• Home
  • I numeri di Strava 2022, il riflesso di una pratica in forte espansione

I numeri di Strava 2022, il riflesso di una pratica in forte espansione

0 comments

L’anno 2022 sta volgendo al termine, le città si stanno adornando con le loro decorazioni natalizie e noi ci stiamo preparando per i festeggiamenti di fine anno. È anche il momento di fare il punto sull’anno passato e, ovviamente, di tuffarsi nell’essenziale Report Year in Sport de Strava.

Come ogni anno, il social network con 100 milioni di utenti in tutto il mondo svela dati edificanti sulla pratica dello sport e funge da osservatorio dei trend dell’attività fisica.

Spinto in gran parte dai velotaf (viaggi casa-lavoro), il ciclismo sta guadagnando quote, soprattutto nelle discipline che si praticano fuori dai sentieri battuti. In tutto il mondo la VTTAE (mountain bike a pedalata assistita) è la grande vincitrice di un trend che si conferma nel 2022.

Fonte: Strava

La bici in numeri

La quota di ciclisti su Strava che e-bike è aumentata del 26% quest’anno.

Il 16% degli spostamenti in e-bike sono spostamenti casa-lavoro, rispetto al 12% di spostamenti in bici muscolare (30,4% in più).

Il 23% degli spostamenti in eBike avviene su trail (rispetto al 12% degli spostamenti in bici muscolare).

Inoltre, il numero di uscite effettuate dalle atlete francesi è aumentato di 1,9 volte più velocemente rispetto al numero di uscite effettuate dagli atleti maschi.

Che sia motivato dal desiderio di esplorare, scoprire i grandi spazi aperti o dal bisogno di avventura, il 52% degli atleti Strava in tutto il mondo ha caricato un’attività all’aperto nel 2022, tutte le attività messe insieme. Queste attività all’aperto hanno il 55% in più di probabilità di essere svolte in gruppo.

Da segnalare che a seguito dell’esplosione dell’uso della bicicletta negli spostamenti per il trasporto quotidiano dopo la pandemia, continua la crescita in molte città. Questo è particolarmente vero a Parigi. Ad esempio, quando si sviluppano le infrastrutture ciclabili, le persone usano la bicicletta più facilmente rispetto all’auto o ai mezzi pubblici.

Insieme, andiamo più lontano e più velocemente

Questo adagio è più vero che mai su Strava nel 2022. Uscire in gruppo ti consente di registrare uscite il doppio della durata e della distanza rispetto a un’uscita in solitaria. Ciò è particolarmente vero per le donne, per le quali Strava registra durate più lunghe del 134% e distanze più lunghe del 180%. Per gli uomini, il risultato è lo stesso, con durate più lunghe dell’85% e distanze più lunghe del 101%.

In gruppi di tre o più, i numeri sono ancora più alti. In Francia, Strava registra attività che durano il 131% in più e viaggiano il 170% in più quando si esce con 3 o più persone. Gli uomini hanno anche corso più velocemente in gruppo che da soli, il che non sorprende se si pensa alle fughe dei gruppi professionisti o a quell’amico che accelera il ritmo per essere il primo al segno.

Nel pieno dell’inverno, gennaio 2022, i ciclisti che hanno aggiunto attività di gruppo su Strava hanno avuto l’87% in più di tempo di attività sull’orologio rispetto a quelli che hanno guidato da soli.

Il boom della mountain bike a pedalata assistita

La mountain bike elettrica sta guadagnando sempre più adepti, l’assistenza elettrica permette almeno di prendere confidenza con il mondo delle 2 ruote e, per alcuni, di affrontare terreni difficili che non avrebbero affrontato senza assistenza.

Su Strava, la percentuale di ciclisti che hanno registrato le corse in e-bike è aumentata del 26% quest’anno. Questo aumento si osserva soprattutto negli atleti più anziani, che sono molto più propensi dei giovani a utilizzare le e-bike. Allo stesso modo, l’adozione di questa nuova tecnologia di assistenza elettrica è molto più elevata in alcuni paesi.

Statisticamente, i ciclisti più anziani decidono più spesso di passare all’assistenza elettrica.

Guida sempre più lontano

I ciclisti non hanno esitato a fare lunghe pedalate. Come l’obiettivo iconico della maratona per i corridori, l’uscita di 100 miglia (o 160 km, quella che gli anglofoni chiamano la “corsa del secolo”) è un rito di passaggio per molti ciclisti. Quest’anno, la quota di ciclisti che hanno registrato almeno una corsa di 100 miglia è aumentata del 22% a livello globale, anche nei paesi che utilizzano il sistema metrico decimale. La Francia è al secondo posto in questa classifica, con un aumento del 37% nel percorso di 100 miglia nell’ultimo anno.

La maggior parte delle corse di 100 miglia viene ancora effettuata su asfalto, ma le gare di ghiaia a lunga distanza sono sempre più popolari per la varietà.

Francia, numero 1 nel turismo sportivo

Nel 2022 la Francia è il Paese in cui i visitatori stranieri hanno svolto il maggior numero di attività sportive. Si piazza così sul primo gradino del podio davanti a Spagna e Italia.

Anche la Francia riafferma il suo status di territorio ciclistico, poiché il ciclismo è lo sport più praticato dagli stranieri quando visitano il territorio francese. I dati di Strava mostrano che preferiscono le regioni che offrono salite leggendarie, con l’Alta Savoia in cima alla lista, seguita da Vaucluse e poi Isère.
Gli stranieri non sono gli unici ad amare la Savoia, poiché la regione alpina è anche la destinazione più popolare per gli utenti francesi che hanno caricato attività su Strava fuori casa.

Puoi trovare il rapporto completo sull’anno 2022 nello sport di Strava qui.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}