022-2023 di Karim Benzema è paradossale. Il suo Mondiale si è concluso prima della prima partita contro l’Australia eppure continua ancora una settimana dopo la finale persa dalla Francia contro l’Argentina – giorno dopo il quale aveva peraltro annunciato il suo ritiro internazionale mentre le medaglie d’argento hanno ricevuto alcune onorificenze sul balcone dell’Hôtel Crillon -. Con messaggi, tweet e stories a volte criptici, a volte enigmatici, il Pallone d’Oro 2022 dà l’impressione di voler mettere sul tavolo un problema: sarebbe stato estromesso dal girone azzurro troppo presto.

Il suo ex agente, il sempre vicino e molto attivo Karim Djaziri, metti un gettone nella macchina questo lunedì sera pubblicando un video che mostra lo stato del quadricipite dell’attaccante con spiegazioni in voice over, che il titolare dell’account riassume sobriamente come segue: “Quello l’ho messo lì ma ho consultato tre specialisti che confermano la diagnosi che Benzema poteva essere in forma dall’ottavo per stare almeno in panchina! Perché gli hai chiesto di andarsene così in fretta? » . un cinguettio è piaciuto più di 2.100 volte, inclusa una dello stesso Karim Benzema, che ha anche pubblicato un tweet sul proprio account. Lo vediamo in un grazioso maglione sormontato dalla legenda “Perché una volta che l’hai visto, lo sai!” » . Capire chi può, e questo è il problema.

Tutti catturano primo che c’è un intoppo nella gestione del caso Benzema durante questo Mondiale. Karim Djaziri, già, ha riassunto piuttosto bene il suo punto di vista nel caso, il 25 dicembre tra il tacchino e il tronco: “Una settimana dopo la sua partenza, Benzema ha ripreso a correre e ad allenarsi per 4 giorni dopo giocando 30 minuti in un’amichevole con il Real Madrid… Ma per Stéphan non ha potuto prendere parte al torneo! Ma continua a mentire, la verità sta arrivando. (…) E’ il diario di bordo del Dottor Le Gall che va pubblicato… Non aver aspettato 2/3 giorni per confermare la diagnosi è colpa professionale o peggio da parte sua! » . Una comunicazione che lasciava intendere genericamente che ci potesse essere una volontà dei Blues di separarsi dal giocatore contro la volontà di quest’ultimo.

Se lo è, Karim Djaziri e Karim Benzema hanno ragione. Se lo è, Didier Deschamps non ha voluto occuparsi – per dirla banalmente – del caso Benzema durante la competizione, forse temendo che inquinasse mediaticamente l’avventura, o altro. Se lo è, lo staff ha davvero preso una decisione sbagliata, dove ad esempio ha dato il tempo a Raphaël Varane, infortunato contemporaneamente a KB9 all’inizio del torneo, di rientrare. Ma in questo caso, piuttosto che perdersi in vaghe comunicazioni, mantenere misteri e cose non dette, perché non indicare chiaramente qual è il problema? Perché non spiegare cosa ci sarebbe in gioco dietro questa partenza in sordina, che sarebbe quindi forzata, piuttosto che lasciare che il pubblico e gli osservatori diffondano voci e speculazioni? Cosa si nasconde dietro questo imbroglio: risentimento, inimicizia o sfortunata incompetenza? Perché i Blues avrebbero pensato bene di fare a meno del miglior attaccante dell’anno, che aveva fatto una rimonta più che convincente in maglia tricolore negli ultimi 18 mesi e che aveva senza dubbio voglia di brillare in un’ultima Coppa? del mondo, piuttosto che gestirla per altri dieci giorni prima di farla giocare di nuovo, per esempio contro la Polonia? Perché prendere tempo e non porre fine alla suspense il prima possibile quando il futuro di Didier Deschamps con la Federazione dovrebbe essere segnato nei prossimi giorni? È tempo che Karim Benzema, il comunicatore, diventi come Karim Benzema, il giocatore: semplice, efficiente e indiscutibile.

Di Pierre Maturana

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}