• Home
  • cosa pensa la stampa mondiale dei Blues

cosa pensa la stampa mondiale dei Blues

0 comments

Cosa c’è dopo questo annuncio

Sappiamo, noi francesi, quali sono i punti di forza della Nazionale. E ne contiamo molti, dalla forza collettiva ai talenti individuali alla nostra capacità di giocare a muro basso contro cui colpire. Ma cosa dice la stampa estera, obbligata a sviluppare il proprio giudizio sulla selezione francese, nuovamente qualificata alla finale dei Mondiali, quattro anni dopo l’edizione russa.

I media inglesi hanno avuto il tempo di ingoiare la delusione dopo la sconfitta contro i Blues nei quarti di finale. Questa mattina la stampa britannica festeggia con le parole di Olivier Giroud, deciso a spezzare il sogno mondiale di Messi, ma ne ammira le doti. Ovviamente, l’imminente duello tra Kylian Mbappé e Lionel Messi concentra la maggior parte dei dibattiti. Tuttavia, l’analisi del corso dei Blues mette in luce altri giocatori.

Inghilterra pentita per Lloris

A cominciare da Hugo Lloris, che era stato giudicato duramente all’alba della partita contro l’Inghilterra e aveva dato una risposta definitiva. “La Francia aveva bisogno di un grande portiere per raggiungere la finale. È salito di una tacca. Se la Francia vincerà contro l’Argentina, sarà il più grande portiere francese della storia”.quindi giudica Il guardiano. Viene evidenziato anche il pool di giocatori. “Niente N’Golo Kanté o Paul Pogba? Niente di grave, la Francia ha Aurélien Tchouaméni”annotalo Mail giornalierache è sotto l’incantesimo del centrocampista del Real Madrid.

Un uomo vince tutti i voti, mentre in Inghilterra non ha mai giocato altrove. Questo è Antoine Griezmann. Tutti i giornalisti di Sky Sport coprendo i Mondi hanno espresso la loro opinione sul miglior giocatore dei Mondi. Se vince Messi, il secondo uomo più citato è Griezmann. “L’attenzione è su Kylian Mbappé e Lionel Messi ma se l’Argentina vuole vincere la finale della Coppa del Mondo, l’uomo che dovrà fermare è Antoine Griezmann. Mbappé ha il numero 10 sulla maglia ma il suo compagno di squadra interpreta questo ruolo alla perfezione. È il raccoglitore della squadra francese.écrit Il guardiano sul giocatore dell’Atlético de Madrid.

Griezmann ha festeggiato

La stampa italiana è altrettanto entusiasta del numero 7. Come gli ex fasti del calcio transalpino, come Arrigo Sacchi, maestro di tattica, che di sfuggita si complimenta anche con Adrien Rabiot. “Griezmann è eccezionale, non ha saltato una sola partita. Complimenti anche a Rabiot che finalmente ha potuto dimostrare tutte le sue grandi qualità con la sua Nazionale. Contro il Marocco la sua assenza si è fatta sentire molto.. Il Gazzetta dello Sport soprattutto fa di Griezmann il luogotenente ideale di Mbappé, “tra Kanté e Pirlo”. Perché in Italia, come ovunque, il duello tra Mbappé e Messi genera più articoli, con l’obiettivo del titolo onorifico di miglior giocatore del mondo.

Tra i nostri amici ispano-americani non è il collettivo tricolore a parlare, ma soprattutto le individualità. Beh, due per essere precisi. Molto presente anche il prestigioso duello tra Messi e Mbappé. Riuscirà il giovane lupo francese a strappare una seconda Coppa del Mondo o vedrà la leggenda albiceleste sollevare il Graal per la prima e ultima volta nella sua carriera? In Brasile, i media Lancia! spero che il francese trionferà. Ma non proprio perché i Blues sono più attraenti degli argentini. “Le ragioni per sostenere la Francia? Il motivo è unico e semplice: l’Argentina è la più grande rivale calcistica del Brasile. Come esiste nella rivalità del club, il brasiliano è stato addestrato fin dall’infanzia a non nutrire sentimenti positivi per la squadra dell’Albiceleste. Gli episodi storici rafforzano questo clima di rivalità. Nel 1990, ad esempio, l’Argentina ha eliminato il Brasile dalla Coppa del Mondo. Inoltre, i tifosi argentini hanno innumerevoli canzoni con provocazioni nei confronti della squadra e dei giocatori brasiliani. »

L’atteso duello Mbappé-Messi

Da parte argentina, non c’è quasi posto per gli Habs nel trattamento mediatico dell’evento. Molto chiaramente, è: “perché Messi deve vincere, perché è il migliore in Coppa del Mondo e basta. » Tuttavia, il giornalista di Vecchio giornale Sergio Maffei spiega che non saranno i campioni del mondo in carica ad avere più pressione domenica prossima. “La Francia sarà la rivale dell’Argentina. Una squadra con un attacco veloce ed efficiente guidata da Mbappé. Ma la sua difesa non è invulnerabile. La Francia sarà un duro banco di prova per la nazionale a causa del loro incredibile attacco e perché arrivano senza pressione. Mantenere il suo titolo è un’eccezione. I Bleus hanno la possibilità di fare la storia, ma non devono amare l’Argentina (vittoria per Messi)”.

Per Claudio Mauri, giornalista presso La nazionei Blues meritano un po’ più di rispetto nonostante un’immagine di squadra non proprio sexy. “Ritengo che la Francia sia una grande squadra con una grande squadra, ma grandi individui, il principale dei quali è Mbappé. È una squadra per la quale è più facile vincere che controllare una partita. Sono una squadra molto potente con una buona tecnica che preferisce le transizioni dirette al tiki taka. Questo è un gruppo che ha delle alternative. L’abbiamo visto con Kanté, Benzema, ecc. Per quanto riguarda Deschamps, non so se avrà tutto il riconoscimento che merita. Quando si parla dei più grandi allenatori, raramente si parla di Deschamps anche se è un tecnico che può vincere un secondo Mondiale di fila e che ha saputo cavarsela. »

E altrimenti? In Spagna e anche in Brasile non è solo per Mbappé. Anche a casa un uomo è riuscito a mettere tutti d’accordo: Antoine Griezmann. Riposizionato a centrocampo per questo Mondiale, dopo i grandi ritiri di Paul Pogba e N’Golo Kanté, il giocatore dell’Atlético de Madrid ha impressionato più di uno. “Totale Griezmann in Qatar. L’attaccante conquista un Mondiale clamoroso. È il miglior passante del torneo e il giocatore che genera il maggior numero di possibilità. Anche le sue statistiche difensive sono molto buone.si fa trasportare COME.

Idem con il giornalista Sport Joan Maria Batlle. “Messi-Mbappé, un titolo e un Pallone d’Oro. La finale non potrebbe essere più allettante: il miglior giocatore di tutti i tempi contro quello che aspira ad essere il miglior giocatore dei prossimi anni. Mbappé era più micidiale di Messi, più veloce al tiro, ma è una vecchia conoscenza su cui nessuno aveva scommesso un euro che fa giocare la Francia. Mi riferisco a Griezmann, attaccante spettacolare, diventato terzo centrocampista, quarto attaccante, quinto difensore. Incredibile ! »

Dal Brasile al Marocco, Griezmann impressiona

Infine, Daniel Mundim, di globosportha salutato il fuoristrada Griezmann. “Griezmann non ha segnato né assistito nella vittoria per 2-0 della Francia sul Marocco, ma ha vinto il trofeo migliore in campo. Un premio indiscutibile. Il numero 7 può anche finire la Coppa del Mondo senza segnare, ma arriva in finale come protagonista. E non è assurdo pensare che sia il giocatore di punta della Francia. Anche davanti a Mbappé, che ha cinque gol. Come attaccante, Griezmann è stato uno dei migliori giocatori francesi nel titolo nel 2018, con quattro gol “Nel 2022, il numero 7 ha tre assist. Ma non sono quelle statistiche che definiscono la brillantezza della sua prestazione. Griezmann è centrocampista, centrocampista e attaccante nel gioco. È un giocatore di tutti i terreni. Le 48 volte che ha toccato la palla contro Il Marocco è venuto da ogni angolo del campo, è onnipresente e si sta reinventando in questo Mondiale, come primo difensore, ma anche come collegamento più diretto con Mbappé, Dembélé e Giroud».

Prima della semifinale persa dal Marocco contro i Blues, diversi ex nazionali dell’Atlas Lions non hanno esitato a mettere il dito su due elementi chiave dell’attacco francese: “Quando Mbappé e Dembele arrivano lanciati, sono inarrestabili”aveva spiegato per primo l’ex allenatore M’Hamed Fakhir (2006 poi 2007), seguito dal suo omologo Badou Zaki (2002-2005 poi 2014-2016), anche lui ex nazionale (118 presenze): “La selezione francese è fortunata ad avere un attacco focoso, è una squadra che sa aspettare l’avversario e difendersi bene, a differenza della Spagna. La maggior parte dei loro gol arriva da recuperi palla seguiti da contropiedi grazie ai loro attaccanti veloci, come Mbappé e Dembélé. »

Un altro giocatore ha catturato l’attenzione in questo confronto tra francesi e marocchini: Antoine Griezmann, e il suo contributo a centrocampo, da quando ha “Era libero e giocava un ruolo importante a centrocampo”, come ha affermato M’Hamed Fakhir alla televisione marocchina. Infine, secondo l’ex Rennes e Nancy Abdesslam Ouaddou, (59 presenze, 3 gol), la selezione dei campioni del mondo in carica si affida anche al lavoro svolto a monte dalla FFF, premiata da ottimi risultati in Coppa del Mondo: “La Francia ha non meno di 40 centri di formazione. Sono 17 pali della speranza. È una federazione molto ben organizzata. Questi frutti non sono caduti dal cielo, è una politica portata avanti da diversi anni.ha spiegato al microfono di RMC Sport dopo la seconda semifinale.

Nel complesso, non c’è da sorprendersi nel vedere la squadra francese candidarsi per la propria successione, poiché i punti di forza sono numerosi e il pool di talenti impressionante. Ma non sono necessariamente i Blues quelli che dovrebbero alzare il trofeo mondiale domenica dopo l’incontro. L’Argentina indossata da Lionel Messi sembra avere un maggiore sostegno popolare sul pianeta calcio.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}