• Home
  • Formula 1 | La Red Bull ha celebrato i suoi titoli di F1 in grande stile… senza preoccuparsi dei limiti di budget

Formula 1 | La Red Bull ha celebrato i suoi titoli di F1 in grande stile… senza preoccuparsi dei limiti di budget

0 comments

La Red Bull ha celebrato degnamente i suoi titoli (...)

La Red Bull Racing ha concluso la sua stagione 2022 con una festa a Milton Keynes e una più piccola in Austria presso la sede del marchio.

Per Helmut Marko, è stato un buon modo per concludere quest’anno che è stato ricco di buoni risultati per Max Verstappen, Sergio Perez e la RB18.

“Sono contento di aver festeggiato un po’ qui in Austria perché non ero presente alla celebrazione a Milton Keynes”.

“È stato un grande spettacolo con tutto ciò che offriamo nel motorsport. Dalle auto da rally alla Formula 1. Per Milton Keynes, la Red Bull è la polena. Poi abbiamo organizzato la nostra festa di Natale a Londra”.

E Marko non può fare a meno di scherzare: “Non conta per il budget cap. Secondo i nostri calcoli, quest’anno siamo ben al di sotto, ma vogliamo confermarlo abbastanza presto in modo da non avere lo stesso tipo di sorprese dell’anno scorso”.

Dove si colloca il titolo mondiale 2022 nella sua classifica personale dei sei campionati della Red Bull?

“Il primo titolo nel 2010 è stato sicuramente il più emozionante, nel senso che è stato deciso nell’ultima gara e c’erano tre contendenti. E poiché è stato il primo per noi e Sebastian Vettel, merita emotivamente un posto. Il campionato 2021, vinto contro Hamilton in un vero thriller, è stato il più duro in termini di stress mentale. Questa volta, la sovranità con cui Verstappen ha vinto alcune delle sue vittorie, in particolare quella di Spa, ha lasciato un segno indelebile”.

Come spiega questa flagrante superiorità oggi quando la Ferrari ha avuto molto successo con la sua F1-75?

“Sicuramente abbiamo approfittato degli errori strategici della Ferrari, della sfortuna dalla loro parte, della loro preoccupazione per il motore. Nel corso della stagione, hanno sviluppato la vettura in modo tale che consumasse sempre di più le gomme”. cosa ci ha reso così fiduciosi durante le gare. Penso che essere indietro di 46 punti dopo la terza gara ci abbia dato il calcio nel culo di cui avevamo bisogno”.

“Inoltre, la nostra macchina era in sovrappeso di 20 chili all’inizio. È stato un affidabile risparmio di tempo da riprendere non appena abbiamo potuto ridurre il peso. Perché nella galleria del vento guadagni tanti o tanti punti di appoggio, ma è solo una teoria all’inizio. Dobbiamo dimostrarlo in pista.”

“D’altra parte, ogni chilo in meno rappresenta in pratica una certa quantità di tempo risparmiato. E di conseguenza anche il comportamento della nostra F1 è cambiato in modo tale che Max ha potuto sfruttarlo in modo ottimale. E quando Max può spingersi oltre i propri limiti e avere fiducia in se stessi è diverso rispetto a quando qualcun altro si spinge oltre”.

Tuttavia, tutto doveva combaciare altrettanto bene. Il GP del Brasile ha dimostrato che quando manca solo un pezzo del puzzle diventa difficile…

“Oltre al Brasile, c’è stata un’altra gara in cui abbiamo sbagliato completamente il primo assetto a causa del simulatore. Ma siamo riusciti a correggerlo. In Brasile, il formato sprint e la pioggia si sono messi in mezzo. Con un normale tempismo di tre sessioni di prove libere, saremmo riusciti a superarlo”.

Chi teme di più il prossimo anno: Mercedes F1 o Ferrari?

“Sicuramente Mercedes. Sono la squadra più stabile. E hanno Lewis Hamilton. I tempi sul giro hanno ripetutamente dimostrato che è un uomo di punta. È solo che il loro pacchetto è molto più forte di quello della Ferrari”.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}