• Home
  • La Ocean Race alzerà i toni per la 2a tappa: “Ecco, vogliamo tutti attaccare”

La Ocean Race alzerà i toni per la 2a tappa: “Ecco, vogliamo tutti attaccare”

0 comments

Il primo passo è stato solo un antipasto. Se Kevin Escoffier e il suo team Holcim-PRB hanno avuto un bel duello con l’11th Hour Racing Team per vincere a Capo Verde, la gara dovrebbe salire di un livello per la seconda tappa. Prima di affrontare il grosso pezzo di The Ocean Race – la terza tappa che si preannuncia come l’ultima sfida di questa competizione con una gigantesca traversata dell’Oceano Antartico -, i partecipanti hanno ancora in programma di aumentare il ritmo per raggiungere Città del Capo. “Eravamo in modalità scoperta e “protetta”. Lì, sentiamo che tutti vogliamo attaccare. Ci divertiremo sportivamente per ottenere la prestazione“, annuncia Amélie Grassi (Biotherm).

Per questa prima tappa, si trattava particolarmente di prendere i suoi segni per alcuni. Per misurare la barca. Trova il tuo posto nell’equipaggio. E adattarsi, inoltre, ai vincoli di questa gara impegnativa, soprattutto in considerazione delle condizioni offerte durante il passaggio dello Stretto di Gibilterra. “Ci sono voluti quasi tre giorni prima che potessimo parlarci, la barca era così rumorosa e brutale nelle difficili condizioni dopo la partenza. Poi abbiamo iniziato una navigazione ideale, abbastanza veloce e piacevole“, ha spiegato Boris Herrmann, lo skipper di Malizia che non potrà prendere parte alla seconda tappa dopo essersi ustionato un piede.

La corsa oceanica

Eliès e la sua riqualificazione “parziale”: “Come faccio a fare il mio lavoro in modo diverso?”

IERI ALLE 13:05

Meilhat: “Sappiamo che andremo sempre più veloci durante la gara”

Il primo era vedere

Se i concorrenti hanno avuto solo tre giorni per respirare e riparare senza i loro team tecnici durante questa sosta, gli equipaggi hanno il coltello tra i denti quando è ora di partire. “Le IMOCA sono barche incredibili, abbiamo dovuto piuttosto frenare le velocità perché avremmo potuto andare a velocità pazzesche, ma il mare era ancora abbastanza mosso. Sappiamo che durante la regata andremo sempre più veloci e impareremo anche con queste barche“, avverte Paul Meilhat (Biotherm). “Questa gara è una maratona, non uno sprint. Le condizioni erano difficili per tutti. (…) Abbiamo imparato molto sugli altri. E abbiamo imparato molto sulla barca“, annuncia Simon Fisher (11th hour Racing Team).

Anche Kevin Escoffier, che ha comunque guidato con largo anticipo per ottenere questo primo successo, ha voluto mettere i puntini sulle i: il suo team Holcim-PRB non ha dato tutto. “Non voglio nemmeno che gli altri pensino di poterci raggiungere a certe velocità. Quando gli altri gli hanno dato una piccola spinta sull’acceleratore, noi gli abbiamo dato altre due spinte per dimostrare che ne avevamo ancora sotto i piedi! È stata la nostra prima vela insieme, non mi pento delle scelte che ho fatto”. riassunse lo skipper francese. “Abbiamo molte cose da ottimizzare, sappiamo che c’è molto potenziale con la barca, con la squadra”completa il suo compagno di squadra Sam Goodchild.

Questa seconda tappa con la famosa zona di Doldrums e i suoi venti instabili poi l’alto di Sant’Elena da aggirare si preannuncia da brivido con questi “insidie ​​da negoziare” secondo Benjamin Dutreux (Guyot Environnement), che sarà vendicativo dopo aver fatto da retroguardia nella prima tappa. E la lotta sarà intensa. “Abbiamo visto che le barche erano pronte. E nella seconda tappa ci sarà più concorrenza perché i venti saranno più deboli e le distanze molto ridotte secondo me”, stima Paul Meilhat (Biotherm). “Il primo era vedere. Il prossimo, attaccheremo !”, completa il suo compagno di squadra Damien Seguin sul sito web della barca. È promettente.

La corsa oceanica

Herrmann dà forfait, il Team Malizia chiama Eliès

IERI ALLE 15:37

La corsa oceanica

È bello ma commovente: The Ocean Race, come se tu fossi lì

22/01/2023 Alle 13:24

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}