• Home
  • HC Bienne: “Volevo che fosse una mia decisione”, spiega Etienne Froidevaux

HC Bienne: “Volevo che fosse una mia decisione”, spiega Etienne Froidevaux

0 comments

Etienne Froidevaux lascerà la National League questa primavera. L’attaccante dell’HC Biel ha solo 33 anni. Il bernese torna sui motivi di questa scelta per RTSsport.ch.

È ora di provare qualcosa di diversoQueste le parole di Etienne Froidevaux. Come annunciato un mese fa, quest’ultimo metterà via i pattini alla fine dell’esercizio in corso, 16 anni dopo il suo esordio in Lega Nazionale con il CP Bern. E questo per diventare insegnante nella scuola secondaria.

Originario di Noirmont – ma non è mai stato in questo affascinante villaggio del Giura – il simpatico attaccante si sente soprattutto bernese e di lingua tedesca. Ciò non gli ha impedito di aver lasciato una certa impronta al Lausanne HC, di cui è stato capitano dal 2018 al 2020.

Giocando all’HC Bienne dal 2021, dirà addio all’hockey professionistico iniziando il suo 2° titolo nazionale, dopo quello raccolto nel 2010?

Alla fine, le statistiche sono ancora importanti

Etienne Froidevaux. [Pascal Muller - Freshfocus]

Etienne Froidevaux

RTSsport.ch: Perché fermarsi, così giovane?

ETIENNE FROIDEVAUX: A 33 anni, in realtà sono già uno dei più anziani. Ci sono tutti questi giovani che crescono, e più stranieri di prima. Ciò significa che ci sono meno posti disponibili nella forza lavoro. Ma questa competizione è positiva, l’hockey svizzero ne ha bisogno.

RTSsport.ch: Da 3 anni la tua produzione offensiva è calata (1 gol nel 2021/22, ancora 0 in questa stagione). Questo ha avuto un ruolo nella tua decisione di porre fine alla tua carriera?

ETIENNE FROIDEVAUX: Sì, naturalmente. Perché alla fine le statistiche sono ancora importanti. Se avessi avuto un ruolo più offensivo, forse avrei fatto un’altra scelta. Non conoscevo i piani dell’HC Biel per me, ma volevo che fosse una mia decisione.

RTSsport.ch: La tua riqualificazione è già pianificata, il che rende anche le cose più facili.

ETIENNE FROIDEVAUX: Sono fortunato ad essere un giocatore di hockey e non è facile trovare una professione altrettanto piacevole per il futuro. Quindi non sarà facile riattaccare e rimarrò in contatto con lo sport. Ma ho sempre avuto altri interessi a lato, ho studiato tanto.

RTSsport.ch: Sei nato a Bienne, quindi il cerchio è ben chiuso.

ETIENNE FROIDEVAUX: Non era previsto. Ma mi sono davvero divertito a suonare con 3 club bernesi e con l’LHC.

RTSsport.ch: Qual è il tuo ricordo più bello?

ETIENNE FROIDEVAUX: Incontri con persone che sono rimaste importanti nella mia vita. Ma c’è ovviamente anche il titolo nel 2010 con CP Bern. Mi segnerà per sempre. In generale, mi sono divertito a giocare i playoff, sia con Berna, Losanna o Bienne. E spero che il meglio debba ancora venire!

RTSsport.ch: Nel 2010, l’SCB aveva un bell’aspetto, incluso un certo Roman Josi nei suoi ranghi.

ETIENNE FROIDEVAUX: A 20 anni ho potuto sfruttare questi momenti, in questa squadra piena di stelle. Josi è anche uno dei miei migliori amici. Quando incontro Ivo Rüthemann, o altri giocatori di questa epopea, ridiamo. È bello: anche 12 anni dopo, siamo ancora connessi.

Ho passato degli anni fantastici a Losanna

Etienne Froidevaux. [Pascal Muller - Freshfocus]

Etienne Froidevaux

RTSsport.ch: Durante le tue 8 stagioni all’LHC (2013-2021), hai spesso partecipato all’intervista post-partita sui nostri canali. Non ti mancherà quando la tua carriera sarà finita?

ETIENNE FROIDEVAUX: No, anche se ne approfittassi per migliorare il mio francese (ride). Quando ho firmato a Losanna, la gente si chiedeva da dove venissi e perché avessi un accento germanico quando ho un nome 100% francofono. Beh, ho ancora un accento, ma è meno serio di prima (ride). Rilasciare interviste fa parte del lavoro. Anche se la squadra ha giocato male. Assumermi le mie responsabilità davanti ai media non è mai stato un problema per me. Al contrario.

RTSsport.ch: Rimpiange di non essere mai stato incoronato con Losanna?

ETIENNE FROIDEVAUX: Rimpianto non è la parola giusta. Abbiamo giocato i playoff 5 volte. Il che è stato piuttosto positivo per un piccolo club che non era, come l’LHC di oggi, uno dei maggiori budget del campionato. Ho trascorso davvero degli anni meravigliosi a Losanna. Firmare lì nel 2013, dopo essere retrocesso con il Langnau, è stata la scelta migliore della mia carriera. All’LHC, ho avuto subito molto tempo per giocare.

RTSsport.ch: La tua bella prima stagione all’LHC ti è valsa anche la convocazione per il Campionato del Mondo 2014 in Bielorussia.

ETIENNE FROIDEVAUX: Rimane comunque un bel ricordo, anche se la squadra elvetica allora non era forte come in altre occasioni (rosso: 10° posto finale). Ma per un giovane giocatore è stata una grande esperienza, molto motivante. Ho segnato un gol contro la Bielorussia, durante il mio secondo turno (ndr: sconfitta per 4-3 alla fine), dopo essere stato in soprannumero all’inizio del torneo. Non era così male.

RTSsport.ch: Una parola sulla stagione di Bienne?

ETIENNE FROIDEVAUX: Siamo in buona forma, ma non dobbiamo mollare. Perché il vento può girare rapidamente. Il fallimento subito nei quarti di finale contro lo Zurigo (rosso: sconfitta per 4-3 in serie dopo essere stati in vantaggio per 3-2) ci rimane ancora in gola, e questo stato d’animo potrebbe aiutarci. Dovremo essere “a fuoco” al momento giusto, durante i playoff. In ogni caso, i tifosi di Biel possono guardare al futuro. Perché stanno accadendo molte cose positive nel movimento giovanile.

Etienne Froidevaux [Miguel Bao - RTS]

National League: Etienne Froidevaux (HC Bienne) riattacca a fine stagione / RTS Sport / 3 min. / oggi alle 09:46

Intervista di Michaël Taillard / Video prodotto da Miguel Bao

Leggi anche: HC Bienne: “stanno iniziando cose serie”, pensa Antti Törmänen

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}