• Home
  • La Croazia, terza, assapora; Il Marocco lascia il Qatar a testa alta

La Croazia, terza, assapora; Il Marocco lascia il Qatar a testa alta

0 comments

I giocatori della Croazia sono saliti sul podio per ricevere la loro medaglia di bronzo dopo la vittoria per 2-1 sul Marocco nella piccola finale della Coppa del Mondo sabato 17 dicembre 2022, al Khalifa International Stadium, a Doha.

L’allenatore del Marocco, Walid Regragui, rimarrà una grande figura della Coppa del Mondo 2022. Perché è diventato il primo allenatore a portare in semifinale una squadra del continente africano, ma anche perché le conferenze stampa del franco-marocchino non hanno avuto il gusto igienizzato che si trova nel collega Didier Deschamps e in tanti altri.

“Per me siamo al posto dell’idiota quando siamo terzi o quarti”, ha confidato Regragui ai giornalisti alla vigilia della piccola finale dei Mondiali. ” Quello che ricordo, Lui continuòè che non siamo in finale di Coppa del Mondo”quella vera, quella che opporrà Argentina e Francia, domenica 18 dicembre, allo stadio Lusail.

Battuti rispettivamente dagli argentini (3-0) e dai francesi (2-0) nelle semifinali del torneo, i croati e i marocchini si sono quindi ritrovati a giocare una “consolatrice” che ha chiuso il cerchio della loro avventura qatariota, visto che le due squadre si erano affrontate quando sono entrate nella competizione, nel primo turno, il 23 novembre (pareggio 0-0).

Due squadre indebolite dagli infortuni

Dopo un incontro tra due squadre sminuito dagli infortuni, e visibilmente messo alla prova dal loro andamento, la Croazia vince 2-1 questo gioco per il terzo postoSabato 17 dicembre, al Khalifa International Stadium, a Doha (Qatar).

Un risultato quasi aneddotico per gli Atlas Lions alla fine del loro storico viaggio. Fallers dalla Spagna, agli ottavi, poi dal Portogallo, ai quarti, dopo aver battuto il Belgio nella fase a gironi, Achraf Hakimi, Hakim Ziyech e compagni hanno fatto soffrire anche i francesi, campioni del mondo in carica, in semifinale .

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati Mondiali 2022: la partita per il terzo posto, una finale non sempre così “piccola”

Al termine della partita per il terzo posto, Walid Regragui ha ricordato questa volta che la sua squadra si era sistemata al tavolone: ​​“ Siamo nelle quattro migliori squadre del mondo.ha testimoniato a fine gara al microfono di TF1, congratulandosi con gli avversari croati, che “ meritano il loro terzo posto.

Due gol dall’inizio

Questa piccola finale inizia forte. Il croato Josko Gvardiol avanza mascherato… ma non in senso figurato. Su punizione calciata dalla gamba sinistra di Lovro Majer, club del Rennes, e deviata di testa da Ivan Perisic, il difensore croato riconoscibile dalla maschera nera piazza un magnifico colpo di testa in tuffo, troppo potente per il portiere marocchino , Yassine Bounou (1-0, 7e).

Ma il Marocco pareggia in falcata su una nuova punizione, colpita da Hakim Ziyech e deviata da Lovro Majer, stavolta sfortunato. Achraf Dari eredita palla e di testa travolge Dominik Livakovic (1-1, 9e).

I croati tornano all’attacco, ma Andrej Kramaric e Luka Modric inciampano a turno su Bounou. Se la fine del primo periodo è un momento clou per gli uomini di Walid Regragui, un errore difensivo sarà loro fatale poco prima dell’intervallo.

Il centrocampista Bilal El Khannouss si fa rubare palla davanti all’area, Marko Livaja ne approfitta per spostare alla sua sinistra Mislav Orsic e l’esterno della Dinamo Zagabria fa rotolare un pallone delizioso che finisce in rete sul lato opposto (2-1, 42e).

Ogni giorno nuovi cruciverba, Sudoku e parole trovate.

Giocatore

La frustrazione dei marocchini contro le decisioni dell’arbitro si fa sentire. Fatica anche per entrambe le squadre. Privato al calcio d’inizio della sua destra Josip Juranovic e del centrocampista Marcelo Brozovic, l’allenatore del Vatreni Zlatko Dalic deve fare i conti con l’infortunio del suo attaccante Andrej Kramaric allo scoccare dell’ora.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati Mondiali 2022: sta svanendo il sogno del Marocco, non la sua epopea luminosa

Il Marocco non fa eccezione in questo senso. Mentre la sua difesa era già decimata dai pacchi del capitano Romain Saïss, Nayef Aguerd e Noussair Mazraoui, anche Jawad El-Yamiq – colpito alla coscia – è entrato in infermeria nel secondo tempo. Gli Atlas Lions chiuderanno l’incontro con un cardine centrale della fortuna composto da Sofyan Amrabat e Badr Benoun.

“Ci sarebbe piaciuto accontentare il nostro pubblico fino alla fine, ma, onestamente, i ragazzi hanno dato il massimo, fino all’ultimo minuto”crede Walid Regragui, in riferimento a questa ultima occasione mancata, un colpo di testa di Youssef En-Nesyri, nel 6°e minuto di recupero. Un quarto d’ora prima, l’attaccante marocchino aveva perso anche il faccia a faccia con Dominik Livakovic.

Croazia ancora sul podio

Come il suo omologo marocchino, il portiere croato ha lasciato il segno in questo torneo, diventando l’eroe dei rigori vinti dai Vatreni contro il Brasile nei quarti di finale, grande impresa del Mondiale. .

Per la terza volta nella storia post-jugoslava, la Croazia è quindi salita sul podio di un Mondiale. Nel 2018 i Vatreni si sono piazzati al secondo posto dopo la sconfitta per 4-2 in finale contro i Blues. Nel 1998 erano già arrivati ​​terzi ai Mondiali battendo l’Olanda. Il punteggio ? 2-1, come in questa edizione 2022.

Leggi anche: La finale dei Mondiali vista da due generazioni di tifosi: “Mio figlio è tranquillo, io sono stressato! »

“La generazione del 1998 aveva vinto la prima medaglia per la nazionale. È stato un grande traguardo, un momento importante, perché il mondo stava conoscendo la Croazia”.ha ricordato Zlatko Dalic prima della partita. “È una medaglia di bronzo ma, per noi, sembra una medaglia d’oro”ha assaporato dopo la vittoria.

Da parte sua, il fantasista Luka Modric, 37 anni, ha annunciato che avrebbe continuato la sua carriera internazionale almeno fino alla fase finale della Società delle Nazioni nel giugno 2023. “E poi vedremo cosa fare. Voglio restare per la Società delle Nazioni”il vincitore del Pallone d’Oro 2018 ha detto alla televisione croata HRT.

Di piccole dimensioni (l’equivalente della regione francese Grand Est) e di abitanti (meno di 4 milioni, secondo l’ultimo censimento, nel 2021), il Paese balcanico ha dimostrato di essere saldamente ancorato al cartellino del calcio.

La nostra selezione di articoli sui Mondiali 2022

Trovare tutti i nostri contenuti sui Mondiali 2022 in Qatardal 20 novembre al 18 dicembre.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}