Il Sudafrica ei suoi (grossi) problemi da gol, una manna per il XV di Francia?

Se sei un grande fan del rugby dell’emisfero australe, lo sai Damian Willemse è un giocatore eccezionale. Un profilo a Matteo Jalibert, da grande attaccante, con facoltà sicuramente offensive anche superiori a quella del genio dell’UBB. Il problema con lui? È che il giocatore di Stormers si è sempre evoluto principalmente nelle retrovie tra i professionisti. Tranne dallo scorso anno, dove il suo franchise ha scelto (brillantemente) di installarlo in 12 per sfruttare le sue qualità di animatore un passo avanti e avere un profilo di 5/8 nella sua linea offensiva. Una posizione in cui ha vinto l’URC la scorsa stagione…

VIDEO.  Sud Africa - A 17 anni Damian Willemse si sta già rompendo i reni a palateVIDEO. Sud Africa – A 17 anni Damian Willemse si sta già rompendo i reni a palate

E ? Ben date le sue capacità e la sua formazione come mediano d’apertura giovanile, Willemse è stato rimpatriato in 10 con Springbok in seguito agli infortuni di Handré Pollard e François Steyn, l’età pensionabile di Morne Steyn e i problemi extrasportivi diElton Jantjies. Soprattutto il gol è stato affidato a lui in selezione, lui che ha comunque abbandonato questa funzione per 3 stagioni nel club. Chiaramente, nell’animazione come nell’uso del suo gioco di calci, il crack di Cape Town ha pescato e manca di pragmatismo sin dalla sua nomina all’inaugurazione. E se le sue false arie di Quad Cooper sono molto reali – lui che oggi è uno dei migliori sostegni del pianeta – la somiglianza con il prodigio australiano durante la sua giovinezza non si ferma qui. Contro i poli, Willemse ha anche statistiche estremamente basse per il massimo livello, con solo il 55% di successo in questa stagione. Molto indietro ragazzi come Pollard (85%) o Chris Smith (90%)…

Di fronte alIrlandaquesta debolezza era così evidente che Cheslin Kolbe dovuto subentrare nell’esercizio del gol, che però non è francamente la sua prima qualità, sarete d’accordo. Un problema di marcatore che ha costretto in più occasioni anche i Boks a non prendere punti chiamati “entro raggio” e ad entrare in contatto per cercare la forza dei loro attaccanti sabato scorso. Fino a quando i calci di rigore di Willemse e altri giochi di gambe falliti a volte hanno spinto Verde e Oro a giocare semplicemente i rigori rapidamente a mano. Una strategia regolarmente efficace ma usata così raramente a questo livello, soprattutto dai South Afs, che in realtà derivava da qualcosa di più profondo, a Dublino.

A Marsiglia i compagni di Kolisi vivranno le stesse difficoltà contro i Blues? Niente è meno certo ma lo ripetiamo, il piede di Willemse non ha – in generale – mai avuto nulla di così lontano da quello di Melvin Jaminet, Per esempio. Un dato davvero importante quando sai quali shock internazionali si verificano così spesso. Inoltre, al Vélodrome, i marcatori tornano ad avere un ruolo preponderante nel risultato finale, che non si può inventare. È la manna quindi incombente per il XV di Francia ? lato blu, Tommaso Ramos rimane comunque su un netto 7/9 contro i Wallabies mentre punta a oltre l’80% di successo con Tolosa dall’inizio della stagione. A meno che la soluzione non sia in panchina per i Boks, che dovrebbero offrire al cannoniere la sua prima presenza Manie Libbok (86% di successo in 27 calci in questa stagione). Che, a 25 anni, non era mai stato convocato per via del suo fisico considerato troppo fragile (1m79 per 80kg)…

15 DALLA FRANCIA.  Appassionato di rilanci, Ramos sarà brillante sotto le candele sudafricane?15 DALLA FRANCIA. Appassionato di rilanci, Ramos sarà brillante sotto le candele sudafricane?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *