• Home
  • Formula 1 | Affidabilità F1: Alonso è stato davvero il più sfortunato in griglia?

Formula 1 | Affidabilità F1: Alonso è stato davvero il più sfortunato in griglia?

0 comments

Affidabilità F1: ha fatto Alonso (...)

È il momento delle recensioni di F1 2022 su Nextgen-Auto.com! Ti viene quindi offerto un rapporto per pilota e per giorno fino al 31 dicembre (21 piloti). A fine anno seguiranno anche i risultati delle 10 squadre. Durante tutto il mese, ti verranno proposti anche articoli sulle notevoli statistiche della stagione come quello qui sotto. Buona lettura !

Battuto nel motomondiale dal compagno di squadra Esteban Ocon, Fernando Alonso non ha mai perso occasione per evidenziare, secondo lui, quale sia stata la prima causa delle sue delusioni quest’anno: ovvero la sfortuna in generale e l’affidabilità del propulsore Renault in particolare.

I risultati e le statistiche per quest’anno 2022 danno ragione al pilota alpino? Per scoprirlo, devi guardare il numero di giri completati per pilota quest’anno… e confrontare ogni pilota e ogni squadra tra loro. L’indicazione ovviamente non è di per sé affidabile al 100%, in quanto un pilota potrebbe anche essersi ritirato a causa di un incidente; tuttavia, è un segno relativamente robusto in questo senso.

Affidabilità di squadra: Mercedes davanti a Red Bull e McLaren

Partiamo dunque, prima di arrivare al caso dello spagnolo, dai team di F1. Chi è stato il più affidabile e il più diligente in pista?

Il risultato non è molto sorprendente e conferma una prima impressione generale: la Mercedes ha completato il maggior numero di giri quest’anno, con 2486 giri al sacco. Il team tedesco, se era in ritardo nelle prestazioni, ha comunque goduto di una macchina quanto meno affidabile, e ha vissuto un solo ritiro in Gran Premio per un problema meccanico – all’ultimo, Lewis Hamilton aveva sofferto .

Il 2° team ad aver avuto il minor numero di problemi meccanici e cadute è… la Red Bull (2454 giri percorsi). Questo può sembrare controintuitivo, soprattutto dopo i disastri in Bahrain e Melbourne (problemi di affidabilità sulla power unit Honda); eppure Milton Keynes non solo costruì un’auto capace, ma era anche affidabile.

La McLaren ha completato quasi tanti giri (2448) quanto la Red Bull; stesso discorso per l’Aston Martin F1 (2442 giri) che è stato il 4° team più assiduo in pista.

Troviamo Alpine (2338) al 5° posto e può sembrare sorprendente, considerando quanto quest’anno il propulsore Renault sia stato criticato per la sua affidabilità, ma almeno i piloti Alpine li avranno evitati per la maggior parte del tempo. incidenti. Seguono AlphaTauri (6°, 2338 giri) e Williams (7°, 2308).

Se avete seguito, avrete notato che mancano ancora i tre team motorizzati Ferrari. E infatti, Haas (2274), Ferrari (2222) e Alfa Romeo (2196) chiudono questa classifica. Un berretto da somaro collettivo viene quindi assegnato alle monoposto motorizzate Maranello. Sappiamo quanto sia costata quest’anno l’affidabilità a Carlos Sainz e Charles Leclerc.

L’Alfa Romeo, fin dai test di Barcellona, ​​soffriva infine di un’affidabilità disastrosa (legata alla scarsa integrazione della power unit Ferrari? Non solo?). Avranno percorso il 12% di giri in meno rispetto alle Mercedes, ovvero quasi la distanza di 3 Gran Premi!

Ricordiamo che l’anno scorso la McLaren, e soprattutto la Ferrari e l’Alfa Romeo, erano i primi tre team più affidabili/lavoratori. Haas è morto per ultimo, riflettendo i ripetuti errori di Michael Schumacher e Nikita Mazepin nel 2021.

I piloti: Max Verstappen il più assiduo, Vettel ancora meno lucido di Alonso?

A proposito di piloti, veniamo al sodo: la sfortuna assoluta di Fernando Alonso è confermata nelle statistiche?

In verità Fernando Alonso avrebbe ‘quasi’ una buona classifica, con il 15° posto tra i piloti più assidui in pista. Lo spagnolo quest’anno ha percorso l’86,40% dei giri.

Tuttavia, allo stesso tempo, Esteban Ocon (4° nella classifica dei giri percorsi con il 96,06% dei giri percorsi) è stato molto più diligente, con una differenza molto alta tra i due piloti.

Da notare però che una simile sfortuna, in un’altra squadra, non ha impedito a Sebastian Vettel, ad esempio, di battere Lance Stroll nella classifica piloti (95,36% dei giri percorsi per Lance Stroll contro l’85,09% di Vettel). Il divario è quindi simile tra i due piloti Aston Martin F1 e i due piloti Alpine F1.

Inoltre, Fernando Alonso non era nemmeno il pilota meno lucido della griglia. Sebastian Vettel quindi (85,09% dei giri percorsi, ma anche Yuki Tsunoda (85,09%), Alexander Albon (85,01%), Guanyu Zhou (81,92%) e soprattutto Carlos Sainz (79,83%) avrebbero ancora più motivo di lamentarsi rispetto il pilota alpino.

Sainz raccoglie quindi il premio per il pilota in carica che quest’anno ha percorso la distanza minore nel Gran Premio. Al contrario, Charles Leclerc ha coperto il 91,9% (9° miglior pilota) dei giri contro il 79,83% di Sainz, uno dei distacchi maggiori in campo.

Nel suo anno da rookie, Guanyu Zhou avrebbe sicuramente avuto bisogno di più rotolamento e avrebbe perso quasi un quinto della distanza totale del Gran Premio.

Il più assiduo in pista sarà stato… Max Verstappen (98,22% dei giri percorsi). L’olandese è stato ovviamente aiutato nel suo lavoro facendo regolarmente il turno a quasi tutti. Ma l’affidabilità della Red Bull è stata impressionante anche nella seconda parte della stagione. Guidando in testa, ha anche evitato le collisioni, con, a caso, Lewis Hamilton (anche se…).

Seguono in classifica Lando Norris (96,83%), Lewis Hamilton (96,29%) e quindi Esteban Ocon (95,83%).

Ad AlphaTauri, la differenza di giri percorsi ha rappresentato un vero e proprio distacco tra Pierre Gasly (6°, 95.60%) e Yuki Tsunoda (17°, 85.09%).

Da notare infine che dalla parte della Haas, denigrata per i suoi incidenti, Mick Schumacher (12°, 88.25%) ha ancora percorso più giri del suo compagno di squadra Kevin Magnussen (14°, 87.48%).

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}