• Home
  • ITW/Le Mag – Anthony Ravard: “Barbier e Morin? Sta a loro essere onesti”

ITW/Le Mag – Anthony Ravard: “Barbier e Morin? Sta a loro essere onesti”

0 comments

Giovedì scorso, a Nantes, presso la sede del CIC Ouest, il CIC U Nantes Atlantico ha lanciato ufficialmente la sua stagione 2023! In presenza della sua madrina, Audrey Cordon-Ragot – passando per la Loire-Atlantique prima di partire per disputare le sue prime gare con la sua nuova squadra, la Squadra ciclistica Zaaf – il Club della Loira, creato nel 1909 e attualmente presieduto da Stefano Andreha presentato così la sua forza lavoro, ovvero quella della squadra professionistica, composta da 14 corridori a seguito del tardivo reclutamento di Pierre Barbier, ma anche quelli della squadra Juniores e del centro di formazione. Presente questa sera, Notizie sul ciclismo ha avuto modo di incontrare il direttore generale della CIC U Nantes Atlanticol’ex corridore professionista Antonio Ravard. Membro delUniversità Atlantica di Nantes Dalla metà degli anni 2010, il nativo di Nantes con una ventina di vittorie professionistiche ha confidato le sue ambizioni per l’anno finanziario 2023, che sarà il secondo della sua squadra a livello continentale.

Video – Anthony Ravard, manager del team CIC U Nantes Atlantique

“Avere 14 corridori in rosa ci permetterà di mettere la competizione nel gruppo”

“L’obiettivo è continuare a crescere, ma stiamo già andando a consolidare quanto fatto lo scorso anno. Dopo vogliamo ottenere la nostra prima vittoria con i professionisti, e vista la squadra che abbiamo costituito con lo staff tecnico, dovremmo normalmente poter alzare le braccia. Avere 14 corridori in squadra ci permetterà di dare un attimo di respiro ai ragazzi quando ne hanno bisogno, di centrare bene gli obiettivi, ma anche di mettere la competizione nel gruppo, cosa importante nello sport di alto livello.Con scalatori, pugili, velocisti, giovani e le cinque diverse nazionalità (Francia, Danimarca, Stati Uniti, Canada e Polonia, ndr), forma un bellissimo gruppo di cui siamo orgogliosi. Non vediamo l’ora che inizi e faremo il punto a fine anno, ma penso che sarà positivo”.

Pierre Barbier ha firmato il suo contratto… poche ore prima della serata di presentazione!

“Lavorare molto sentendosi”, Antonio Ravard si avvicina a quest’anno 2023 con molto ottimismo, lo stage prestagionale svolto di recente gli è piaciuto molto. “Facciamo una o due gare ogni volta tra i corridori su questo percorso e abbiamo visto un gruppo omogeneo in termini di forma. Ho visto molte cose buone e penso che ci siano corridori che si riveleranno in questa stagione”. Il 39enne di Nantes ha anche parlato al nostro microfono dell’arrivo di Pierre Barbiere il minimo che possiamo dire è che il reclutamento del velocista di Beauvais non è stato facile.

“È stato lui a contattarmi per primo dopo la chiusura di B&B Hotels-KTM, ma non avevamo il budget per realizzarlo. Quindi entrambi abbiamo iniziato a cercare partner affinché potesse accadere. E per la cronaca, non abbiamo “Non dire bugie perché a un certo punto mi sono chiesto se lo avremmo presentato stasera. Abbiamo firmato con l’ultimo partner oggi (giovedì), quindi ha firmato il suo contratto oggi. La storia è bellissima”.

“Barbier e Morin? Penso che si completeranno a vicenda. Tocca a loro essere furbi…”

Insieme a Pierre Barbierma anche Emanuele Morinil CIC U Nantes Atlantico potrà quindi contare su due uomini velocissimi il prossimo anno. Alla domanda sulla convivenza tra i due velocisti, l’ex velocista del B&B Hotel-KTM chi può camminare sulle aiuole dell’ex corridore del Tu crediarrivato l’anno scorso nella squadra del Nantes, Antonio Ravard non ha mostrato alcuna preoccupazione al riguardo. “Non sono la stessa cosa. Manu (Morin), lo considero più un pugile-velocista, mentre Pierre è più un velocista puro. Manu sarà in grado di passare in posti dove Pierre non sarà in grado di passare, quindi io pensano che saranno complementari. Sta a loro essere intelligenti e fare in modo che quando non è uno, l’altro giochi a loro favore, e viceversa. Noi saremo lì per gestire gli ego e mettere in atto le tattiche, ma spetterà a loro essere onesti per far vincere la maglia del CIC U Nantes Atlantique”conclude il detentore del record per la vittoria sul Chateauroux Classico di Indre (3 vittorie nel 2008, 2010 e 2011).

Il CIC U Nantes Atlantique nel 2023 è…

– 14 corridori nel team professionistico (Antonio Ravard dirigente e Axel Clot Courant direttore sportivo)

Pierre Barbier (FRA, 25)

Lucas Bourgoyne (USA, 21 anni)

Enzo Briand (FRA, 18 anni)

Léo Danès (FRA, 26 anni)

Maël Guégan (FRA, 25 anni)

Hubert Grygowski (POL, 19 anni)

Noa Isidoro (FRA, 18 anni)

Jordan Jegat (FRA, 23 anni)

Yaël Joalland (FRA, 22 anni)

Nolann Mahoudo (FRA, 20 anni)

Emmanuel Morin (FRA, 27)

Robin Plamondon (Canada, 23 anni)

Rasmus Sojberg Pedersen (DAN, 20 anni)

– 9 corridori nella squadra U19 (Valentin Bricaud et Scott Chauvin come compagni)

Gaspard André (19 anni)

Kylian Breton (16 anni)

Esteban Foucher (17 anni)

Gabriel Boy (17 anni)

Oscar Genevier (16 anni)

Similien Hamon (16 anni)

Victor Herbreteau (16 anni)

Aaron Nougue Top (17 anni)

Dorian Piquet (16 anni)

– 3 corridori all’interno del centro di allenamento (Valentin Bricaud et Scott Chauvin come compagni)

Kyrio Baleine (15 anni)

Gaspard Presse (15 anni)

Figlio Ruesche (15 anni)

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}