• Home
  • cosa pensa la Fifa della partita dei Blues in questo Mondiale

cosa pensa la Fifa della partita dei Blues in questo Mondiale

0 comments

Il gruppo di studio tecnico della Fifa, guidato dal tedesco Jürgen Klinsmann, ha espresso lunedì il suo feeling sull’inizio della fase a eliminazione diretta del Mondiale 2022. Con una menzione speciale per la Francia e per il lavoro difensivo dei suoi attaccanti.

All’alba delle semifinali, Esperti Fifa si sono incontrati questo lunedì in Qatar per il debriefing dell’inizio della fase a eliminazione diretta della Coppa del Mondo 2022. Di questo gruppo tecnico, guidato dal tedesco Klinsmann, fanno parte l’italiano Alberto Zaccheroni, il sudcoreano Cha Du-Ri, il nigeriano Sunday Oliseh, il colombiano Faryd Mondragon e lo svizzero Pascal Zuberbühler. I sei specialisti, schierati su un palco, hanno parlato alla stampa, illustrando le loro osservazioni con foto, diagrammi e grafici proiettati su uno schermo gigante.

L’occasione per salutare in particolare il comportamento di diversi grandi giocatori offensivi, che svolgono un lavoro prezioso nel pressing e nel ritiro in Medio Oriente. “In difesa, in generale, abbiamo visto giocatori molto importanti come Hakim Ziyech o Antoine Griezmann, che si sono sacrificati per il bene della squadra”, ha detto Zaccheroni, ex allenatore di Milan e Juventus. , che ha anche gestito la squadra giapponese. Prima di salutare la forza d’attacco della Francia: “È la squadra più pericolosa in area, sia per le qualità di Olivier Giroud e Kylian Mbappé, sia perché i centrocampisti hanno fatto molto bene il lavoro, a partire da Adrien Rabiot che copre 80 metri con grande qualità .”

L'”enorme lavoro” di Amrabat con il Marocco

Il tecnico azzurro si è congratulato anche con gli Atlas Lions, che affronteranno i Blues questo mercoledì in semifinale (ore 20), per la loro già leggendaria carriera: “Il Marocco ha fatto un lavoro magnifico, sfruttando al massimo le loro capacità. sulle fasce, ha allungato la difesa avversaria, ha messo molta densità a centrocampo per cercare di conquistare palla davanti alla difesa Delle quattro semifinaliste, è stata la squadra che ha difeso il Ma i marocchini hanno fatto un ottimo lavoro quando hanno recuperato la palla, hanno usato la loro energia e la loro velocità al meglio delle loro capacità”.

Domenica Oliseh, ex allenatore della Nigeria, ha elogiato anche la formazione di Walid Regragui: “Il Marocco è la squadra che ha animato al meglio la sua compattezza difensiva durante tutto il torneo. Ci sono stati sacrifici di tutta la squadra senza palla. Hanno anche un giocatore che ho pensa fa un lavoro enorme: Sofyan Amrabat, che colma molto i vuoti. E quando sono in fase difensiva, i marocchini giocano molto in triangoli. In questo caso è difficile per l’avversario fare un passaggio e rompere le linee facilmente senza avere una forte opposizione. Risultato? Il Marocco ha subito un solo gol, non segnato dagli avversari, ma contro la propria squadra”.

La Spagna ha esortato a cambiare per vincere

Dopo aver elogiato la “grande qualità” del centrocampista croato o le prestazioni decisive dei portieri, il gruppo tecnico della Fifa si è concesso qualche segnalazione all’attenzione della Spagna, uscita agli ottavi di finale dal Marocco, con uno sterile gioco di possesso palla (0-0 , 3 penne a 0).

“Ammiriamo quello che ha fatto la Spagna dal 2008 al 2012, ha rivoluzionato il calcio. Molti hanno adottato il loro stile. Ma in questo Mondiale abbiamo visto che le squadre cercano qualcosa di diverso. Sanno già come giocare contro la Spagna”, ha spiegato Klinsmann. Pensiamo che potrebbe essere necessario giocare con un 9 puro per poter terminare le azioni. Non stiamo dicendo che la Spagna debba fermarsi con il suo gioco di passaggi. È fantastico, ma forse non è più così che si ottengono risultati”.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}