I Girondins lasciano l’intensità negli spogliatoi [Joueur par joueur Nîmes-Bordeaux]

I Girondins hanno perso a Nîmes, 19° al calcio d’inizio, con il punteggio di 1-0. L’ultima sconfitta del Bordeaux risale al 10 settembre a Saint-Étienne (2-0). Diamo un’occhiata alla prestazione giocatore per giocatore ea quella dell’allenatore.

I Girondins lasciano l'intensità negli spogliatoi [Joueur par joueur Nîmes-Bordeaux]

© Iconsport

Sceneggiatura David : una classica composizione a squadre, senza sorprese per gli osservatori e quindi anche per l’avversario. Elis è in panchina a favore di Davitashvili. In panchina c’è anche Bokele a favore della Michelin. Il suo coaching non fa nulla in questo gioco. La sua squadra non è stata in grado di produrre fasi di gioco offensive decisive.

Gaetan Poussin : Non può fare nulla per l’obiettivo di Nimes. Al 44′ di gioco mette a segno una parata decisiva. Chiude il match in area di rigore per portare l’eccesso da calcio d’angolo.

Stian Gregersen : una grande partita di impegno. 91% di passaggi riusciti e 6 duelli vinti. A fine partita ha pareggio su calcio d’angolo, ma il suo tiro va oltre i 6 metri dalla porta. 101 palloni colpiti, segno della sterilità del gioco del Bordeaux, lento e che non sorprende più gli avversari.

Yoan Barbetto : esemplare nel suo ruolo di capitano. Scuote i compagni dai primi 3 minuti di gioco e dalle incursioni avversarie alla destra della sua difesa. Il suo atteggiamento non è bastato a scuotere la sua linea offensiva e il centrocampo. Anche lui ha una palla del pareggio da angolo che sbaglia. Più di 100 palloni toccati anche per lui.

Clemente Michelin : È molto attivo sul lato destro, provoca ma è fatto male. Le sue croci sono mal regolate così come i suoi calci piazzati. Non passa mai il primo post. 6 cross fatti, nessuno riuscito. Perde 18 palloni e la sua media di passaggi è inferiore all’80%. Attenzione.

Edificio vitale : degno di nota. 17 cross tentati, 9 riusciti.. 4 duelli vinti su 10 giocati. Nimes aveva un piano per contrastarlo e ostacolarlo per impedirgli di entrare in area di rigore. Aveva rifiuti nel passaggio con meno dell’80% di successo.

Francesco : E’ l’espressione di moda a Bordeaux: ha fatto un match al Fransergio. Vale a dire un match in cui non lo vede, troppo poco, oppure non riesce in nulla di decisivo, sia offensivo che difensivo. Solo 1 duello vinto in 75 minuti di gioco. In breve, è una partita fallita. La battuta durerà ancora a lungo?

Tom Lacoux : dai primi minuti di gioco non è in gioco. Mancanza di intensità, dietro sulle sue gare. In porta, palla brutta mandata di testa da Fransergio, perde il duello contro N’Guessan. Cade invece di agganciare il giocatore. È il lavoro che arriva. Nell’intervallo viene sostituito da Sissokho.

Issouf Sissokho : schierato in posizione di 8 nel secondo periodo. Completa il 100% dei suoi passaggi, ma nessuno è pericoloso per l’avversario. Un solo duello ha vinto. Inoltre, non ha portato nulla alle offensive del Bordeaux. Lui impara.

Danilo Ignatenko : al numero 8 i primi 45 minuti di gioco, al numero 6 il secondo tempo. 5 duelli vinti, 95 palloni toccati e passaggi assicurati, ma troppo spesso all’indietro. Viene superato dal centrocampista avversario.

Davitashvili di Zuri : si è esibito in fantasmi dal suo fragoroso gol durante la sua prima apparizione contro il Dijon e poi contro Laval. Troppo individualista, non ha portato nulla alla squadra in questa partita. Sostituito nell’intervallo da Alberth Elis.

Albert Ellis : 11 palloni giocati nel secondo tempo. Un duello vinto e 5 palloni persi. Mette in scena prestazioni mediocri partita dopo partita, e questo solleva interrogativi sulla sua voglia di avere successo in Ligue 2 al Bordeaux.

Josh Maja : ha lottato sul fronte dell’attacco vincendo duelli (4). Ma solo 25 palloncini hanno colpito. È troppo solo, le squadre avversarie riescono a bloccarne l’utilità nel gioco dei Girondins. Non ha trovato la parata. Ha giocato 90 minuti.

Dilane Bakwa : il più intraprendente degli attaccanti girondini, ma troppo egoista. Spesso vuole fare la differenza da solo, dimenticando i suoi partner. Quando gioca così, non aiuta la squadra. 46 palloni colpiti e un tiro in porta, 5 duelli vinti. Sta imparando.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *