• Home
  • la Fondazione Abbé Pierre dice di più sull’impegno caritatevole di Mbappé

la Fondazione Abbé Pierre dice di più sull’impegno caritatevole di Mbappé

0 comments

Christophe Robert, delegato generale della Fondazione Abbé Pierre, giovedì ha elogiato l’impegno di Kylian Mbappé a favore dei poveri. L’attaccante del PSG e della Francia è un supporto leale e abbastanza discreto.

Non è solo sui campi da calcio Kylian Mbappe incatena i bei gesti. Molto impegnato nell’extrasportivo, l’attaccante del Psg e della nazionale francese si impegna anche a favore dei più indigenti attraverso l’aiuto economico della Fondazione Abbé Pierre. Christophe Robert ha affrontato questo giovedì il tema di questo sostegno molto discreto nonostante la sua reputazione mondiale.

“Come è diventato un donatore? Di sua iniziativa! Durante la crisi del Covid, dalla primavera del 2020, sono sorte esigenze colossali, di cui tutti sono venuti a conoscenza, ha stimato il delegato generale della Fondazione Abbé Pierre a da Journal Il parigino. Tutto il paese era fermo, molte persone si sono avvicinate e ci hanno chiesto cosa fare, cosa regalare, quali giochi organizzare, ecc. […] Penso che Kylian fosse uno di quelli. Conosce bene Jamel Debbouze e Mélissa Theuriau, sua moglie, con cui lavoriamo da tempo su vari progetti. Kylian ha voluto sostenere la Fondazione con una donazione abbastanza consistente, e lo ha fatto due volte durante il periodo Covid, poi ancora dopo.

>> Tutte le informazioni post-Mondiali 2022

“C’è una sincerità nei suoi impegni”

Coinvolto in varie associazioni, è in particolare sponsor di Premiers de ropée e aiuta i giovani attraverso la sua associazione Inspired by KM. Dopo una partita di Champions League contro il Benfica in ottobre, è andato con gli adolescenti per un evento all’Arena di Nîmes. Secondo Christophe Robert, la stella del PSG aveva cercato di rimanere informata sulle azioni concrete della Fondazione Abbé Pierre dopo la sua donazione durante la crisi del Covid-19.

“Ma ho l’impressione che sia stato un atto piuttosto personale da parte di Kylian, preoccupato per gli altri”, ha spiegato il leader dell’associazione. Era stato molto chiaro, aveva voluto sapere cosa ci facevamo con queste somme, a cosa servivano concretamente. Questo desiderio si è sovrapposto al lavoro intrapreso dalla sua stessa associazione.”

E da precisare sull’attaccante dei Blues: “Non voglio farne tonnellate. Ma negli scambi si sente che avevamo voglia di condividere. C’è una sincerità nei suoi impegni, intersecata dalle azioni che svolge da solo, soprattutto nei quartieri popolari”.

I Blues vogliono aiutare le federazioni dopo il Mondiale 2022

Scontento finalista del Mondiale 2022, Kylian Mbappé riceverà un bel bonus di partecipazione dopo il corso dei Blues. Con una lettera di intenti prima dei Mondiali, i giocatori francesi avevano annunciato l’intenzione di fornire sostegno finanziario alle ONG che lavorano per “la tutela dei diritti umani” attraverso il fondo di dotazione “Generation 2018”.

Il capocannoniere del torneo in Qatar si chiederà probabilmente la possibilità di devolvere parte del suo bonus (stimato in quasi 300.000 euro) alle associazioni. La Fondazione Abbé Pierre non è stata informata di una possibile nuova donazione.

“Non particolarmente finora. Ma puoi sentire il suo impegno anche per il suo dipartimento. Era attivo per un negozio di solidarietà che fa parte dei centri diurni, che fanno parte della nostra rete per i senzatetto. Non si limitava alla stretta finanziaria piano, è stata una questione di connessioni e azioni. È stato un segnale di sostegno a lungo termine e ci ha toccato molto”.

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}