• Home
  • Ibrahima Konaté, appena in tempo / Mondial 2022 / Tempo / Francia-Marocco (2-0) / SOFOOT.com

Ibrahima Konaté, appena in tempo / Mondial 2022 / Tempo / Francia-Marocco (2-0) / SOFOOT.com

0 comments

I Blues sono avanzati verso questa semifinale contro il Marocco senza due forze trainanti nella loro carriera. Upamecano e Rabiot non riescono a tenere il posto, Konaté e Fofana devono andare davanti. Non abbastanza per spaventare il difensore del Liverpool, ancora una volta impeccabile.

Avranno comunque lasciato immensa generosità negli ultimi istanti, in particolare su questa azione parata in maniera del tutto improbabile da Jules Koundé, felicissimo di vedersi rimbalzare il pallone addosso sulla sua linea (90′e+4). Questa volta, i Blues hanno la prima volta foglio pulito in questo Mondiale, avendo subito una pedina in ogni uscita dall’inizio del torneo. Se la squadra allenata a Bordeaux ha salvato la giornata, questa prestazione difensiva complessiva deve molto a Ibrahima Konaté, nella continuità delle sue prime due partite durante i gironi.

Riscaldamento blu

Il colpo dopo il pacchetto di Dayot Upamecano, particolarmente solido dall’inizio di questo Mondiale, è finalmente passato più o meno in secondo piano nonostante gli attacchi di febbre del Marocco. Ottima notizia, se per caso il bavarese non dovesse essere ceduto dalla finale di domenica, al fianco dell’argentino. Mentre la corsia sinistra ha sofferto ancora una volta, come il quarto di finale contro l’Inghilterra, i giovani Rosso non ha mai tremato veramente, salvando anche la patria tagliando un cross bruciante di Attiyat-Allah destinato a En-Nesyri all’inizio del secondo tempo.

Tra le questioni principali – con il centrocampista – prima della gara per i Blues a causa del pacchetto di Presnel Kimpembe, la posizione assiale sinistra è perfettamente gestita. “I due dovrebbero essere in grado di tenere questo posto, anche se altri possono farlo: Ibrahima Konaté e Dayot Upamecano” , ha detto Didier Deschamps prima dell’inizio delle ostilità. Per lanciare finalmente i due giovani fianco a fianco per resistere all’Australia, dando a Raphaël Varane il tempo di rimettersi in piedi. Ecco ora questi Tricolori qualificati per la finale avendo allineato tre diversi cardini, senza crollare. Nonostante una propensione a soffrire per lunghi momenti di ogni incontro.

Non vedi l’ora che arrivi domenica?

Un traguardo per l’uomo che ha esordito in nazionale lo scorso giugno per sopperire alle numerose assenze contro l’Austria, poi la Croazia. Prima di aspettare tutto l’autunno per sapere se sarebbe andato in Qatar, colpa di diversi problemi fisici che hanno ritardato l’inizio della sua stagione con il Liverpool. Fino all’emissione, il 9 novembre, quando è stata annunciata la lista di Didier Deschamps. “È il sogno di ogni bambino, mi rende felicesi è congratulato con se stesso nel processo qui vicino parigino. Ero solo a casa a Liverpool quando è stata rivelata la lista – è il mio unico rimpianto – ma eravamo in video con tutta la mia famiglia. Eravamo come matti! »

La sua settima selezione potrebbe quindi essere una finale di Coppa del Mondo, proprio nella posizione in cui Samuel Umtiti aveva primeggiato quattro anni fa in Russia. “E’ vero che nel mio ruolo ci sono tanti ottimi giocatoripreme di nuovo. Dopo, attenzione: con me non scommetteremo solo sul simpatico piccoletto! Ma immagino che Deschamps abbia preso in considerazione la persona che sono, così come lo stato d’animo che ho e il mio livello di prestazione. » Proprio come tra i Rossi per la sua prima stagione, il ragazzo di La Roquette si è rapidamente affermato come una scommessa sicura nella selezione. Di quelli che puoi tirare fuori dalla manica per portare a termine qualsiasi missione, anche quando consiste nel fermare Lionel Messi nell’ultima tappa del suo sogno d’oro.

Di Tom Binet

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}