• Home
  • Il calore punisce i Lakers troppo cari con la palla

Il calore punisce i Lakers troppo cari con la palla

0 comments

La seconda fase di schiena contro schiena in Florida da Lakers li ha portati questa volta a Miamidove li attendeva fermamente Jimmy Butler (27 punti, 5 rimbalzi, 6 palle recuperate) e Bam Adebayo (23 punti, 14 rimbalzi), al rientro dopo l’assenza.

Due giocatori che, riposati, non hanno mancato di fare miserie ai compagni di squadra LeBron James (27 punti, 9 rimbalzi e 6 assist, ma 6 palloni persi), troppo deboli e limitati collettivamente per sperare di stravolgere e battere una squadra come la Calore (112-98).

Ma è soprattutto con la palla in mano che Gli angeli subito ieri sera (26 palloni persi…) e, allo stesso tempo, ha facilitato di molto il compito dei floridiani. Floridiani che vincono per la seconda volta di fila, prima di partire per un lungo viaggio su strada di cinque partite in Occidente, mentre i californiani hanno perso per la quinta volta in sei incontri.

COSA DEVI RICORDARE

Los Angeles ha distribuito i regali. Il periodo natalizio potrebbe essere finito, ma stasera i Lakers erano di umore generoso. Prova ne sono: le loro 26 palle perse, che hanno permesso agli Heat di segnare 31 punti in continuità! Molto, troppo quando sai che la franchigia della Florida ha commesso solo 6 piccole perdite di palla, per 2 punti concessi di conseguenza. Non cercare oltre il motivo principale della sconfitta dei “Purple & Gold”…

Miami si è rassicurata. Tornati sopra il 50% di vittorie, gli Heat hanno approfittato dell’arrivo dei Lakers per rifare la ciliegina sulla torta e ricordarsi di essere stati entrambi capaci di mantenere un vantaggio e di non tremare (troppo) negli ultimi istanti. In vantaggio per buona parte del match, e per tutto il secondo periodo grazie ad un superbo terzo quarto, gli uomini di Erik Spoelstra possono quindi assaporare questo successo abbastanza agevole e autorevole. Loro che ora si metteranno alla prova cinque volte in mobilità, da venerdì…

LeBron James sale ancora in una classifica “di tutti i tempi”.. Poco prima di festeggiare il suo 38esimo compleanno, il quattro volte MVP è entrato nella Top 10 dei giocatori con più partite nella regular season. In divisa per la 1.393esima volta in carriera, supera così un certo Tim Duncan (1.392) e si posiziona dietro ai 1.410 incontri di Jason Terry. Per informazione, il detentore del record in quest’area si chiama Robert Parish: 1.611 partite di regular season!

TOP/FLOP

Il duo Butler/Adebayo. Se i soldati Caleb Martin e Gabe Vincent hanno mostrato grandi cose in attacco (25 punti in 5/9 a 3 punti in totale), è grazie a tutti gli spazi offerti dai Lakers, ma soprattutto creati da Jimmy Butler e Bam Adebayo. Insostenibili dall’inizio alla fine, i due leader degli Heat hanno vagato nella “difesa” californiana, incapaci di rallentarli nel punteggio o nei ritardi. Simbolo del dominio della Florida nella vernice, il tandem All-Star ha messo sotto pressione gli avversari fin dall’inizio, senza mai allentare il cappio in seguito, perché ce n’era sempre uno per mettere fuori combattimento Los Angeles.

LeBron James. Certamente supportato correttamente nelle sequenze da Russell Westbrook, Dennis Schröder, Troy Brown Jr, Wenyen Gabriel o anche Juan Toscano-Anderson, il “Re” ha dovuto generalmente cavarsela da solo contro Miami. Per il suo ritorno in una stanza che conosce bene, l’ex-superstar del caldo ha fatto la pioggia e il bel tempo sul lato dei Lakers. Non appena ha giocato, la sua squadra esisteva e gareggiava con l’avversario. Non appena si è riposato, la sua squadra ha preso l’acqua e ha lasciato andare il punteggio. Ciò si è visto soprattutto prima dell’intervallo perché, nella ripresa, “LBJ” è stato un po’ meno influente, sprecando molte più munizioni palla in mano.

Austin Reaves e Lonnie Walker IV. Tra di loro, hanno giocato 41 minuti. Tra di loro, non hanno segnato un solo punto e sono finiti 0/9 ai tiri (incluso 0/8 a 3 punti), mentre hanno commesso 6 perdite di proiettili. Basti pensare che la prestazione del duo Reaves/Walker IV è stata pessima, per non dire pessima, e che ha logicamente spinto Darvin Ham ad affidarsi a Troy Brown Jr. e Juan Toscano-Anderson nel quarto quarto. .

IL SEGUENTE

Miami (18-17) : viaggio a Denver, nella notte tra venerdì e sabato (03:00).

Los Angeles (14-21) : viaggio ad Atlanta, nella notte tra venerdì e sabato (01:30).

Miami / 112 Colpi Rimbalza
Giocatori min Colpi 3pt LF O D T Pd Fte Int B p Ct +/- Pt Valutazione
J. Butler 35 18/11 0/4 5/5 1 4 5 4 0 6 0 0 -1 27 35
C. Martino 31 5/6 3/4 0/0 0 6 6 2 1 1 0 0 +25 13 21
B. Adebayo 39 16/10 0/0 3/6 5 9 14 0 4 1 1 2 +24 23 30
G. Vincenzo 31 5/9 2/5 0/0 2 0 2 2 3 2 1 0 +16 12 13
T. Herro 36 6/17 3/7 3/3 0 4 4 9 3 2 1 0 +29 18 21
D.Robinson 16 3/5 2/4 0/0 0 1 1 0 2 0 0 0 -11 8 7
H. Highsmith 0 0/0 0/0 0/0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
N.Jovic 0 0/0 0/0 0/0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
O.Robinson 9 0/2 0/0 0/0 1 1 2 1 1 0 0 0 -10 0 1
V. Oladipo 26 1/7 0/4 2/2 1 1 2 1 0 3 1 2 0 4 5
M. Stress 17 3/12 1/7 0/0 0 1 1 1 1 0 1 0 -2 7 -1
44/92 11/35 13/16 10 27 37 20 15 14 5 4 112 131
Los Angeles Lakers / 98 Colpi Rimbalza
Giocatori min Colpi 3pt LF O D T Pd Fte Int B p Ct +/- Pt Valutazione
L. Giacomo 34 18/10 2/5 5/5 0 9 9 6 4 0 6 0 -4 27 28
T.Bryant 23 5/6 0/0 1/2 2 6 8 0 3 0 3 1 -22 11 15
P. Beverly 28 2/7 2/5 0/0 1 6 7 4 2 1 1 1 -13 6 13
D. Schröder 35 5/10 2/5 3/4 0 2 2 2 1 0 4 0 -12 15 9
L. Walker IV 21 0/4 0/4 0/0 0 2 2 1 0 0 2 0 -17 0 -3
W Gabriele 14 4/4 1/1 1/1 0 1 1 0 2 0 0 1 +5 10 12
T. Brown jr. 21 5/6 4/5 0/0 1 3 4 0 1 0 1 0 +3 14 16
J. Toscano-Anderson 13 0/1 0/0 0/0 3 4 7 3 1 0 0 0 +8 0 9
R. Westbrook 32 6/16 2/7 1/3 1 3 4 8 1 0 3 1 -9 15 13
R. Reaves 20 0/5 0/4 0/0 0 0 0 1 1 1 4 0 -9 0 -7
Signor Christie 0 0/0 0/0 0/0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
37/77 13/36 15/11 8 36 44 25 16 2 24 4 98 105

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}