• Home
  • “Esattamente quello che ci aspettavamo”

“Esattamente quello che ci aspettavamo”

0 comments

Quest’estate, il VBN è diventato il Nantes Neptunes, una struttura che riunisce le squadre professionistiche di pallamano e pallavolo del Nantes. Ci parli di questa associazione?
Questa associazione non è avvenuta in modo superficiale. Con la mano femminile abbiamo condiviso la stanza di Mangin-Beaulieu, ognuno indipendentemente. Arrivato alla presidenza della mano, Yoann Joubert, l’amministratore delegato del Realities Group. Quando è arrivato aveva la voglia di fare qualcosa, non solo di essere presidente del club ma di scrivere una storia. La sua intenzione all’inizio era con la mano. Ho chiesto di incontrarlo per vedere se voleva diventare un compagno di pallavolo. L’anno scorso, Réalités è diventata effettivamente partner del VBN. E in questa stagione abbiamo pensato di poter fare molto di più, creare un progetto sportivo femminile.

In che modo questo può aiutare il tuo club a crescere?
Già, per noi, rappresentava una piccola rivoluzione. Finora, il VBN aveva superato tutti i piccoli passi per raggiungere il livello più alto. Ma era esattamente quello che ci aspettavamo. Rispetto agli obiettivi di performance di alto livello, eravamo limitati in termini finanziari, eravamo al massimo di quello che potevamo fare. L’unica soluzione per andare più in alto, per ottenere un titolo, erano mezzi aggiuntivi. Nantes è una città molto sportiva ed è molto complicato trovare una partnership privata. Stavamo raggiungendo i nostri limiti. Questo progetto con Réalités è un punto di svolta nella nostra evoluzione. E poi, Réalités è un’azienda che dà mezzi finanziari allo sport femminile e per noi questo è un valore imprescindibile.

Sei alla guida del club dal 2006. La passione è ancora la stessa oggi?
La passione è sempre la stessa, sì. Vengo dalla famiglia della pallavolo, ero un giocatore, amavo questo sport, era la mia passione e vedere l’evoluzione che abbiamo avuto all’interno della pallavolo a Nantes e quella che ora speriamo con i Neptunes è una bella storia. Siamo saliti tutti insieme, ai massimi livelli e abbiamo sempre lavorato con le stesse squadre, un grande zoccolo duro, sia a livello sportivo che amministrativo. Ogni volta ci siamo dati degli obiettivi, abbiamo provato ad andare un po’ più in là, abbiamo sempre avuto l’intenzione di andare avanti. Ho avuto la possibilità di lavorare con team multigenerazionali, persone che si fidavano di me. È così ricco. Non è solo una questione di presidenza, è una questione di vita appunto. Con il progetto Neptunes non è una conclusione, ma siamo un po’ al culmine degli obiettivi che ci eravamo prefissati.

Tuttavia, il Nantes, nonostante cinque finali in sei stagioni tra il 2014 e il 2019 (due in LAF, tre nella Coupe de France) non ha ancora vinto un titolo. Questo non alimenta una certa frustrazione?
Abbiamo fatto le finali, non abbiamo mai vinto, è vero. Ma sinceramente penso che rispetto alle nostre possibilità economiche eravamo al massimo di quello che potevamo fare, in particolare nella costruzione delle squadre. Ritengo che non ci siano mai stati fallimenti, non ce lo siamo mai detti. Delusioni, sì. Ma abbiamo sempre avuto una gestione onesta dei nostri budget e abbiamo sfruttato al meglio i mezzi che avevamo.

Sotto lo stendardo dei Neptunes de Nantes, ora ci sarà un’altra pressione per i risultati ei titoli sono inevitabilmente attesi. Da quel primo anno?
Non dal primo anno. È molto chiaro con i Nettuno e con Laurent Godet (vicepresidente) e Yoann Joubert. Ci sono aspettative sì, quelle di essere efficienti, di essere campioni. Ma quelle aspettative non sono al primo anno. È qualcosa che si costruisce. Siamo in un anno di costruzione, di transizione. Ma è ovvio che nelle prossime tre stagioni l’obiettivo è stato quello di puntare ai titoli. Le prestazioni sono al centro del progetto.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}