• Home
  • Christophe Dugarry milita per Zinedine Zidane e affronta Didier Deschamps!

Christophe Dugarry milita per Zinedine Zidane e affronta Didier Deschamps!

0 comments

Cosa c’è dopo questo annuncio

Nonostante la sua seconda finale di Coppa del Mondo disputata (la terza in un torneo importante con Euro 2016, persa contro il Portogallo), il futuro di Didier Deschamps sulla panchina della Francia sembra un po’ più vago di prima. questa Coppa del Mondo del Qatar. Tuttavia, il presidente della Federcalcio francese Noël Le Graet è stato categorico prima del torneo mondiale: se si raggiungessero le ultime quattro, è l’allenatore che potrebbe prendere la decisione di restare o andarsene. Con questa finale persa contro l’Argentina, DD dunque la scelta riguardante il suo futuro alla guida dei Bluese vorrebbe anche continua la sua avventura fino alla fine del Mondiale 2026previsto in Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico).

Il campione del mondo 1998 (giocatore) e 2018 (allenatore) è stato comunque criticato da diversi osservatori e consulenti del calcio francese, e anche da alcuni suoi ex compagni di squadra. Tra loro, il suo amico in Francia Christophe Dugarry e i Girondins de Bordeaux (63 partite giocate insieme). Anzi, l’ex attaccante della nazionale francese (55 presenze, 8 gol), oggi consulente tv e radio, non ha apprezzato i contenuti offerti dai Blues domenica scorsa contro l’Albiceleste, tutt’altro. “Sono deluso e triste, prima. E poi arrabbiato, perché era una finale alla nostra portata contro un avversario meno forte di noi. (…) Siamo stati calpestati nella finale dei Mondiali. Com’è possibile ? Per il bene della squadra francese, questo dibattito deve aver luogo. Se bastasse, va detto. Se era fisico, bisogna dirlo anche lui. In modo che non accada di nuovo. Come puoi essere così invisibile, così privo di ispirazione con la palla, così lontano nei duelli? Non è la sconfitta il problema. Sono quegli ottanta minuti e sono scioccato dal fatto che questo dibattito non abbia avuto luogo., ha detto in un’intervista a Il gruppo. Al di là dell’emozione, perché anch’io ho vibrato, sono ancora scioccato da questi ottanta minuti. Se non siamo campioni del mondo è per questi ottanta minuti. Se li giochiamo al nostro livello, vinciamo questa partita senza problemi e siamo campioni del mondo. »


Leggere
EdF: Lewis Hamilton supporta Aurélien Tchouameni e Randal Kolo Muani

“Preferirei che fosse ‘Zizou'”

L’ex attaccante di Olympique de Marseille e FC Barcelona confida che vorrebbe vedere un cambio in testa alla selezione, e dà anche la sua preferenza sul potenziale successore dell’attuale allenatore dei Blues: “Che lui (Didier Deschamps, ndr) rimanga cinque anni, dieci anni, quindici anni in più, non è un mio problema, non sta a me deciderlo. Non nascondo che preferirei che fosse “Zizou” (Zinedine Zidane ), Voglio vedere qualcos’altro. Deschamps, ho sentito cosa dice, ma non puoi dire che la Francia è di tutti e tenerla per dodici anni, soprattutto quando hai un possibile successore che ha vinto la Champions League (con il Real Madrid, nel 2016, 2017, 2018) e che può portare qualcosa alla squadra francese.In termini assoluti, peraltro, non mi riguarda».dice, sempre sulle colonne del quotidiano sportivo francese, prima di spiegare la sua propensione per il Pallone d’Oro 1998 alla guida della Francia.

Cosa c’è dopo questo annuncio

Infatti, Christophe Dugarry ammette di non sostenere più l’importanza che Didier Deschamps attribuisce al risultato finale, senza affrontare il contenuto mostrato sul rettangolo verde. Un senso delle priorità che, secondo lui, lascia in secondo piano le idee di gioco: “Non puoi mai parlare di calcio. Che non lo facciamo quando vinciamo, come nel 2018, sul tema “Non mi interessa, ho vinto”, va bene, alla fine, ma quando perdi, devi una spiegazione, devi almeno un dibattito sulla preparazione della partita. Il discorso non è stato ascoltato? Pensavano che la “figa DD” e un colpo di (Kylian) Mbappé sarebbero bastati per vincere? Non oso nemmeno immaginare cosa avremmo preso nel 1998 se avessimo fatto ottanta minuti così nella finale dei Mondiali. » Il messaggio è arrivato.

Pub. il

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}