Il 4 volte Quartararo ha preso 25 punti da Bagnaia – GP Inside

Fabio Quartararo è a 23 punti da Francesco Bagnaia prima del Gran Premio di Valencia, l’ultimo della stagione 2022. Deve quindi vincere e sperare in un passo falso del suo rivale per essere titolato. I due uomini hanno partecipato insieme a 133 Gran Premi, di cui 66 in MotoGP. Per quattro volte il francese ha segnato 25 punti in più di lui, uno scenario che lo renderebbe il campione del mondo MotoGP 2022. Eccoli, accompagnati da alcune spiegazioni.

Di seguito alcuni commenti: Attenzione alle scorciatoie. Fare un argomento sulle 4 volte che Quartararo ha preso 25 punti dal Bagnaia è INFORMATIVO. Non significa desiderare la caduta o il fallimento di uno. Avremmo fatto lo stesso nella direzione opposta. Inoltre stiamo preparando un argomento sull’incredibile rimonta di Pecco in campionato, e questo non significa essere pro Pecco. Che vinca il migliore!

Jerez 2020 (GP dell’Andalusia)
Vincitore per la prima volta nella sua carriera in MotoGP a Jerez una settimana prima, Fabio Quartararo punta al sorpasso di due sul tracciato spagnolo, dove vengono organizzate due gare di seguito a causa dei cambi di calendario legati all’epidemia di Covid-19. . Questa seconda vittoria prende forma dai primi chilometri, dove parte in testa e scappa velocemente – supera il secondo in anticipo dal terzo giro.

Dietro, Fancesco Bagnaia sta costruendo gradualmente quello che promette di essere il suo primo podio in MotoGP. L’italiano supera Maverick Viñales, Franco Morbidelli e Valentino Rossi per agguantare il secondo posto, a poco meno di 5 secondi dal leader. Solidamente installato in questa posizione, però, ha dovuto abbandonarla a sei giri dal traguardo, a causa di un problema tecnico alla sua Ducati.

Mugello 2021 (GP d’Italia)
Autore della pole position in casa, Francesco Bagnaia sogna di offrire la sua prima vittoria in MotoGP davanti alla sua famiglia. La pressione è sulle sue spalle. La tragedia del weekend – la scomparsa del giovane pilota della Moto3 Jason Dupasquier – lo ha colpito molto sulla griglia di partenza. È partito ancora davanti a Fabio Quartararo, ma è caduto al secondo giro, proprio nel punto in cui lo svizzero ha avuto un incidente il giorno prima.

Il suo rivale francese recupera la leadership, combatte con il connazionale francese Johann Zarco, lo sconfigge e se ne va, per non essere più raggiunto. Vince e prende 25 unità in una volta da Francesco Bagnaia. Poche settimane dopo, il pilota ufficiale Ducati citerà il Gran Premio d’Italia come uno dei momenti chiave della sua perdita del titolo contro il campione del mondo MotoGP 2021.

Barcellona 2022 (GP di Catalogna)
Un anno dopo Francesco Bagnaia si prende la rivincita al Mugello, dove sale trionfante sul gradino più alto del podio. Arriva pompato al Circuit de Barcelona-Catalunya, che segue subito dopo il calendario. Il suo secondo posto in griglia, tra Aleix Espargaro (poleman) e Fabio Quartararo (terzo), annuncia una gara combattuta. Non succederà nulla.

Il puledro della VR46 Riders Academy non fa in tempo a difendere le sue possibilità: vittima dell’errore di Takaaki Nakagami nella staccata della prima curva, finisce nella ghiaia del circuito catalano dopo essere stato colpito dal giapponese . Fabio Quartararo ha libero sfogo per essere, una quarantina di minuti dopo, il primo a vedere la bandiera a scacchi.

Sachsenring 2022 (GP di Germania)
A due settimane dalla disillusione del Barcellona, ​​Francesco Bagnaia ha bisogno di riprendere la marcia in avanti al Sachsenring. Le cose sono iniziate bene quando sabato ha conquistato la pole position, con l’obiettivo di diventare il primo pilota Ducati a vincere qui dai tempi di Casey Stoner nel 2008. Ma Fabio Quartararo, al suo fianco in prima fila, non lo ha sentito da questo orecchio.

I francesi sono partiti meglio e hanno rapidamente preso il controllo. L’italiano prova a seguirlo, ma cade al terzo giro, alla prima curva del circuito. Assiste, impotente, alla vittoria del suo avversario di Nizza, che poi porta il suo vantaggio su di lui a 91 punti.

Questo scenario “Argentina 2016” che Ducati vuole evitare


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *