• Home
  • Boris Becker rilasciato dal carcere nel Regno Unito e tornato in Germania

Boris Becker rilasciato dal carcere nel Regno Unito e tornato in Germania

0 comments

L'ex tennista Boris Becker, qui il 29 aprile 2022, a Londra.

Dopo otto mesi di carcere nel Regno Unito per reati finanziari, l’ex numero 1 del tennis mondiale Boris Becker è stato rilasciato giovedì 15 dicembre ed è subito rientrato in Germania.

Boris Becker, 55 anni, “ha scontato la pena e non è soggetto ad alcuna restrizione penale in Germania”ha detto il suo avvocato, Christian-Oliver Moser, respingendo in anticipo, “per motivi di privacy”qualsiasi domanda in merito “il suo luogo di residenza”. L’ex campione sarebbe arrivato a Monaco, giovedì, in pieno pomeriggio, a bordo di un aereo Cessna della compagnia di jet privati ​​Air Hamburg, secondo il settimanale Lo specchio. L’aereo è stato noleggiato, secondo i media britannici, da una compagnia audiovisiva, il cui nome non è stato reso pubblico, che gli ha pagato una generosa somma per raccontare la sua storia.

La piattaforma Apple TV+ dovrebbe presto trasmettere un documentario in cui l’ex campione si confida, ma potrebbero essere in preparazione interviste, concesse ad altri media.

Già condannato in Germania nel 2002

Il sei volte vincitore del Grande Slam, che viveva nel Regno Unito dal 2012, è stato riconosciuto colpevole ad aprile di aver nascosto o trasferito illecitamente centinaia di migliaia di euro e sterline per evitare di saldare i suoi debiti dopo essere stato dichiarato fallito. Lui è stato condannato a due anni e mezzo di reclusione da un tribunale di Londra, ma ha scontato solo otto mesi.

Secondo la Press Association, Boris Becker è stato rilasciato giovedì mattina dal carcere di Huntercombe, a circa 60 miglia a ovest di Londra, perché idoneo all’espulsione in quanto straniero condannato a più di dodici mesi di carcere.

Al momento del suo fallimento nel 2017, a seguito di una serie di pessimi affari, i debiti dell’ex superstar del tennis, il più giovane vincitore di Wimbledon a 17 anni, erano stimati fino a 50 milioni di sterline (58 milioni di euro).

Questo caso non è il primo per Boris Becker, uno sportivo irrequieto, che aveva vissuto a Monaco e in Svizzera prima di stabilirsi nel Regno Unito. Aveva già avuto battute d’arresto legali per debiti non pagati con la giustizia spagnola, riguardanti il ​​lavoro nella sua villa a Maiorca, e con la giustizia svizzera per non aver pagato il parroco che lo aveva sposato nel 2009.

Nel 2002, i tribunali tedeschi lo hanno condannato a due anni di reclusione con sospensione della pena ea una multa di 500.000 euro per circa 1,7 milioni di euro di tasse arretrate. Questa volta è stato accusato in particolare di aver trasferito centinaia di migliaia di sterline da un conto professionale ad altri conti, in particolare delle sue ex mogli, di non aver dichiarato proprietà in Germania e di aver nascosto un prestito di 825.000 euro e azioni in una compagnia.

Metti alla prova la tua cultura generale con la scrittura del “Mondo”

Scoprire

Boris Becker, che ha contestato tutte le accuse, era stato invece assolto da alcune altre accuse, tra cui quelle relative alla scomparsa dei suoi trofei. Aveva assicurato all’udienza che non sapeva dove fossero. Tra i nove riconoscimenti su cui i creditori avrebbero voluto mettere le mani ci sono due delle sue tre coppe di Wimbledon, due trofei dell’Australian Open e la sua medaglia d’oro nel doppio alle Olimpiadi del 1992. star ha spiegato durante il processo, che si è svolto dal 21 marzo all’8 aprile, di avere ancora in suo possesso ” Un sacco “ di riconoscimenti e ricordi accumulati in quindici anni di circuito, ma alcuni sono scomparsi. Aveva già venduto parte dei suoi premi all’asta per 700.000 sterline (840.000 euro) per saldare parte dei suoi debiti.

Il mondo con AFP

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}