Formula 1 | Williams F1: Logan Sargeant gareggerà finalmente in EL2 in Brasile

Williams F1: Logan Sargeant disputa

Al Gran Premio del Brasile, la Williams F1 correrà ancora una volta Logan Sargeant, il suo pilota titolare nel 2023 a condizione che ottenga la sua Super Licenza, durante EL2. Alex Albon sarà bravo al volante della FW44 in EL1, perché a causa del format Sprint le qualifiche si disputeranno da venerdì.

Il pilota thailandese è comunque felice di tornare sul circuito di Interlagos, lui che non ci guidava dall’edizione 2019 della gara, dove era stato privato del podio anche dal contatto con Lewis Hamilton.

“Il Brasile offre un circuito ‘vecchia scuola’ con tutta la sua storia e il suo carattere. È fantastico incontrare tutti i fan appassionati lì, lo rende un ottimo posto per una gara. Ovviamente vogliamo concludere la stagione con un buon punteggio e noi daremo tutto quello che abbiamo nelle due gare rimanenti, faremo uno Sprint questo fine settimana, quindi sarà importante avere la migliore preparazione possibile”.

Nicholas Latifi non si vede necessariamente brillare questo fine settimana a San Paolo, ma il canadese è ancora entusiasta di tornare su un circuito iconico prima di salutare la F1 la prossima settimana.

“Non vedo l’ora di queste ultime due gare della stagione. Partiamo dal Brasile dove troveremo il format Sprint, è passato molto tempo dall’ultima volta che ce n’era stato uno. Apprezzo il fatto che non ne abbiamo uno solo sessione di prove libere prima delle qualifiche. Sulla carta il Brasile non è il circuito più adatto alla nostra vettura, ma il meteo può sempre avere un ruolo e questo sembra essere il caso di questo weekend, sta a noi sfruttare ogni occasione che si presenta».

Sargeant ha privato di un punto la sua Super Licenza in Messico per… 4 chilometri

Inizialmente non era previsto, ma Logan Sargeant riprenderà quindi il volante questo fine settimana durante le prove libere del sabato precedente lo Sprint, dove sostituirà Albon.

L’americano aggiungerà così un punto in più sulla sua Super Licenza, lui che alla fine non l’aveva ottenuta in Messico. In effetti, le EL1 erano state interrotte da diverse bandiere rosse e Sargeant era stato in grado di completare solo 96 dei 100 chilometri richiesti per l’assegnazione del punto. Questo potrebbe quindi spiegare perché è finalmente in pista questo fine settimana.

“Non vedo l’ora di tornare al volante della FW44 durante le FP2 a San Paolo, per continuare a progredire con il team grazie all’esperienza maturata ad Austin e in Messico. Avere l’opportunità di guidare su un circuito emblematico come quello di Interlagos, con le sue curve sopraelevate e la ‘S’ di Senna, è una sensazione straordinaria. Ancora una volta vorrei ringraziare calorosamente tutti per questa nuova opportunità alla Williams”.

Il tempo potrebbe giocare un ruolo chiave questo fine settimana

Dave Robson, responsabile delle prestazioni alla Williams F1, rievoca la sfida di San Paolo resa complicata dalla quota relativamente alta del circuito, o dall’imprevedibilità del tempo.

“Interlagos ospiterà l’ultimo Sprint della stagione, quindi avremo pochi test prima che le vetture entrino nel parco chiuso. Sebbene non sia impegnativa come Città del Messico, la città di San Paolo si trova a un’altitudine significativa e il circuito è difficile da ottimizzare per i piloti. Cercheremo di finalizzare i settaggi dei motori e dei sistemi di raffreddamento della EL1, poi dovremo prepararci per le qualifiche”.

“È probabile che si formi un treno con il DRS e sarà difficile sorpassare durante lo Sprint, quindi le qualifiche saranno fondamentali. Il Gran Premio dipenderà molto dal comportamento delle gomme e dal meteo, le previsioni attuali parlano di pioggia e temporali e quindi la strategia della gara potrebbe essere difficile da ottimizzare”.

“Logan Sargeant tornerà in FW44 questo fine settimana e guiderà la vettura di Alex. È un format insolito per via dello Sprint e quindi sarà complicato, ma l’esperienza che gli viene offerta è inestimabile e un buon investimento per il futuro. Lui ha fatto un ottimo lavoro ad Austin e in Messico e sono fiducioso che farà lo stesso questo fine settimana, nonostante il formato”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *