• Home
  • Formula 1 | Alexander Rossi ha “un enorme rispetto” per Sargeant

Formula 1 | Alexander Rossi ha “un enorme rispetto” per Sargeant

0 comments

Alexander Rossi ha 'un sacco di (...)

Alexander Rossi è l’ultimo americano a correre in Formula 1 finora. Ma non sarà più così con l’arrivo di Logan Sargeant (nella foto) alla Williams F1 il prossimo anno, e il pilota della IndyCar Andretti ha elogiato i risultati del suo connazionale.

“Logan ha fatto bene e ho molto rispetto” Rossi ha raccontato a La Corsa. “So quanto sia difficile per lui, la sua famiglia e tutto il resto fare questo sacrificio. Perché è quello che devi fare. È così che funziona e quindi merita di ‘avere il via libera per andare in F1”.

Rossi è contento di vedere che Sargeant ha ottenuto la sua Superlicenza, ma si lamenta ancora del fatto che Colton Herta non sia riuscito ad ottenerla, e che questo gli abbia forse impedito di entrare in F1.

“In un certo senso, sono d’accordo con questa decisione e il modo in cui è stata presa. Perché qualcuno come Logan, che si è trasferito in Europa e ha fatto sacrifici e investito tempo e impegno, dovrebbe essere scartato a favore di qualcuno che non l’ha fatto? ?”

“Ma se un team di F1 crede che una persona abbia il talento e la capacità di esibirsi in F1, cosa che Colton chiaramente fa e ha dimostrato, ciò non dovrebbe necessariamente impedirgli di andare lì. per arrivare.”

“L’intera faccenda della Superlicenza è sembrata un modo per impedire alle persone di accettare lo spettacolo. E quello che ha fatto è stato impedire a un americano di essere sulla griglia. ha impedito a Colton, che ha le credenziali e l’abilità, che avrebbe potuto facilmente avere si è trovato in qualsiasi situazione attraverso la Red Bull o altro”.

“Quindi penso che ci sia sicuramente una via di mezzo da trovare. E penso che sarebbe attraverso l’assegnazione di più punti Superlicense con IndyCar. Al momento sembra che l’unico modo per entrare in F1 sia passare attraverso il sistema europeo”.

“Ma penso che si spera che vedremo quel cambiamento negli anni a venire. Perché non penso sia un requisito, giusto? Penso che ci sia un enorme livello di competizione là fuori. ora in IndyCar e IMSA.”

“E se ci sono ragazzi che fanno il culo e fanno bene in questi campionati, e proveranno su una macchina di F1 e sono impressionanti, non c’è motivo per cui non diamo loro l’opportunità”.

“C’è vita fuori dalla F1”

Rossi aveva consigliato ai piloti nel 2020 di andare a costruire un track record in altre discipline, e conferma di mantenere oggi la stessa opinione sulla categoria regina.

“No, per niente. Mi piacerebbe vedere Colton avere una possibilità. Solo perché ho un enorme rispetto per lui. Mi piacerebbe vedere una vera squadra americana, e sai cosa intendo quando dico ‘vero ‘. Quindi penso che sarebbe fantastico vedere Andretti avere questa possibilità.”

“So che ci sono molte sfide perché ciò accada. Giusto o sbagliato. È così che funziona. È ovviamente bello vedere Logan, non lo conosco personalmente, ma è un americano e correrà in F1 l’anno prossimo.”

“Quindi è fantastico. Capisco perché i piloti IndyCar sono interessati alla F1, è l’apice di questo sport, e dico a chiunque non abbia avuto un assaggio, siate meccanici, ingegneri, piloti o qualsiasi altra cosa, ‘vai avanti e fallo’. È fantastico.”

“Sento che le persone arrivano a un certo punto della loro vita, carriera o altro, in cui si rendono conto che c’è vita al di fuori della F1. E per così tanto tempo ho avuto una visione a tunnel su questo, c’era solo quello e non esisteva nient’altro. Una volta che sei lì, pensi che sia fantastico.”

“Ma ci sono molte cose che non sono grandiose. E poi hai l’opportunità, come me, di competere in un altro campionato. Perdi alcuni dei luoghi e degli eventi, lo sfarzo e la sensualità di tutto. quello, ma tu ottieni anche quella forma grezza di motorsport che amavi da bambino”.

“Quindi è molto difficile tornare in F1 solo per avere queste auto davvero fantastiche e questi eventi davvero fantastici. Perché c’è un aspetto negativo in questo. C’è molta politica e molte cose che accadono e che come atleta, come pilota autista, non vuoi davvero essere coinvolto.”

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}