• Home
  • La MotoGP non deve diventare come la F1 dove la macchina conta più del pilota

La MotoGP non deve diventare come la F1 dove la macchina conta più del pilota

0 comments

Marc Márquez avverte: la MotoGP “deve stare attenta” a non diventare come la Formula 1, dove dice che è diventato più difficile per i piloti fare la differenza al di là della macchina che hanno.

Negli ultimi anni, la MotoGP ha assistito a un maggiore sviluppo di aerodinamici e trim, portando a dibattiti sulla sicurezza e se questa tecnologia abbia aggiunto o meno valore allo spettacolo. Dal 2023 lo saranno i dispositivi di tipo “holeshot device”. proibito davantiuna decisione che Ducati giudicata antisportiva una volta approvato dall’associazione dei costruttori.

In un’intervista esclusiva alla rivista Autosport e in cui ha affrontato molti argomenti, Marc Marquez ha espresso il suo punto di vista sull’attuale competitività del campionato. Ha poi svelato di aver espresso in diverse riunioni della Safety Commission le sue preoccupazioni circa il rischio che la disciplina prendesse una direzione che renderebbe i piloti meno capaci di fare la differenza in sella alle loro moto. Il sei volte campione del mondo della MotoGP ha paragonato questa situazione a quella che considera essere ormai la norma in Formula 1.

“Quelli in alto sono sempre i più veloci”, ha risposto il pilota della Honda quando gli è stato chiesto se gli attuali leader della MotoGP fossero davvero al di sopra del gruppo. “È vero che adesso, o negli anni, ho la sensazione che la moto [devient] più importante del pilota. Il pilota è sempre più importante della macchina, questo è quello che voglio credere. Ma dipendiamo sempre di più da quello che abbiamo, perché se non abbiamo una moto [compétitive]Non possiamo fare nulla.”

“Non è come la Formula 1, che è un altro estremo, ma stiamo andando in quella direzione e dobbiamo stare attenti. E ho già detto in alcune riunioni della Safety Commission ‘ragazzi, dobbiamo stare attenti perché nel Infine, dobbiamo fare in modo che i piloti rimangano più importanti delle moto”.

“Questo è un conto, ma con le moto di oggi i più veloci sono quelli che stanno meglio, quest’anno tocca a Bastianini, Pecco [Bagnaia]Quartararo, Aleix [Espargaró]. E vedremo se in futuro potremo combattere con loro”. Ha aggiunto.

Marc Márquez vorrebbe più MotoGP manuali, lasciando più spazio al pilota

Marc Márquez, che quest’anno ha subito una quarta operazione importante al braccio destro dopo l’infortunio del 2020 e ha saltato sei gare, ha spiegato che la MotoGP sta diventando “meno manuale” con gli ultimi sviluppi, che secondo lui ha portato a un forte inasprimento delle gerarchie.

“Il fatto è che adesso è tutto più uguale, perché il limite è la moto”, Ha aggiunto. “È vero che in passato c’era una differenza maggiore tra moto ufficiale e moto satellite. Ora non c’è differenza. I team satellite hanno moto ufficiali, quindi hanno gli strumenti”.

“Ma cosa è successo? Lo capirai subito. Prima che arrivassi in MotoGP, quando in rettilineo andavamo in quarta, non eravamo a tutto gas, perché giocavamo con la ruota, con il freno posteriore, il coppia, la posizione del corpo, adesso usciamo e siamo già in seconda e terza con l’holeshot [device], con aereo; abbiamo la coppia a pieno regime e lo siamo [dans la bulle] come [si on était sur] una Moto3″.

“Quindi le moto sono meno manuali. Prima era più manuale e dovevi giocare con più cose. Per questo ora è tutto più uguale, perché se è più manuale fai più errori ed è più difficile sfruttare appieno la moto.Se c’è un limite [c’est plus facile].”

Autosport pubblicherà un’intervista esclusiva con Marc Márquez nel Regno Unito nel numero del 22 dicembre. Il pilota spagnolo parlerà del suo recupero dall’infortunio, delle difficoltà incontrate dalla Honda nel 2022 e di cosa si augura per il suo futuro. Puoi abbonarti alla rivista qui:

Leggi anche:

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}