Formula 1 | Steiner su Schumacher: nel 2022 ha visto cos’era la F1 “davvero”

Steiner su Schumacher: nel 2022, (...)

Se quest’anno Kevin Magnussen ha dato a Günther Steiner la piena soddisfazione non è ovviamente solo per la sua pole di venerdì, anche se è stata l’apice di una rimonta di successo.

È quindi naturale che Günther Steiner sembrava voler estendere il danese per diversi anni.

Dall’interno, come ha giudicato Günther Steiner la prestazione complessiva di Kevin Magnussen durante questa campagna? In realtà, tutto era iniziato molto bene in Bahrain…

“Quando è tornato ha segnato punti nella prima prova, nel primo Gran Premio, aveva la squadra dietro di sé. E poi direi che subito dopo la pausa estiva ha faticato un po’ e non sappiamo proprio perché. Ma poi è tornato in forma, solo che ci vogliono meno alti e bassi, anche a livello di squadra. »

“Non direi solo che è solo il lavoro di Kevin. Dobbiamo analizzare perché abbiamo così tanti alti e bassi e abbiamo fatto parte di quel lavoro. E speriamo che il prossimo anno possiamo tornare come una squadra più stabile, per fare bene la maggior parte del tempo. Hai ancora un brutto evento o qualcosa del genere, ma dobbiamo solo stabilizzare tutto. »

“Quindi da parte di Kevin, all’improvviso è tornato qui, è un programma lungo, molte gare, ma ora lo sta gestendo bene. E ora non vedo l’ora che arrivi il prossimo anno. »

Günther Steiner ha visto un Kevin Magnussen migliore in questa seconda parte della stagione? E che durante il suo primo stint in squadra?

“Penso di sì. Voglio dire, è appena maturato, sai, invecchiando. Diventiamo tutti più calmi e a volte vediamo le cose in modo leggermente diverso. È molto rilassato per la maggior parte del tempo, si spera che in futuro vedremo un Kevin ancora migliore. »

Steiner era dispiaciuto per Mick Schumacher

In questa seconda parte di stagione, però, Mick Schumacher era tutt’altro che meritevole contro Kevin Magnussen. Perché allora Günther Steiner sembra molto più severo con il tedesco, al punto da volerlo probabilmente licenziare l’anno prossimo a favore di Nico Hülkenberg?

“Voglio dire, il suo lavoro è un po’ un puzzle, con alti e bassi. E ancora in qualifica [20e place de Mick Schumacher, pole de Kevin Magnussen] in Brasile… mi sono quasi dispiaciuto per lui, perché ha fatto un buon lavoro in Q1. I suoi primi due giri sono stati molto buoni. E poi, con le slick, non riusciva proprio a provare la sensazione. Ha perso un po’ di temperatura quando alcune persone lo hanno sorpassato al suo giro di uscita e poi non è riuscito a recuperare la temperatura. E ha perso un po’ di fiducia, ha iniziato a scivolare. Non ha funzionato per lui. »

“Ma per il resto, per tutta la stagione, sappiamo tutti che ha passato dei bei momenti e dei brutti momenti, sai, alti e bassi. »

Günther Steiner non avrebbe quindi visto progressi tra il Mick Schumacher del 2021 e quello del 2022?

“Penso che sia diventato più coerente. Ovviamente è migliorato, sai, perché l’inizio di stagione è stato molto difficile, quando è stato buttato in fondo, con una macchina migliore, con un ottimo compagno di squadra. È stato un po’ come ‘OK, ora è davvero la Formula 1’, ma poi è tornato ed è migliorato. »

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *