Coppa del Mondo di rugby femminile: le azzurre possono creare l’impresa e battere le neozelandesi in semifinale?

l’essenziale
Per l’ottava volta nella loro storia, gli Habs sono saliti alle semifinali di Coppa del Mondo, dopo aver battuto le italiane (39-3), sabato 29 ottobre nei quarti di finale. Sabato 5 novembre (7:30 ora francese) affronteranno le Felci Nere, ospiti della competizione e campioni del mondo in carica.

Come ha detto l’allenatore-allenatore Thomas Darracq dopo il quarto di finale ampiamente vinto contro gli italiani, i Bleues hanno raggiunto il loro primo obiettivo: “La squadra francese si è qualificata per le semifinali di Coppa del Mondo, è un’ottima notizia. Queste ultime quattro è stato il nostro primo obiettivo, è un posto che abbiamo spesso raggiunto nelle ultime edizioni ma oggi, farlo mettendo quasi 40 punti a una squadra italiana che è stata ancora sfavorito di questa competizione, è una grande prestazione”.

Leggi anche:
Mondiali di rugby femminili: “trovare”, traguardo e gambe di fuoco… Chi è Joanna Grisez, autrice di una tripletta contro l’Italia e capocannoniere dei Bleues?

Sempre efficaci in difesa, i Blues hanno spento tutte le inclinazioni offensive degli italiani, che sabato sono apparsi molto innocui.

Al primo atto, invece, è mancata l’efficienza offensiva, ma senza perdere il controllo del gioco, come ha detto il capitano Gaëlle Hermet: “Sin dal calcio d’inizio siamo riusciti a fare pressione sugli italiani e a passare in vantaggio anche se, dietro abbiamo fatto tante imprecisioni e siamo riusciti a segnare ancora nel primo tempo. Non ci siamo fatti prendere dal panico però, questo gruppo è maturato molto, è più sereno di prima. In nessun momento ci siamo preoccupati. Siamo rimasti disciplinato nonostante il vento contrario, nonostante i nostri errori, nonostante la pressione difensiva degli italiani. Nella ripresa abbiamo voluto lasciare andare i cavalli”.

Leggi anche:
COLLOQUIO. Coppa del Mondo di rugby femminile: “Abbiamo le nostre possibilità, le giocheremo con coraggio!” I Bleues determinati prima della semifinale contro i neozelandesi

Sfidare le felci nere

E i Blues lo hanno fatto molto bene. Sulla scia di una mischia sovrana, hanno stretto il gioco e logorato gli italiani prima di restituire palla agli esterni. Il risultato è stato a dir poco convincente: 29-0 nel secondo tempo, e una vittoria finale con il punteggio di 39-3. Adesso i francesi hanno già gli occhi puntati sulla semifinale che li contrapporrà alle Black Ferns, i neozelandesi.

Leggi anche:
Mondiali di rugby femminili: ecco, le azzurre conoscono la loro avversaria in semifinale… e sarà molto pesante

Prima ancora di conoscere l’identità dei suoi avversari, Hermet ha ammonito: “D’altra parte, dovremo essere più precisi nelle zone di punteggio la prossima settimana, perché tutti i punti saranno molto importanti. Una semifinale è una partita con un posta in palio enorme e per questo sarà necessario essere precisi nelle zone di ruck, nelle zone di combattimento, perché ognuna delle due squadre sarà davvero desiderosa di mostrare il meglio e per noi mettere tutto il nostro cuore e tutto il nostro impegno come sappiamo farlo molto bene”.

Leggi anche:
REAZIONI. Mondiali di rugby femminili: “Non dobbiamo fermarci qui!” I Bleues vogliono finalmente superare l’ostacolo delle semifinali

Ci vorrà impegno infallibile e nervi d’acciaio per rovesciare i protetti dell’allenatore Wayne Smith davanti al loro pubblico, in un Eden Park incandescente…

Leggi anche:
Mondiali di rugby femminili: Les Bleues in semifinale dopo il successo contro le italiane

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *