• Home
  • La Chorale de Roanne continua le sue montagne russe a Bourg

La Chorale de Roanne continua le sue montagne russe a Bourg

0 comments

Alzi la mano chi può capire il Coro. Settimana dopo settimana, Roanne continua a mostrare le sue asperità e irregolarità, per essere dove meno te lo aspetti. “L’allenatore sta impazzendo per questo”, sorride Yannis Morin. E c’è una ragione: Jean-Denys Choulet ha la squadra più illeggibile di Betclic ÉLITE. Perché questi sono gli stessi giocatori che sono in grado di surclassare i leader di Betclic ÉLITE in Vacheresse (98-72 contro Cholet e 102-77 contro i Metropolitans 92), come affondare contro un giocatore retrocesso (75-94 contro Élan Béarnais), prima vincendo ai tempi supplementari contro un braccio grosso in campionato (102-100 a Bourg-en-Bresse) solo quattro giorni dopo. Insondabile, indecifrabile, semplicemente sconcertante… “Siamo capaci del meglio contro i migliori e del peggio contro le peggiori squadre”impegnato l’ex Strasburgo. “Penso che sia mentale: abbiamo il talento, ma non sempre la motivazione. »

Il successo della difesa su tutti i terreni

Dal momento che la Corale è comunque molto migliorata dalla fine di novembre, e la vittoria scatta nella Coppa di Francia a Gravelines, possiamo usare la scusa delle due settimane di pausa, addotta da Jean-Denys Choulet, per giustificare il naufragio di fronte all’Élan Béarnais. “È ancora più straziante vederlo dopo la partita di Pau, dopo queste due settimane di tagli che non sono stati colpa nostra. Quando sei a ritmo, non è la stessa cosa. I ragazzi possono fare cose stupide, ma non possiamo dire che ci manchi il cuore o l’energia. » Ma prima di vedere i Roannais dispiegare la loro pallacanestro, è stato necessario attendere ancora un quarto d’ora questa sera a Bourg (31-17, 14′), lasso di tempo utilizzato da Amida Brimah (14 punti, 8 rimbalzi e 7 contro) per dimostrare, per la prima volta dal suo arrivo a inizio novembre, di poter essere il perno deterrente tanto sperato dal Gioco. I compagni di Maxime Roos, particolarmente acuti per il suo ritorno a Ékinox (17 punti al 6/9 e 4 rimbalzi), sono stati ben aiutati anche da un Bressane che perdeva troppo facilmente il controllo al rientro dagli spogliatoi, incapace di attaccare il tutto -difesa del terreno, con doppie catture permanenti, uscita dal cappello della Corale, che incatena le cagate sui suoi primi possessi (46-47, 23′). “Non riesco a spiegare cosa sia successo. passato: tutte queste perdite di proiettili erano quasi ridicole« sospirò Frédéric Fauthoux. “Siamo stati presi dal panico al loro zona-press »ha aggiunto Hugo Benitez.

Con 26 punti, Ronald March è l’MVP della serata (foto: Jacques Cormarèche)

Ma questa prima vittoria di Chorale a Ékinox (la prima a Bourg dopo il famoso 0-28 del 2006) non è dovuta solo a un colpo difensivo e alle debolezze burgiane. Lo deve anche alla lotta condotta dai suoi interni Yannis Morin (15 punti a 7/15, 7 rimbalzi e 3 rubate) e JaKeenan Gant (17 rating), che hanno dimostrato a JL Bourg di aver fatto bene a prendere in considerazione il suo caso. Lo deve anche al talento di un uomo, Ronald March, All-Star trasparente contro il Pau venerdì e che ha concluso la partita sotto forma di un’opera d’arte (20 punti a 9/13 dal secondo tempo- tempo, 26 unità in totale). Lo deve soprattutto al suo carattere, alla sua voglia di rimediare allo sproposito di Pau e a questa famosa mentalità… Tiro da tre punti sulla sirena dove i Roannes tentano, invano, di fare fallo, potevano tranquillamente crollare. Ma no, sono rimasti concentrati e hanno dominato i cinque minuti bonus… “Ho già vissuto molte situazioni come questa”ha spiegato Yannis Morin. “Palmer fa un colpo grosso, complimenti a lui, ma andiamo agli straordinari e dimentichiamo tutto il resto. »

Tuttavia, il Corale resterà illeggibile fino alla fine… Mentre la vittoria li raggiungeva ancora con un +6 a 67 secondi dalla fine (95-101), i Roannais, a causa di un insospettabile 0/2 del magnifico tiratore Kyle Foster sulla linea di tiro libero, ha lasciato un nuovo match point a Bourg-en-Bresse (100-101), sfruttato sconsideratamente da Jordan Floyd con un tiro dalla distanza folle in transizione mentre gli mancava il tempo. Ma per questo Coro non sarebbe certo divertente senza un certo spavento…

A Bourg-en-Bresse,

par

27 dicembre 2022 alle 10:40

Alzi la mano chi può capire il Coro. Settimana dopo settimana, Roanne continua a mostrare le sue asperità e irregolarità, per essere dove meno te lo aspetti. “L’allenatore impazzisce per questo”, sorride Yannis Morin. E c’è una ragione: Jean-Denys Choulet ha la squadra più illeggibile di Betclic ÉLITE. Perchè loro sono…

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}