• Home
  • Dopo una folle estensione, i Nuggets respingono i Suns!

Dopo una folle estensione, i Nuggets respingono i Suns!

0 comments

Sconfitti due volte sul terreno, i Suns iniziarono quella notte un lungo “viaggio su strada” con sei tappe a Denver. Nonostante un grande sforzo collettivo per strappare l’allungo comprensivo di 31 punti a Landry Shamet, in sostituzione del cecchino con breve preavviso, Phoenix alla fine si è dovuto inchinare per la terza sconfitta consecutiva contro il duo Nikola Jokic – Aaron Gordon (128-125).

Tuttavia, a +8 (101-93) a meno di 7 minuti di distanza, Phoenix aveva tutte le carte in mano per sfondare la sua piccola serie nera. Era senza contare sulla rabbia di AAron Gordon e sulla compostezza di Jamal Murray dietro l’arco. È stato quest’ultimo ad approfittare del buon screen di Nikola Jokic per schiacciare e pareggiare a 10 secondi dalla fine.

I Suns hanno in mano il match point ma a Mikal Bridges viene fischiato un fallo offensivo su uno schermo mal piazzato… ma quest’ultimo si fa perdonare coprendo l’ultimo tentativo da 3 punti di Jamal Murray. Si parte agli straordinari per concludere la serata di Natale (113-113)!

Durante i tempi supplementari, Denver sembrava prendere il controllo del gioco quando Nikola Jokic ha sparato un tiro con un piede per battere il cronometro di 24, e ancora di più quando KCP ha dato alla sua squadra +6 da dietro l’arco. Ma Landr Shamet risponde ancora e ancora… prima di essere vittima espiatoria di un’enorme schiacciata di Gordon che lo schiaccia sotto il cerchio!

I Suns avranno una nuova occasione per districarsi da questo vespaio in Colorado, dopo un lancio mancato di Murray, ma arriva Bruce Brown a pungere la palla e la messa è detta: Denver vince (128-125).

COSA DEVI RICORDARE

Un’estensione esplosiva. Tra i calci di Landry Shamet, il cicalino dell’orologio di Jokic e, naturalmente, i tanti colpi di scena nel suo incredibile scenario, il tempo supplementare tra Nuggets e Suns è stato particolarmente esplosivo. Gordon è stato il grande animatore ma i Suns hanno quasi rovinato tutto rimontando molto vicino a un layup di Deandre Ayton, poi a un tiro mancato di Murray.

L’infortunio di Devin Booker. Si stava riscaldando e ha giocato 4 minuti ma Devin Booker non è riuscito a finire il match con i compagni. Il suo infortunio all’inguine glielo ha impedito! Aveva già perso i tre precedenti incontri di Phoenix a causa di questo stesso problema.

TOP/FLOP

Nikola Jokic. Autore di 15 punti nel primo quarto, Jokic ha chiuso fanny al 2° posto, prima di partire fortissimo al rientro dagli spogliatoi, con 16 punti nel periodo. Meno marcatore ma comunque onnipresente alla fine della partita, il pivot serbo ha chiuso con un’incredibile linea di statistiche, un nuovo forte triplo doppio maousse (la sua 83esima carriera) con 41 punti, 15 rimbalzi e 15 assist! Mostruoso!

Aron Gordon. Ultra-spettacolare con non meno di sette schiacciate in una partita di Natale, Aaron Gordon si è divertito a “Babbo Natale”, punteggiando la sua serata con un enorme poster su Landry Shamet! Con 28 punti e 13 rimbalzi, conferma partita dopo partita di essere il complemento ideale di Jokic.

Landry Shamet. Non necessariamente obbligato a giocare 39 minuti di gioco, ha risposto perfettamente alla chiamata di Monty Williams dopo l’infortunio di Booker con 31 punti, eguagliando un record in carriera. Il cecchino dei Suns ha sicuramente faticato a partire nel primo quarto (0/3) ma ha preso fuoco nel secondo con 15 punti in 9 minuti. Alla fine della partita, è stato anche lui a permettere a Phoenix di resistere con due triple ai tempi supplementari.

Michael Porter jr. Dopo una soddisfacente rimonta contro i Blazers, l’esterno dei Nuggets è solo l’ombra di se stesso, incapace di potersi affiancare agli interni avversari per variare il proprio gioco, limitato ormai esclusivamente ai tiri da fuori. E quando non ci cade dentro, come ieri sera, è brutto (3/11 incluso 0/5 da 3 punti)…

IL SEGUENTE

Denver (21-11) : mercoledì trasferta a Sacramento per il primo di un doppio confronto con i Kings.

Fenice (19-15) : seconda tappa del loro “road trip” in sei scali, a Memphis, mercoledì.

Denver / 128 Colpi Rimbalza
Giocatori min Colpi 3pt LF O D T Pd Fte Int B p Ct +/- Pt Valutazione
R. Gordon 41 18/11 1/2 5/9 7 6 13 2 2 1 3 1 +18 28 31
M. Porter Jr. 35 3/11 0/5 1/2 0 8 8 0 4 1 0 1 +11 7 8
N. Jokic 44 16/25 2/4 7/9 4 11 15 15 4 0 3 1 +12 41 58
J.Murray 43 7/19 5/11 7/8 0 5 5 5 0 2 3 1 +2 26 23
K. Caldwell-Pope 39 4/10 3/5 4/4 0 2 2 4 3 2 1 0 +16 15 16
Z.Nnaji 9 0/0 0/0 0/0 0 0 0 0 3 0 0 0 -9 0 0
B. Marrone 27 2/4 1/3 0/1 0 2 2 2 2 2 0 0 -16 5 8
B.Hyland 14 1/6 0/5 1/1 1 1 2 1 4 0 2 0 -13 3 -1
C. Marrone 13 1/1 1/1 0/0 0 1 1 0 1 0 0 0 -6 3 4
45/94 13/36 25/34 12 36 48 29 23 8 12 4 128 147
Fenice / 125 Colpi Rimbalza
Giocatori min Colpi 3pt LF O D T Pd Fte Int B p Ct +/- Pt Valutazione
T. Craig 36 5/8 3/4 0/0 3 5 8 2 3 2 2 1 -15 13 21
M. Ponti 40 5/12 2/5 1/1 0 2 2 3 5 0 2 4 -13 13 13
D. Ayton 38 9/18 1/1 3/4 3 13 16 2 3 2 6 2 -13 22 28
C. Paolo 41 6/17 0/3 5/10 0 4 4 16 4 2 0 1 -1 17 24
D. Booker 4 1/2 0/0 0/0 0 0 0 0 0 0 0 0 -9 2 1
I.Wainright 11 0/0 0/0 0/0 2 0 2 0 2 1 0 0 +7 0 3
J. Okogie 10 2/5 0/0 0/0 2 0 2 1 3 0 0 0 +8 4 4
B. navi 15 2/4 0/0 1/3 1 2 3 2 3 0 0 0 +10 5 6
D. Lee 30 5/8 4/5 4/4 1 7 8 0 2 0 1 0 +8 18 22
L.Shamet 39 10/20 7/17 4/4 0 2 2 6 5 0 2 1 +3 31 28
45/94 17/35 18/26 12 34 46 32 30 7 13 9 125 149

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}