• Home
  • Jorge Martin sulla strada per la Yamaha?

Jorge Martin sulla strada per la Yamaha?

0 comments

Certo non volevo, anche se non sono per niente appassionato di calcio, perdere l’occasione di citare il Mondiale in queste colonne perché tra le stelle della MotoGP sembra che abbiamo guardato il finale con gli occhi di Chimène. Beh, ammetto che non avevo mai visto giocare Messi e che la combattività da un lato, i gioielli che usa quando ha la palla hanno fatto sì che non me ne pentissi (ho guardato solo i tempi supplementari). Marquez ha mandato un messaggio ditirambico a Lionel Messi, non bisogna dimenticare che prima di cedere alle sirene d’argento (parlo del colore, non della pasta, un elemento così volgare…) del PSG e quindi del Qatar, ha giocato 21 anni al Barcellona e per i catalani è quasi di famiglia. Segno: ” Stavi inseguendo questo mondo da sogno e l’hai ottenuto! Sono ai tuoi piedi Messi! Ti meriti il ​​tuo status di idolo. E congratulazioni agli argentini Aggiungiamo ovviamente la solidarietà della cultura iberica, ma Messi si accende ovunque, anche Rossi si è congratulato con lui. Va detto che in Argentina Rossi è un eroe, ha indossato anche la maglia di Maradona dopo la vittoria in MotoGP nel 2015. Da parte sua, Repsol ha realizzato un fotomontaggio alla gloria del calciatore (Foto sopra). Il pilota di F1 Alonso, che è nato nelle Asturie, Aleix Espargaro che è anche catalano aggiungono uno strato, insomma una sorta di unanimità tranne immagino tra i piloti francesi… E ancora, la nazionalità non c’entra, abbiamo visto momenti difficili, questo è tutto ciò che ricordo. Infine, mi sono pentito del gran numero di sanzioni. Mi piacciono i grandi momenti e un rigore non è certo uno…

Campinoti sostiene Jorge Martin in modo sorprendente… Campinoto non è niente, è il titolare del team Pramac… Dice in un’intervista che è felice che la fabbrica Ducati abbia preso Bastianini (parli, questa mania che abbiamo di prendere i giornalisti per marmi, anche lì fioriscono le abitudini detestabili dei social network!). Aggiunge che spera molto di vedere una squadra satellite, la sua ovviamente, abbattere la luna ed è allora che dice che spera di vedere Martin in cima. Ma comunque, questo signore è scortese, non va bene dire che hai un favorito nella squadra, se è vero, il che è logico, non lo fai quando sei un vero capo. Cosa le ha fatto Zarco? È un crimine avere 32 anni? Quindi sì, nel 2022 Martin è cinque pole, quattro podi e cinque zeri. Ma in generale sta dietro a Zarco, o ad un titolo uomosi gioca sui punti non su nient’altro. Detto questo, sviluppo di seguito il fatto che Martin e Yamaha siano in trattativa, forse è un segno per accontentarlo sperando che rimanga ma è soprattutto qualcosa che metterà un’atmosfera schifosa in cabina!
Bagnaia pensa che Quartararo sia mentalmente più forte di lui... Finalmente lo dice, scrivo spesso che l’importante non è quello che si dice ma quello che non si dice, è il lato brillante della mia professione dove si è in questa esigenza di decodifica… Lo sapevamo da ieri che Marquez è riuscito a mettere in testa un serio montante, a cui ha risposto, errore enorme. Poi Bagnaia evoca Quartararo. “È incredibile. Penso che fosse abbastanza chiaro che la Ducati fosse più veloce, più capace. Devo ammettere che ho commesso degli errori ma abbiamo continuato a lottare per il campionato e chiaramente la sua moto è davanti alla nostra. Penso che mentalmente avrebbe potuto facilmente perdere la speranza per il titolo, ma ha continuato a giocarselo. Mentalmente è molto forte.“Divertente perché Marquez ha toccato Bagnaia, come Cyrano de Bergerac alla fine dell’espulsione, parlando solo della moto e mai del pilota. Sconvolto Bagnaia. Eppure usa ancora la migliore argomentazione sulla bici, con l’implicazione che è la migliore quando ci è lui, dire che Quartararo è più grande di lui quando appunto, sappiamo che Fabio ha perso contro se stesso… Insomma, questa affermazione di Bagnaia è nel vuoto assoluto, è comunque un allievo di Rossi che non gli ha insegnato la guerra dei nervi poi… Continua: Ora spengo il telefono e non torno fino al prossimo anno. Vedrò la mia famiglia solo a Natale”. Si capisce che tutti gli eventi mondani di fine anno lo hanno sfinito, ma anche lì non si dice, soprattutto se è vero… E un minuto dopo dice il contrario. “Jnon vedo l’ora di tornare in moto, è questo che mi rende più libero, anche se ho bisogno di prendermi una piccola pausa Lo rivedremo a Madonna di Campiglio per la presentazione ufficiale della squadra dal 22 al 24 gennaio. Il che gli concede un mese di tregua ma nemmeno quello, un’altra cosa lo sta torturando. 63? Una botta per addormentarsi male che… “Il numero 1 mi affascina ma anche il mio 63, quindi la scelta sarà abbastanza complicata. Ci penserò, ora non voglio pensare al prossimo anno “. Dai Pecco, diamoci una mano, o bisogna disprezzarsi un po’ per crescere? urgente che cambi addetto stampa… Il comunicato manca di lucidità…

Il Mugello lancia “il risveglio della passione »… Debacle totale nel 2022 per questo circuito leggendario in Italia, quindi stiamo studiando un prezzo del biglietto molto basso, ad esempio un posto la domenica costa solo 55 euro. La sfida è colossale, quest’anno senza Rossi, il circuito ha ricevuto 43.600 spettatori la domenica, rispetto al periodo con Rossi, quasi il doppio degli spettatori. Di conseguenza si parla addirittura di togliere il Mugello dal calendario Dorna… Con i biglietti economici abbiamo finalmente capito che uno spettatore che vede che in pista non succede nulla dopo le ultime sessioni di venerdì e sabato è deluso, solo e non vuole tornare. Quindi al Mugello promettiamo un “ Festa dei motori a Woodstock » con molte animazioni e, naturalmente, concerti (dubito che il poster sia prestigioso come quello di Woodstock ma ehi, è un nome attraente!). Nel 1969 il vero Woodstock, che per inciso non ebbe luogo a Woodstock, attirò più di mezzo milione di spettatori in tre giorni... Sicuramente fa sognare un organizzatore in preda al panico e magari spettatori in cerca di una festa mostruosa… Le prevendite iniziano oggi, è a giugno (dalle 9 alle 11) ma il viaggio è superlativo, siamo vicino a Firenze, 50 km da Pisa, a 100 km da una grandissima beniamina, la città di San Gimignano detta “dai mille giri”, l’imperdibile per gli appassionati di viaggi… Ma ancora una volta giugno in Toscana, è nanan…

Crutchlow l’anno scorso alla Yamaha ? È un rumore che si sente sempre di più, che il principale interessato non smentisce peraltro, ma si rifiuta categoricamente di dire ciò che invece ha programmato. Ha passato il 2022 in Europa e in Giappone, con gli stessi soliti problemi culturali, è vero e non voglio offendere nessuno che per un europeo abituarsi alle usanze del Giappone non è facile. Sono accoglienti ma è difficile penetrare nel loro universo. Basti pensare al Sumo dove grandi atleti sono protagonisti assoluti e il Il gioco consiste nel far uscire l’avversario dal Dohyō che è un cerchio. E cosa c’è sulla bandiera giapponese? Un cerchio… Beh, tutti hanno capito, detto questo, adoro il sumo…

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}