Il video di una giocatrice di 14 anni picchiata dal padre e dall’allenatore sconvolge il mondo del tennis

Secondo un video pubblicato sui social media, una tennista cinese di 14 anni è stata picchiata dal padre a Belgrado. Ciò che provoca la rabbia del mondo del pallone giallo.

Le immagini hanno fatto il giro dell’Europa in poche ore. In un video pubblicato dall’attore croato Igor Juric, una giovane tennista viene violentemente picchiata dal suo allenatore, che sembra essere suo padre. Quest’ultimo sferra un primo calcio all’anca, prima di schiaffeggiarla due volte in faccia.

Una volta seduta, la 14enne abbassa la testa ma il padre la solleva, tirandola per la giacca, per costringerla a rientrare in campo. Tornata a terra, la giovane riceve tre nuovi calci.

Il padre arrestato dalla polizia

Nel suo tweet, il comico spiega che i due protagonisti sono di origine cinese e che l’incidente è avvenuto su un campo da tennis a Belgrado. Disse quest’ultimo ai media serbi che l’adolescente, considerata una grande speranza della disciplina, ha rifiutato di allenarsi e non ha fatto abbastanza sforzi agli occhi di suo padre. Secondo le prime informazioni diffuse da la stampa localeil padre del giocatore, di nome VL e classe 1972, è stato arrestato per violenza domestica dalla polizia, che ha confermato che un’indagine era ancora in corso.

La polizia ha prontamente adottato tutte le misure per identificare il sospetto. Posto in custodia di polizia e trattenuto per 48 ore, sarà portato in procura per affrontare la denuncia penale per violenza domestica. A sua difesa, il padre di famiglia non avrebbe avuto intenzione di fargli del male e ritiene di aver agito correttamente perché tale trattamento sarebbe autorizzato in Cina, secondo dichiarazione del pubblico ministero.

Da parte sua, l’associazione di tennis di Belgrado ha condannato fermamente l’aggressione del giocatore. “Abbiamo scoperto che si trattava di violenza domestica, considerando che l’aggressore è il padre di un giovane tennista. Stiamo collaborando con la Procura competente per chiudere questo caso il prima possibile”, spiega l’organizzazione, in dichiarazioni trascritte da la stampa serba. Abbiamo anche organizzato diversi workshop con i genitori di giovani tennisti per agire in modo preventivo ed evitare che una situazione del genere si ripeta”.

Il mondo del tennis sotto shock

Di fronte alla durezza delle immagini, diversi personaggi del tennis hanno alzato la voce sui social network. Paula Badosa, dodicesima giocatrice, ha chiesto chi fosse la ragazza aggredita. Stan Wawrinka ha anche espresso il suo disgusto per le immagini.

Pam Shriver, ex numero uno mondiale nel doppio, denuncia gli ‘abusi’: “Non c’è posto per abusi o intimidazioni nel tennis o in qualsiasi sport. Servono piu’ attori che osservatori.

Patrick Mouratoglou, ex allenatore di Serena Williams e Simona Halep, evoca una situazione “orribile e inaccettabile”. “Nessun’altra parola. Dobbiamo sradicare tutte le forme di abuso sui minori, siano esse fisiche o psicologiche. Colpisce tutti i settori della nostra società civile. Non solo il tennis. Pensiamo a come sradicarlo nel nostro sport”, ha scritto.

Da parte sua, Daria Saville, 55a giocatrice al mondo, chiede aiuto. “Questa ragazza sarà distrutta per sempre. Se pensi che qualcuno sia stato maltrattato fisicamente o mentalmente, sostienilo e incoraggialo a parlare con qualcuno che può aiutarlo. Offrigli di aiutarlo a trovare un’agenzia locale per la violenza domestica o offrigli di andare alla polizia».

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *