• Home
  • Charlie Quarterman: “Ha cambiato la mia vacanza” – News

Charlie Quarterman: “Ha cambiato la mia vacanza” – News

0 comments

Charlie Quarterman ha avuto la buona notizia che stava aspettando da tanto tempo. L’ex residente di Trek-Segafredo ha trovato un contratto professionale con il ProTeam italiano Corratec (leggi qui). “L’ho scoperto a metà ottobre quando ero in vacanza in Norvegia. Questa è la prima volta dall’agosto 2021 che mi sento veramente rilassato. Non riesco a descrivere quanto mi faccia stare bene, lo stesso per la mia ragazza che sta attraversando tutto questo con me. Ha cambiato la mia vacanza. Questa è la fine di una lunghissima storia“colpo a DirectVelo il 24enne britannico.

Era in contatto con un altro ProTeam da luglio. “Ma a ottobre non avevo ancora una risposta. Ho iniziato a chiedere altrove. Era un po’ all’ultimo minuto e ho ricevuto la risposta di Corratec abbastanza rapidamente. Non ho esitato. Ho parlato con il mio agente e con amici che conoscevano la dirigenza. Per il loro primo anno in Continental, hanno vinto molte gare, mi ha dato fiducia. Una volta saputo di cosa si trattava, sono stato molto felice di accettare l’offerta“. La formazione italiana conta 20 elementi. “Ci sono piloti molto bravi come Valerio Conti o Attilio Viviani. Ma non ci sono grandi leader come in Trek. Mi permetterà di dimostrare il mio valore. Devo assicurarmi il mio posto tra i professionisti. Non potrò permettermi di tornare giù al livello amatoriale“.

“IL LIVELLO PER FARE MOLTO MEGLIO”

Charlie Quarterman sta uscendo da un anno in N1 con Philippe Wagner Cycling. “Funziona in modo molto diverso dai professionisti. In Francia sono rimasto sorpreso dall’ottimo livello fisico. Ho pensato che sarebbe stato più facile dopo il WorldTour. C’è molta più accelerazione e meno controllo tra le squadre. È rischioso aspettare la fine della gara. Non sai mai quando partirà la fuga giusta e se tornerà. Non è facile essere davanti alla fine anche quando sei in forma. Mi sento come se avessi sprecato molte energie seguendo mosse sbagliate. Devi rimanere costantemente attento, non puoi fare affidamento sui tuoi compagni di squadra“.

Ha ottenuto una sola vittoria in Francia durante la crono del Tour du Loiret a maggio (guarda il suo profilo DirectVelo). “Mi delude un po’. Penso di aver avuto il livello per fare molto meglio. Non ho avuto questo sblocco mentale, soprattutto all’inizio dell’anno quando ero davvero in ottima forma. Stavo uscendo da due anni in cui correvo solo per altre persone e dove mi veniva detto cosa dovevo fare. Avere più libertà è sia un bene che un male. Ho avuto problemi ad avere fiducia e ad iniziare lo sprint al momento giusto. Ho avuto un buon numero di secondi posti, non scatto troppo male, ma non come i migliori in Francia“.

“UN SECONDO CONTRATTO CON I PRO NON SI VINCE COSÌ”

La sua esperienza tra i dilettanti lo ha anche temprato. “Prima non mi rendevo conto di quanto fossi fortunato ad essere un professionista. Ho preso tutto alla leggera. C’è un conforto, vedi com’è avere tutto intorno a te. Ma non dimenticare da dove vieni, è quello che ho visto quest’anno. Un secondo contratto con i professionisti non si vince così“. Intende mettere tutte le possibilità dalla sua parte nel 2023. “So quanto sia importante dare tutto durante le gare e prima e dopo a casa. Sarà un anno intero. Il 2022 mi ha fatto capire che era necessario essere ben circondati in casa ed essere seguiti da un osteopata, un fisioterapista, un massaggiatore, uno psicologo…. Passi la maggior parte del tempo a casa ed è lì che fai la differenza. In gara abbiamo tutti le stesse condizioni in squadra“.

Un vicino d’Italia, Charles Quarterman vive in Alta Savoia e parla correntemente il francese oltre alla sua lingua madre. “L’obiettivo di questo inverno sarà anche imparare l’italiano. Ma non mi dispiace perché è il mio posto preferito per le vacanze“, sorride il britannico la cui squadra ha sede in Toscana. Avendo acquisito lo status di ProTeam lunedì (leggi qui), Corratec è ovviamente un candidato per un invito al Giro d’Italia. “Non sarà facile perché non abbiamo ancora dato prova di noi stessi. Ma se iniziamo bene la nostra stagione, potrebbe diventare possibile“.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}