• Home
  • giubilo in Francia dopo la vittoria degli azzurri, alcuni eccessi e un lutto

giubilo in Francia dopo la vittoria degli azzurri, alcuni eccessi e un lutto

0 comments

Sugli Champs-Élysées di Parigi, Bordeaux, Lione o anche Marsiglia, la qualificazione degli azzurri alla finale del Mondiale-2022 è stata festeggiata mercoledì da migliaia di tifosi in un clima in gran parte bonario, con qualche eccesso però. Un gruppo di 40 persone vicine all’estrema destra e che stavano per raggiungere gli Champs-Élysées sono state arrestate per possesso di armi proibite e un adolescente è morto a Montpellier, investito da un’auto.

Una folla festante ha invaso la capitale ma anche Bordeaux, Lione e Marsiglia per festeggiare il qualificazione della squadra francese per la finale della Coppa del Mondo-2022mercoledì 14 dicembre. In tutta la Francia, la qualificazione degli azzurri è stata festeggiata da migliaia di tifosi in un clima in gran parte bonario, con qualche eccesso però.

“Condividi un momento di gioia”

Centinaia di tifosi dei Bleus si sono radunati sugli Champs-Élysées, nel cuore di Parigi, prima della fine della partita, vinta 2-0 contro il Marocco. “Siamo in finale, siamo in finale!”, cantavano spontanei i tifosi accorsi nonostante il freddo sul celebre viale parigino, mentre le auto che scendevano dagli Champs-Élysées suonavano i clacson. “È una festa, abbiamo vinto, siamo in finale. Per me vinciamo senza dubbio (finale di domenica, ndr), questa stella è nostra. tutta la vita”, ha detto Anna Issa, 18 anni, venuta da Reunion a Parigi, “per non essere andata in Qatar”.


“Sono molto contento di essere tornato in finale, è la seconda volta in quattro anni”, ha aggiunto Sylvain Badin, 24 anni. “E che piacere ritrovare l’Argentina. Sono venuto per condividere un momento di gioia”, ha aggiunto. , prima di piegare e riporre la sua bandiera francese per cercare di trovare un amico.


Alcuni straripamenti

Ma la polizia ha segnalato diversi overflow. Un gruppo di 40 persone vicine all’estrema destra e che stavano per raggiungere gli Champs-Élysées sono state arrestate, in particolare per porto di armi proibite, si apprende da una fonte della polizia. “Volevano chiaramente combattere sugli Champs”, ha aggiunto.

Poco prima delle 23, una carica del CRS ha disperso centinaia di sostenitori, alcuni dei quali stavano sparando fuochi d’artificio, riuniti intorno all’Arco di Trionfo a Parigi. In totale, nell’area parigina sono avvenuti 115 arresti, di cui 101 a Parigi dopo questa semifinale dei Mondiali, ha riferito il quartier generale della polizia.

A Lione, la festa è stata punteggiata da straripamenti quando diverse centinaia di giovani si sono riuniti in Place Bellecour, alcuni hanno fatto esplodere petardi e fuochi d’artificio, costringendo la polizia a lanciare diversi lacrimogeni.

Poco dopo la fine della partita, “un gruppo di giovani di estrema destra si è avvicinato ai tifosi riuniti in Place Bellecour. C’è stata una rissa e la polizia è prontamente intervenuta per respingere il gruppo e seguirli”, secondo una fonte prefettizia, che ha riportato sei arresti, di cui due tra i militanti del gruppo di estrema destra. Proiettili sono stati lanciati anche contro la polizia, che ha risposto con gas lacrimogeni.

Ad Avignone, secondo un rapporto della polizia, sono state arrestate anche 14 persone, di cui otto per colpi di mortaio.

A Marsiglia, 3.000 persone erano presenti nel Porto Vecchio per celebrare la vittoria e non si è registrato alcun incidente degno di nota. Diverse migliaia di tifosi anche al centro del Nizza, mentre a Montpellier, in Place de la Comédie, gli animi si sono infiammati poco prima della fine della partita.

In questa città è morto un adolescente, investito da un “autista”, ha reso noto la prefettura. L’autista è fuggito e “il mezzo è stato ritrovato nei pressi del luogo dell’incidente e posto sotto sequestro”, ha aggiunto la prefettura in un comunicato precisando che “le indagini dei carabinieri stanno procedendo rapidamente sotto la direzione della procura”. La vittima, trasferita in ospedale in assoluta urgenza, è deceduta poco dopo le cure mediche.

Secondo la deputata dell’Hérault Nathalie Oziol, i fatti sono avvenuti nel quartiere popolare di La Paillade e la vittima aveva 14 anni, ha indicato su Twitter, rammaricandosi che questo “evento sportivo finisca in una tragedia assoluta”.

Emmanuel Macron “tremendamente orgoglioso”

Il presidente Emmanuel Macron si è dichiarato “tremendamente orgoglioso” della qualificazione dei Blues in finale e ha sottolineato il ruolo dell’allenatore Didier Deschamps. Il Capo dello Stato ha salutato una squadra che è “un mix di più generazioni”. “Mai due senza tre. Allora c’è Didier Deschamps con la sua ‘baraka'”, ha commentato dal Qatar.

In precedenza, durante la partita, alcune decine di tifosi marocchini si erano radunati a Parigi, con la bandiera rossa stellata del loro paese sulla schiena, per seguire la partita sui loro telefoni cellulari. “Abbiamo perso, ma è ancora solo calcio, abbiamo fatto la storia andando in semifinale (…). Siamo orgogliosi del nostro Paese e felici per la Francia”, ha insistito Kamal Seddiki, studente marocchino di 22 anni .

Quando la Francia ha raddoppiato la scommessa di Kolo Muani (79e), l’obiettivo è stato salutato da un autobus CRS che ha fatto scattare la sua sirena. L’atmosfera è rimasta bonaria con la massiccia presenza di polizia e gendarmi, alcuni muniti di elmetti e scudi. Circa 10.000 poliziotti e gendarmi sono stati mobilitati in Francia per sorvegliare i tifosi delle due squadre. La polizia aveva effettuato 170 arresti, di cui 100 a Parigi, al momento degli incidenti avvenuti dopo che Marocco e Francia si erano qualificate per le semifinali di sabato.

Con l’AFP

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}