• Home
  • gamma rivista e passaggio dalla trazione alla propulsione

gamma rivista e passaggio dalla trazione alla propulsione

0 comments

Volvo ha rivisto con discrezione le sue C40 e XC40 con una gamma rielaborata e una nuova versione con un solo motore associato a una batteria più grande. Anche i SUV svedesi abbandonano l’architettura di trazione per la propulsione o la trazione integrale.

Da diversi mesi, Volvo propone nella sua gamma due SUV 100% elettrici: la XC40 Recharge e la C40 Recharge. La seconda, in arrivo nell’autunno 2021, è la versione “coupé” della prima lanciata nel 2018 (disponibile anche in termica). Entrambi i modelli ricevono un aggiornamento prima dell’inizio del 2023, quasi sotto il radar. Tuttavia, è più importante di quanto sembri!

Le Volvo C40 Recharge e XC40 Recharge cambiano infatti la loro architettura, passando dalla trazione anteriore alla trazione posteriore nelle loro versioni entry-level. Questo sorprendente cambiamento nel bel mezzo di una carriera è possibile grazie alla piattaforma SEA del gruppo cinese Geely a cui appartiene Volvo. In precedenza, la C40 e la XC40 beneficiavano ciascuna di una variante Recharge con un unico motore anteriore da 231 CV, necessariamente associato a una batteria da 69 kWh. È stata proposta anche una versione bimotore Recharge Twin, con 408 CV e una batteria da 78 kWh. Ora Volvo offre tre diverse versioni.

Una versione Extended Range con un piccolo motore elettrico e una grande batteria

L’entry level Recharge viene proposta ancora con un solo motore elettrico, ma questa volta è posizionato nella parte posteriore e sviluppa 175 kW (238 CV, ovvero 7 CV in più). Il motore elettrico è ancora associato a una batteria da 69 kWh, per un’autonomia fino a 461 km per la XC40 e 477 km per la C40. Si tratta quindi di una trentina di km in più rispetto alla precedente variante Traction Recharge.

Al catalogo si aggiunge una nuova versione Recharge Extended Range, che offre un po’ più di autonomia grazie all’utilizzo della più grande batteria agli ioni di litio con un solo motore elettrico. Posto sempre nella parte posteriore, sviluppa 252 CV e 420 Nm di coppia. La batteria offre una capacità di 82 kWh, che consentirebbe fino a 515 km con una sola carica per la XC40 e 534 km per la C40 (secondo il ciclo WLTP).

Maggiore potenza di ricarica

Infine, al top di gamma, rimane disponibile la versione Recharge Twin con due motori (uno per asse), con piccole modifiche. Offrendo ancora 408 CV e 670 Nm di coppia, riceve una batteria di maggiore capacità (82 kWh contro 78 kWh in precedenza). Ciò le consente di offrire una maggiore autonomia (fino a 501 km per la XC40, 508 km per la C40) e un consumo di carburante leggermente inferiore (tra 17,7 e 18,7 kWh/100 km).

Altra novità importante, le versioni dotate della capiente batteria da 82 kWh potranno ricaricarsi più velocemente, grazie alla potenza di ricarica portata ora a 200 kW. Ciò consentirebbe di risparmiare qualche minuto sulla ricarica, Volvo annuncia 28 minuti per passare dal 10 all’80% di carica su un terminale veloce. Le varianti Recharge dotate di batteria da 69 kWh non beneficiano di questo vantaggio e rimangono visibilmente limitate a un massimo di 150 kW.

Prezzi in rialzo

Queste modifiche migliorano le prestazioni complessive delle elettriche C40 e XC40, ma ciò non è senza conseguenze sul prezzo, purtroppo. Il SUV coupé C40 parte da 54.050 euro con la versione Recharge Extended Range (batteria da 252 CV / 82 kWh) nella finitura Start, poiché non ha diritto alla finitura Essential entry-level, appena meno equipaggiata. La XC40 ce l’ha e abbassa il prezzo a 48.950 euro per la variante Extended Range. Sorprendentemente, la versione Small battery Recharge è disponibile solo dall’arrivo Start ed è quindi più costosa, con un biglietto d’ingresso di 50.250 euro.

Volvo precisa che i suoi veicoli beneficiano di uno sconto immediato del 4% per poter accedere al bonus ecologico, in particolare per l’entry-level che ora viene visualizzato sopra la soglia dei 47.000 euro. Pertanto, il produttore svedese afferma che la XC40 Recharge è disponibile a partire da 43.950 euro, e ha quindi diritto al bonus massimo di 6.000 euro da detrarre. Il C40 viene visualizzato da € 44.950 compreso lo sconto, prima del bonus.

Prezzo di ricarica Volvo XC40:

Essenziale

  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 48 950 €

Inizio

  • Ricarica 238 ch / 69 kWh : 50 250 €
  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 52 050 €

Più

  • Ricarica 238 ch / 69 kWh : 53 850 €
  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 55 650 €
  • Ricarica Twin 408 ch / 82 kWh : 59 650 €

Ultimo

  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 60 900 €
  • Ricarica Twin 408 ch / 82 kWh : 64 900 €

Prezzo di ricarica Volvo C40:

Inizio

  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 54 050 €

Più

  • Ricarica 238 ch / 69 kWh : 55 850 €
  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 57 650 €
  • Ricarica Twin 408 ch / 82 kWh : 61 650 €

Ultimo

  • Ricarica Extended Range 252 ch / 82 kWh : 61 900 €
  • Ricarica Twin 408 ch / 82 kWh : 65 900 €

Foto: Volvo.

Leggi anche su Auto-Moto.com:

Test di ricarica della Volvo C40: il nostro parere al volante del SUV coupé elettrico

Volvo EX30: cosa sappiamo già del futuro SUV urbano?

Volvo EX90 (2023): quando la XC90 si converte al 100% elettrica

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}