• Home
  • Biarritz Olympique (Pro D2): il futuro è di Erdocio

Biarritz Olympique (Pro D2): il futuro è di Erdocio

0 comments

Il tempo delle feste sul prato di Bidart sembra lontano. «I piccoli, con gli amici, avevano fatto un buco nella recinzione per passare più velocemente dal giardino di famiglia al campo dello stadio», ricorda Sébastien Dufau, ex capitano e prostituta del Bidart Union Club e L’idolo d’infanzia di Erdocio. Da allora ha assaggiato la Top 14, soprattutto con la casula sostitutiva e si è insediato definitivamente in Pro D2. Segnerà un 14esimo tabellone su 14 e un 10esimo mandato, questo venerdì sera contro il Soyaux Angoulême (19:30).

“Non c’è nessun segreto”

Non c’è intervento magico o divino in questo corso impennato. Peccato per le belle storie di Natale. Secondo il suo entourage affettivo e sportivo, c’è soprattutto la forza del lavoro e la voglia di arrivarci. “Quando vedo da dove è partito, cosa ha fornito e i sacrifici che fa, non c’è fortuna. È andato a scoprire cosa gli sta succedendo. Della squadra cadetti del BO che abbiamo formato a 14 anni, era già quello che lavorava di più. È anche l’unico arrivato finora ”, afferma Julien Lebonnec, uno dei suoi migliori amici, ora pilastro di Peyrehorade.

Benoît Baby, direttore sportivo del centro di formazione Biarritz Olympique, è più in contanti: “Baptiste, non è mai stata la pepita. Ha fatto il lavoro necessario e si è dato i mezzi per esserci. Tutti quelli che lo conoscevano hanno visto il potenziale e lo hanno sostenuto. Dopo, ci sono 900 professionisti in Francia, 900 ragazzi di talento. Di chi esce, non c’è segreto, è chi lavora sodo. Lui ne fa parte. »

Baptiste Erdocio è uno dei giocatori più utilizzati dallo staff del Biarritz con 14 tabellini e 58 minuti di media.


Baptiste Erdocio è uno dei giocatori più utilizzati dallo staff del Biarritz con 14 tabellini e 58 minuti di media.

Bertrand Lapègue

Le sue prestazioni, la fiducia dello staff del Biarritz e i numerosi infortuni nel suo ruolo lo hanno inserito nella short list dei giocatori più utilizzati (insieme a Millar, Sauveterre e Tyrell). Un tempo di gioco significativo per continuare la sua costruzione. “Da agosto si è già evoluto, continua Baby. È più veloce nei rucks, fa più passaggi dopo il contatto. Ha anche vere qualità di tre quarti. Guarda come verranno utilizzati. È uno dei migliori pilastri di Pro D2 che ha i mezzi per vedere oltre. »

Lavoro-passione

Spinto dalla passione per questo sport e dal sogno di giocare nel club della sua adolescenza, lui stesso potrebbe non avere voglia di lavorare. “A qualsiasi livello si sarebbe divertito perché è un ragazzo che ama il rugby”, dice Dominique Argagnon, co-presidente del club Bidart ed ex educatore di Erdocio alla scuola di rugby. Fin dall’inizio sembrava che fosse semplicemente felice di essere lì. Sébastien Dufau vede il ragazzino che ha portato nello spogliatoio del bidartar per i discorsi. È d’accordo: “Potrebbe esserci ancora l’incuria dell’età, ma ha ancora una passione per il gioco. È un lavoro ma ama questo sport da quando è nato. »

Come non bastasse, il giovane si è dimostrato anche allenatore e talvolta anche capitano di questo Biarritz Olympique 2022-2023. “Per questo, devi giocare, avere carattere, essere riconosciuto e accettato dai tuoi partner e dal pubblico”, afferma Benoît Baby. Era stato capitano nelle speranze, può aiutare a prendere fiducia. Lì, essere figlio del club e parte della squadra aiuta a sviluppare il giocatore che è. Un po’ come Maxime Lucu prima di lui. »

unicorno o niente

Questo ruolo di leadership non sorprende ancora nessuno tra coloro che gli sono vicini. “Si raccoglie facilmente dietro di sé, sottolinea Dufau. È sempre gioviale, mai imbronciato. Argagnon descrive a sua volta: “Ha questo spirito di solidarietà che ti fa venir voglia di seguirlo. Per divertirci, ci sediamo facilmente accanto a lui. Ha sempre la parola giusta, la frasetta per far ridere o per incoraggiare e rinfrancare il partner. »

La rabbia di Baptiste Erdocio durante la vittoria contro La Rochelle nella Top 14, la scorsa stagione (27-24).


La rabbia di Baptiste Erdocio durante la vittoria contro La Rochelle nella Top 14, la scorsa stagione (27-24).

Bertrand Lapègue

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}