• Home
  • Formula 1 | Perché Leclerc si è adattato meglio alla sua Ferrari F1-75

Formula 1 | Perché Leclerc si è adattato meglio alla sua Ferrari F1-75

0 comments

Perché Leclerc è migliore (...)

La stagione 2022 della Ferrari è stata segnata anche da un duello tra Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Il monegasco ha iniziato l’anno decisamente meglio, il tempo lo spagnolo si adatta meglio alla F1-75. Il finale di stagione è stato finalmente più serrato tra i due piloti.

Come spiega Leclerc questo vantaggio dalla sua parte? Era legato solo alla nuova F1? O ha dovuto cambiare approccio anche con l’effetto suolo?

“Ho cambiato alcune cose. Il modo in cui lavoro. Come mi disciplina a casa. L’anno scorso è stato un po’ freestyle,” rivela.

“Ogni volta che ero a casa facevo mille cose. Ad essere sincero, nel 2021 ero molto stanco da metà stagione fino alla fine. Mi ha influenzato e ha influito sulla prestazione”.

“È anche possibile che questa macchina si adatti meglio a me. Abbiamo fatto un ottimo test invernale. Abbiamo provato molte cose. Abbiamo posto molta enfasi su come posso guidare la macchina. Mi ha aiutato a iniziare la stagione ad alto livello . Potrei concentrarmi sui dettagli.”

Queste auto sono davvero molto diverse da guidare?

“Prima noti il ​​peso, cosa più importante. La macchina sembra solo lenta. Se perdi il posteriore, è molto più difficile tenere la macchina. negli anni precedenti che ero in Formula 1. Quando la macchina era più leggera e più facile da recuperare con. Anche la frenata è diversa a causa del peso. Il bloccaggio della gomma anteriore è un grosso problema. Lo abbiamo visto spesso in questa stagione”.

Quindi frenare prima a volte era meglio?

“Sì, ma è sempre difficile chiedere quello a un pilota di Formula 1. Per noi è più facile spingere ancora di più. Il contenimento è un’altra cosa. Con queste macchine dovevi farlo”.

Qual era allora il segreto?

“Queste vetture incoraggiano il sottosterzo. Lo preferisco perché odio davvero il sovrasterzo. Potrebbe aver giocato a mio favore anche su Carlos”.

“Abbiamo fatto un ottimo lavoro nei test invernali e ci siamo subito concentrati sul bilanciamento, facendo in modo che la macchina sembrasse un po’ più vivace dal posteriore per me, senza perdere prestazioni. “È quindi necessario rafforzare l’avantreno e fornire il corrispondente supporto al retrotreno durante la stagione per mantenere questo carattere che mi piace”.

Questo però non è quello che i piloti preferiscono in gara perché gestire le gomme posteriori di una vettura che sovrasterza non è l’ideale per i lunghi stint…

“Sì, ma hai più controllo con un’auto sovrasterzante. Ecco come la vedo io. Tu sterzi, l’auto fa esattamente quello che le dici di fare. In un’auto sottosterzante, mi sento come un passeggero che non ha molto da fare . L’auto semplicemente non sterza al centro della curva. Non so nemmeno cosa fare allora. Preferisco sempre mantenere il controllo. Anche se questo significa che l’auto a volte è un po’ più difficile da guidare. A volte tu consuma un po’ di più le gomme posteriori, ma per me è la più veloce in pista, in gara non bisogna esagerare”.

Quanto ci ha messo a capire che stile di guida richiede una F1 2022?

“I test invernali sono stati sufficienti in questa stagione. Alla fine, sapevo cosa fare con la macchina. Nel corso dell’anno poi impari varie cose per le quali potresti non aver avuto tempo durante i test. inverno. Questo viene con l’esperienza. Ma il concetto generale di guida di questa F1 era in atto dopo i test invernali per quanto mi riguarda”.

Infine, cosa ha pensato delle Pirelli da 18 pollici in questa stagione?

“È stato difficile leggere quelle gomme. Molto complicato. Hanno una finestra operativa molto ristretta in qualifica. Se sei solo un po’ sopra o sotto fa una grande differenza. È anche complicato in gara. L’ho sperimentato in Singapore, ho spinto dietro una macchina per cinque o sei giri e poi ho bruciato il set di gomme e poi diventa molto difficile da seguire, quindi è una questione di gestire queste gomme in gara e il distacco davanti a te”.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}