• Home
  • Formula 1 | Coulthard: Perez deve solo lasciare la Red Bull se non è felice

Formula 1 | Coulthard: Perez deve solo lasciare la Red Bull se non è felice

0 comments

Coulthard: Perez deve solo (...)

Al Gran Premio del Brasile, Max Verstappen ha rifiutato di cedere il sesto posto al suo compagno di squadra Sergio Perez, che stava ancora lottando per finire campione del mondo di Formula 1 2022.

E se molti osservatori avevano criticato l’olandese dopo questo incidente, l’ex pilota David Coulthard ha detto di aver capito sul posto la sua posizione. Damon Hill pensa che sia finita per Perez perché la Red Bull ha perso il controllo su Verstappen da questo incidente.

‘DC’ crede che sia stata la Red Bull a sbagliare nella storia.

“Era una conversazione aperta in Brasile e non c’era niente da interpretare: il team ha fatto una richiesta e il suo pilota l’ha rifiutata. La sua risposta era già nota, ma qualcuno è venuto a bussare alla porta per cercare di ottenerne una diversa. sii coerente perché altrimenti non sai mai con cosa hai a che fare.”

Per quanto riguarda Perez, Coulthard ritiene che piuttosto che lamentarsi, il messicano dovrebbe essere soprattutto grato per la possibilità che la Red Bull gli ha dato nel 2021, quando la sua carriera in F1 sembrava essere finita.

“Checo non era più in Formula 1 e nessuno è venuto a vederlo. Quindi la Red Bull gli ha dato l’opportunità di tornare su una macchina vincente. Ha avuto l’opportunità di battere Max ma non è stato sempre all’altezza. al compito. Lo ha fatto di tanto in tanto e ammiro le sue vittorie “.

Coulthard ha rifiutato di essere il portatore d’acqua di Schumacher alla Ferrari

Nel 1996, David Coulthard ebbe l’opportunità di entrare a far parte della Scuderia Ferrari, ma alla fine rifiutò l’offerta di supportare il debuttante stella del team: Michael Schumacher.

Il pilota scozzese alla fine è andato alla McLaren F1, dove voleva essere trattato allo stesso modo di Mika Häkkinen. Ma il finlandese lo ha dominato internamente e ha vinto i titoli mondiali nel 1998 e nel 1999.

Riconoscendo che il finlandese era più veloce di lui in quel momento e incapace di avere un volante migliore altrove, Coulthard ha accettato le istruzioni del team McLaren.

“Mi è stato offerto un contratto alla Ferrari prima di entrare in McLaren, in base al quale era stato stipulato che se fossi stato in terza posizione e Michael Schumacher in quarta, dovevo lasciarlo passare.

“Non riuscivo a convincermi a firmare un contratto che mi avrebbe richiesto di rinunciare definitivamente alla mia posizione, e la McLaren mi ha offerto una giusta opportunità. Poi ho capito che era Mika Hakkinen che avrebbe vinto entrambi i campionati e non io, perché era più veloce e se lo meritava”.

“Se ho accettato le istruzioni che mi chiedevano di far passare Mika, è stato perché l’altra mia scelta era quella di lasciare la squadra. E non avevo nessun altro posto dove andare, quindi ho scelto la strada che mi permetteva di avere una macchina ad alte prestazioni”.

Verstappen ha il DNA dei più grandi piloti della storia

Il messaggio di Coulthard per Perez è quindi: accettare di essere il numero 2 della Red Bull o andare altrove.

“Se non va bene a Checo, deve solo lasciare la squadra, ma dove andrà? Quindi per me è una decisione sportiva”.

“Non cambierai mai idea di chi pensa che Lewis Hamilton sia stato derubato del titolo mondiale ad Abu Dhabi lo scorso anno, né daranno credito a Max per aver vinto il campionato, e viceversa. versato.”

“La realtà è che Max è uno dei migliori piloti al mondo. Piloti d’élite come Schumacher o Senna non hanno attraversato la loro carriera senza esempi di discussioni e disaccordi con i loro team. Fa parte del loro DNA e ciò che li ha portati al successo. Non è competizione amichevole, è business”.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}