Jeong weon Ko si unisce a Robin Sciot-Siegrist e Clément Sordet nel DP World Tour, Adrien Saddier fallisce di poco

Alle spalle del vincitore della finale e del Road to Mallorca, l’inglese Nathan Kimsey, Jeong weon Ko ha ottenuto un ottimo 4° posto assicurandosi la tessera nel DP World Tour della prossima stagione. Adrien Saddier dovrà passare attraverso i PQ3.

Nathan CARDET, a Maiorca

Jeong Weon Ko era sotto pressione questa settimana. Ventesimo assoluto prima del gran finale, ha dovuto fare una buona prestazione per mantenere il suo posto tra i primi 20 giocatori della stagione. Il vincitore del Gounouilhou 2019 insieme a Occupato (77) avrà finalmente fatto molto di più del servizio minimo in corso diAlCanada a Maiorca registrando un ottimo quarto posto.

Trova la classifica completa della finale

Gli Habs hanno firmato la loro migliore carta della settimana questa domenica, un 68 (-4) con cinque birdie, di cui tre di fila tra 12 e 14. Ha concluso due colpi dietro il vincitore, Nathan Nessuno che grazie a questo successo ha intascato anche la classifica generale della stagione.

Jeong Weon Ko finalmente si classifica al 15° posto di questo Strada per Maiorca dietro Robin Sciot-Siegrist, 11, e Clemente Sordetto, 13. Rispettivamente 42° e 29° in finale, non sono riusciti a migliorare in questo ultimo torneo della stagione. Se i tre uomini si evolveranno bene sul Tour mondiale della DP il prossimo anno, la loro posizione finale non dovrebbe consentire loro di competere in alcuni eventi importanti del Tour, come le prime due Rolex Series in programma per gennaio negli Emirati.

Adrien Saddier sbaglia il bersaglio

Doveva finire nei primi due posti per raggiungere i suoi connazionali sul circuito europeo l’anno prossimo. Ha iniziato due colpi di testa in questo ultimo giro, Adriano Saddier si è messo in condizione di realizzare l’impresa con un’aquila dall’1, impreziosita da un uccellino sul 6. Ma la macchina si è un po’ inceppata. L’Alto Savoiardo ha poi avuto più difficoltà a toccare i green e ha concesso due spauracchi alle buche 7 e 14. Alla fine ha concluso al 6° posto e dovrà passare attraverso il PQ3 (11-16 novembre in Spagna) per sperare di trovare il primo europeo divisione.

Il PQ3, conosco la canzone, ci sono già riuscito due volte. Quindi non è quello che mi spaventa di più.

Adriano Saddier

« Quando siamo vicini all’obiettivo, quando lo ingrandiamo, inevitabilmente, siamo delusi, soffia Adrien Saddier in zona mista. Ho dato a me stesso la mia possibilità, ero vicino a coglierla… Non ho perso molto, era il golf. E ‘stata una buona giornata. Ho iniziato bene, ma ho perso molti verdi al ritorno. Inevitabilmente, stiamo calcando l’acqua in classifica ed è quello che mi è sfuggito. Non mi sono dato abbastanza possibilità. Il livello di gioco è buono, ho fatto i primi 10 solo per un mese, quindi è qualcosa di cui tener conto. Il PQ3, conosco la canzone, ci sono già riuscito due volte. Quindi non è quello che mi spaventa di più. »

Ugo Coussaud et Felice Mory (26° a +2), David Ravetto (29° a +3) e Pierre Pineau (45° a… +24) sarà anche l’ultima tappa delle carte europee a Tarragona.

Un uccellino salva

La salita del DP World Tour si gioca – a volte – fino all’ultima buca. inglese John Parry può testimoniarlo. Grazie a un magnifico birdie a 18 anni, l’ex membro dell’European Tour sale sul podio (2° con il sudafricano Bryce Easton) e si unisce così al gong nella top 20 assoluta (17°).

La classifica

La classifica degli altri francesi

©Nathan Cardet Golf/Pianeta

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *