• Home
  • Donovan Mitchell calma LeBron e i Lakers

Donovan Mitchell calma LeBron e i Lakers

0 comments

I risultati della notte in NBA

Lakers @ Cav : 102-116
Pistoni @ Calore: 116-96
Mavs @ Pepite : 116-115

Donovan Mitchell è finalmente diventato un vero giocatore in franchising?

– Dallas ha dovuto assaporare un po’ di zona rossa per volerne subito uscire. I Mavs hanno ottenuto la loro terza vittoria consecutiva stasera dominando Denver in trasferta, 24 ore dopo aver sconvolto il leader del West Phoenix, che ora è su una dinamica inversa. Il match si sarebbe potuto riassumere come un duello tra crack NBA, Luca Doncic vs Nikola Jokicma sono stati altri giocatori a mettere a segno mosse decisive.

Mentre Bruce Brown aveva dato a Denver un punto di vantaggio a 37 secondi dalla fine per convalidare una grande rimonta, Dorian Finney-Smith gli ha risposto colpendo il bersaglio a 17 secondi dal cicalino finale. Subito dopo, Jokic ha sbagliato uno dei due tiri liberi che avrebbero potuto permettere ai Nuggets di pareggiare ed è stato Spencer Dinwiddie a chiudere il pallone sulla linea.

Oltre all’assist che ha innescato il tiro della frizione DFS, Doncic ha anche registrato la 52esima tripla doppia della sua carriera NBA con 22 punti, 12 assist e 10 rimbalzi. Tim Hardaway jr in questo momento è a fuoco e lo ha confermato con una partita da 29 punti, 6/8 a 3 punti.

Dallas torna al settimo posto in Occidente, tre vittorie dal leader Phoenix. Nessuna squadra ha davvero fatto il buco e molto furba chi può dire oggi chi salirà sul trono del West al termine della stagione regolare.

Donovan Mitchell non aveva ancora avuto l’opportunità di affrontare il suo giocatore preferito, LeBron James, come membro dei Cleveland Cavaliers. Dire che ha colto l’opportunità del ritorno di un altro re in Ohio per brillare è un eufemismo. I Cavs hanno prosciugato i Lakers e hanno approfittato dell’assenza di Anthony Davis (malato e fuori dopo 8 minuti) negli ultimi tre quarti per migliorare ulteriormente il loro magnifico record casalingo (11-1).

Mitchell ha segnato 43 punti (29 dopo l’intervallo), con 6 rimbalzi, 5 assist e 4 recuperi a 17/27. “Spida” è stato inarrestabile, aiutato da Jarrett Allen (24 punti), reduce da un infortunio, e Dario Ghirlanda (21 punti).

Donovan Mitchell ha persino preso in giro il suo idolo adolescente imitando una delle sue celebrazioni quando ha piegato l’affare su un tiro da 3 punti. Sebbene mantenga un rispetto e un’ammirazione immortali per LeBron, ha dovuto dimostrare che c’era un nuovo capo a Cleveland.

LeBron, si è dovuto “accontentare” di 21 punti e 17 rimbalzi. Ha ammesso dopo l’incontro che Mitchell era un “ragazzo speciale”.

– I Pistons probabilmente non si aspettavano che gli Heat facessero loro un regalo del genere. Miami, che giocava in casa, ha chiuso completamente il negozio nel secondo tempo, per offrire una prestazione senza energia o ispirazione. Detroit ha vinto per 20 punti in Florida, che è il suo più ampio successo della stagione nella NBA.

Bojan Bogdanović (31 punti di cui 28 dopo l’intervallo) si è affrettato a sfruttare i doni della difesa Heat, aiutata da Alec Burks (18 punti), Saddiq Bey (14 punti) o Isaiah Stewart (11 punti, 11 rbds). Killian Hayes ha iniziato e ha giocato 23 minuti per 6 punti e 6 assist a 2/8.

Erik Spoelstra probabilmente batterà il pugno sul tavolo. Perdere in casa così pesantemente contro una squadra che non aveva ancora vinto una partita per più di 7 punti in questa stagione quando ti chiami Miami e hai ambizioni diverse, è brutto. Jimmy Butler era assente, ma questo non scusa tutto.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}