Il futuro degli hotel B&B – Jérôme Pineau in grossi guai

Mercoledì 26 ottobre era prevista la presentazione ufficiale della nuova struttura di Jérôme Pineau. Lì dovevano essere annunciati uno sponsor importante, reclute rinomate e una nuova squadra femminile. Alla vigilia della scoperta del percorso del Tour de France 2023, durante uno dei rari periodi di tregua in cui il ciclismo torna in primo piano mediatico, il tempismo sarebbe stato perfetto. Perse.

Per la mancanza della presenza di tutti i protagonisti, come Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, in trasferta in Argentina, l’evento non si è svolto, rimandato a data da destinarsi, quando alla fine avrà finalmente visto la luce Jérôme Pineau di un tunnel di seccature. Le argomentazioni addotte dal comunicato ufficiale della squadra del 24 ottobre, infatti, sembrano omettere soprattutto le principali insidie ​​che ostacolano l’assemblea del nuovissimo “Paris Cycling Club”. In particolare, il manager di Nantes è ancora alla ricerca di un accordo formale con un partner commerciale con un importante contributo finanziario.

Questo gap, però, complica l’iscrizione di questa nuova struttura all’UCI, fondamentale per continuare l’avventura nella prossima stagione. In un pre-elenco delle squadre candidate per le prime due divisioni del ciclismo, pubblicato il 19 ottobre, l’organismo internazionale non ha effettivamente menzionato B&B Hotels – KTM. ” Siamo arrivati ​​un po’ in ritardo – così confessò Jérôme Pineau nelle colonne di Francia occidentale dal fascicolo mancavano documenti (documenti amministrativi, statuti, atti di partenariato), ma stiamo lavorando per rimettere tutto a posto in tempi brevi. “. Purtroppo il tempo stringe. Se l’Uci è stata conciliante, ha imposto il termine del 20 novembre per la trasmissione di tutti i documenti richiesti. Facciamo il punto sulle sfide di questa corsa contro il tempo.

B&B Hotels – KTM si trasferisce dalla Bretagna a Parigi

Al momento, questa è l’unica evoluzione certa della struttura di Jérôme Pineau. Battezzato “Pineau Cycling Evolution” durante i suoi primi cinque anni di esistenza, diventerà “Paris Cycling Club” dalla prossima stagione. Questo trasferimento testimonia il cambio di ambizioni dell’allenatore del Nantes. Soprannominato per la prima volta “Pro Cycling Breizh” e principalmente orientato verso la Bretagna nelle sue assunzioni, il Team B&B Hotels – KTM si è gradualmente aperto al mercato internazionale in linea con la sua crescita.

L’arrivo del Tour de France 2022 sugli Champs-Elysées è stata l’occasione per lanciare la seconda fase di questo movimento. Annunciato con grande clamore da Jérôme Pineau e Anne Hidalgo, il sodalizio che lega l’ex professionista al sindaco di Parigi dà il via al trasferimento della struttura bretone nella capitale. Se non si tratta della comunità di finanziare adeguatamente questo progetto, si tratterà piuttosto di offrire al team l’immagine del marchio e il logo di “Parigi”, in un’operazione che rientra quindi nel “city branding”. questo accordo offre solo la visibilità necessaria per l’ampliamento della struttura, che dalla prossima stagione dovrebbe comprendere una sezione femminile e una scuola giovanile.

Anne Hidalgo / ASO – G. Demouveaux

Se Jérôme Pineau ne beneficia, l’idea viene da altrove. Il progetto, infatti, è stato ideato da tre uomini d’affari innamorati della Piccola Regina: Didier Quillot, ex direttore generale esecutivo della Football League, Régis Lefebvre, direttore generale della società ME&ME, e Guillaume de la Hosseraye, fondatore di “chilometro 0 ”, marchio parigino dedicato al ciclismo. Il primo è entrato anche nel consiglio di amministrazione, a differenza di Patrice Etienne, boss di Vital Concept. Tra le nuove reclute esecutive figurano anche Sébastien Pineau, fratello di Jérôme, e Thomas Le Drian, figlio di Jean-Yves.

L’arrivo di un importante partner per rafforzare B&B Hotels è atteso da tempo

Tuttavia, per avere i mezzi per le sue ambizioni, Jérôme Pineau deve ancora trovare un partner di alto livello da associare a B&B Hotels. Il cambio di struttura, infatti, ha avuto la meglio sui fondi concessi dalla regione della Bretagna (sarà comunque concesso un contributo minimo alla squadra femminile) e sull’investimento di Vital Concept, società fondatrice. Pertanto, lo sviluppo del team, sia per dimensione che per reputazione della forza lavoro, rimane bloccato da tale assenza. Pertanto, la conclusione di un accordo finanziario con un importante sponsor rimane l’assoluta urgenza del Club ciclistico di Parigi, oltre alle sue difficoltà amministrative.

ASO – Gautier Demouveaux

Va detto che la posta in gioco è alta. Con la scomparsa di due famigerate fonti di finanziamento, Jérôme Pineau ora può contare solo sui cinque milioni di euro annuali promessi dalla catena alberghiera B&B. Troppo poco, troppo poco, per affermare di far parte dei due migliori ProTeam a breve termine, come sostiene il manager del Nantes. Quest’estate sperava di ricevere ulteriori 13 milioni di euro per fornire alla sua struttura il cambio di dimensione desiderato. Secondo il quotidiano Il gruppo“le trattative di oggi ruoterebbero intorno a un budget complessivo di quindici milioni di euro nel migliore dei casi, compresa la futura squadra femminile”.

Le voci abbondano al riguardo. Infatti, mentre i marchi Carrefour o Cdiscount sono stati momentaneamente menzionati, il gruppo industriale energetico Engie e il leader dell’industria francese del lusso, LVMH, attraverso alcune loro controllate, sono stati i marchi citati negli ultimi incontri secondo le informazioni di Francia occidentale. I media olandesi lampo ciclico rievoca, intanto, la pista che porta alla Francia amazzonica, in piena conquista del settore sportivo francese. Tuttavia, nulla è ancora ufficiale, ostacolando la finalizzazione del progetto.

Quindici reclute in attesa di firma

Tuttavia, senza un nuovo partner importante, Jérôme Pineau rimane bandito dal reclutamento. Nonostante abbia già rinnovato i contratti di Pierre Rolland, Luca Mozzato, Julien Morice, Thibault Ferasse, Cyril Lemoine, Maxime Chevalier e persino Cyril Gauthier per garantire la persistenza della sua struttura nella peggiore delle ipotesi, rimangono una quindicina di corridori professionisti e professionisti. la fila. Beneficiari di un accordo verbale da parte del gestore del Nantes, gli emolumenti promessi superano per il momento l’unica capacità di bilancio fornita da B&B Hotels.

Questa situazione, per quanto scomoda quanto precaria, riguarderebbe nomi noti del gruppo professionistico. Tra gli uomini, Mark Cavendish è stato annunciato con quasi certezza dal Team, insieme a Cees Bol (Team DSM), Nick Schultz (BikeExchange) e Ramon Sinkeldam (Groupama-FDJ), tutti di fatto senza contratto per la prossima stagione. Questo treno di allenamento potrebbe incorporare anche l’argentino Maximiliano Richeze, che sarebbe pronto a uscire dal ritiro per dare una mano al velocista dell’Isola di Man.

Mark Cavendish in verde al Tour de France 2021 / ASO – Charly Lopez

Quanto alla sezione femminile, dovrebbe essere guidata da Audrey Cordon-Ragot, in costante scambio da molti mesi con Jérôme Pineau. Vittima di un ictus a settembre, anche la campionessa francese non ha rinnovato il contratto con il team Trek-Segafredo, in cui milita dal 2019. Il gruppoha confidato al riguardo “ il bisogno di [se] intraprendi una nuova avventura » versare « gli ultimi due anni della sua carriera ».

Se la scommessa di una squadra di campioni – veterani è tanto allettante quanto rischiosa, bisogna comunque riuscire a concretizzarla… Jérôme Pineau ha ancora due settimane per farlo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *