Chi è il calciatore spagnolo Pablo Mari, accoltellato mentre faceva shopping con il suo bambino?

“Ero con il mio bambino nel carrello quando ho sentito un dolore lancinante alla schiena. Un uomo ha poi pugnalato un altro alla gola. Sono stato fortunato, perché ho visto una persona morire davanti a me. Le parole sono agghiaccianti. Sono di Pablo Mari, che giovedì sera stava tranquillamente facendo shopping in un negozio Carrefour vicino a Milano. Il centro commerciale era pieno a causa di un concerto dei Placebo non lontano.

Improvvisamente, un italiano di 46 anni affetto da disturbi psichiatrici ha iniziato ad accoltellare a tutti i costi, uccidendo cinque persone, una delle quali è rimasta ferita a morte. È un dipendente del negozio di Assago, alle porte di Milano. L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri pochi istanti dopo l’aggressione. Le autorità hanno respinto la traccia di un attentato terroristico, favorendo la tesi dell’atto di una persona squilibrata.

Pablo Mari è stato portato in ospedale cosciente e in condizioni non considerate gravi. Soffre di “una ferita piuttosto profonda alla schiena”, dicono i medici, ma la sua vita non è in pericolo. Il giorno dopo l’aggressione, l’ospedale in cui è stato portato indica che è cosciente e in grado di parlare. Venerdì è stato operato con successo. L’intervento è servito a risolidificare il tessuto muscolare della schiena colpito durante l’attacco, riportano i media italiani.

È in questo raggio che è avvenuto l'attacco.
È in questo raggio che è avvenuto l’attacco. Reuters / Flavio Lo Scalzo

Pablo Mari Villar è un calciatore professionista di 29 anni che gioca dall’inizio della stagione all’AC Monza, nella città vicinissima al famoso circuito automobilistico. Il club vicino al Milan è entrato per la prima volta in Serie A la scorsa estate. La squadra aveva bisogno di rinforzi e l’Arsenal, il club londinese, gli ha prestato Pablo Mari. Nel contratto era previsto un obbligo di acquisto fissato a 5 milioni di euro se il club rimanesse in serie A a fine stagione. Dopo 11 giornate, Monza è 15° in classifica.

Ha suonato in Spagna, Paesi Bassi, Brasile, Inghilterra, Italia…

Sul lato sinistro, Mari non ha mai indossato la maglia della selezione spagnola ma in carriera ha fatto un bel giro del mondo. In un decennio ha già frequentato dieci club diversi. Ha iniziato a Maiorca nel 2011 prima di proseguire gli studi al Gimnastic de Tarragona nella periferia di Barcellona. Il club gioca in D3 iberico ma ciò non impedisce a Mari di farsi notare da un club più potente: il Manchester City.

Non ha avuto il tempo di abituarsi alla vista nelle nebbie di Manchester da quando è stato subito ceduto in prestito al Girona ed è tornato a casa in Spagna nel 2016. Un anno lì si è poi diretto in Olanda e nel NAC Breda, sempre su un anno prestito. Appartiene ancora al City che lo tiene d’occhio ma non lo rimpatria ancora.

Un nuovo prestito viene offerto a Pablo Mari nel 2018, ma ha desideri altrove. Rilasciato dal Manchester, è partito per il Brasile nel luglio 2019 per unirsi al Flamengo. Con il club di Rio, ha gareggiato nella Copa Libertadores, la Champions League del continente sudamericano e ha messo il suo nome nei libri di storia. È il primo giocatore spagnolo, nel novembre 2019, a vincere questo trofeo.

Anche in questo caso, l’avventura carioca non dura. Tre mesi dopo la finale contro gli argentini del River Plate (2-1), è tornato in Europa nel gennaio 2020, poco prima dell’inizio della pandemia. Pablo Mari firma con l’Arsenal per sei mesi con un’opzione per l’acquisto di 8 milioni di euro. Al termine della stagione troncata dal Covid, l’Arsenal ha esercitato l’opzione di acquisto e gli ha fatto firmare un contratto fino al 2024. Fine trasferta per la famiglia Mari? Non ancora. Il 20 gennaio 2022 Pablo è stato ceduto in prestito per sei mesi all’Udinese in Italia e poi lo scorso agosto all’AC Monza. Pablo Mari dovrebbe rimanere ricoverato in ospedale per qualche giorno e tornare alle competizioni entro due mesi, dopo i Mondiali in Qatar (20 novembre-18 dicembre).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *