la panchina UBB ha ribaltato tutto contro il Tolone

Sullo stesso argomento


Top 14. UBB più forte della pressione contro Tolone

Top 14. UBB più forte della pressione contro Tolone

Maltrattata in mischia, molestata in trasferta, sminuita dall’assenza dei suoi nazionali, l’Union Bordeaux-Bègles ha saputo trovare le risorse per strappare un breve ma prezioso successo (27-26) contro l’RCT proprio nel finale della partita . Domenica a Chaban

Malmenati in mischia, sofferenti sui rucks, i Bordelais erano in vantaggio di 10 punti all’intervallo (10-20) dopo due mete del Tolone firmate Serin (22esimo) e West (33esimo). Finora i Girondini erano riusciti a fare la differenza solo con una nuova esplosione di brillantezza da Tambwe (25e). “Nel primo tempo li abbiamo visti giocare al loro ritmo, non sapevamo come scuoterli come avremmo voluto”, riassume Frédéric Charrier.

“Abbiamo giocato un po’ indietro, continua la terza linea Mahamadou Diaby Non abbiamo rispettato le istruzioni della settimana, che non ci permettevano di essere efficaci in attacco e in difesa, gli abbiamo dato prove facili, si sono nutriti dei nostri errori ”.

“Ci siamo concentrati un po’ sulle tattiche della settimana, per portarle più in asse” (M. Diaby)

Nella ripresa Christophe Urios ha veicolato il suo messaggio (“ragazzi, dobbiamo andare, altrimenti la partita è finita, non ce la faremo”) e di nuovo in campo, sono entrati in campo Lekso Kaulashvili, Ben Tameifuna e Kane Douglas ha portato il potere e ha riportato la squadra in carreggiata. I due pilastri si sono trovati subito coinvolti nella prova di forza della seconda linea australiana (17-20, 44e).

Kane Douglas ha segnato la seconda meta di UBB.


Kane Douglas ha segnato la seconda meta di UBB.

Fabien Cottereau / SUD OVEST

Se le difficoltà in mischia persistevano, gli attaccanti colpivano duramente nelle fasi offensive. “Ci siamo concentrati un po’ sulle tattiche della settimana, per portarli più in asse, stringerli e giocare velocemente sulle piccole. E ci ha sorriso”, riassume Mahamadou Diaby.

Due prove di potenza

Entrato in gioco alle 59e minuto, Federico Mori ha continuato questo slancio segnando la terza meta di Girondin sul suo primo pallone (24-23). Al centro dell’attacco della Gironda, il nazionale italiano ha dato nuovo slancio, portando sulla sua scia un più incisivo Tani Vili.

“Chi è entrato in campo ha davvero un valore aggiunto per la squadra”

Alla fine della partita con una suspense insopportabile, Jules Gimbert ha preso il posto di Yann Lesgougues come mediano di mischia (59e). Nonostante il suo tempo di gioco basso dall’inizio della stagione, il giovane numero 9 non ha tremato sotto pressione, accelerando il gioco e sollevando la sua squadra nelle uscite in campo.

Jules Gimbert ha assicurato.


Jules Gimbert ha assicurato.

Fabien Cottereau / SUD OVEST

E per il suo ritorno alle competizioni dopo un infortunio al tendine rotuleo, Pierre Bochaton, entrato in campo dal 33e minuto al posto di Jandre Marais, è entrato molto rapidamente nell’altalena delle cose. “Avevamo bisogno della panchina per portare energia e tornare in gioco, è quello che abbiamo fatto”, ha detto Frédéric Charrier. Chi è entrato in campo ha davvero un valore aggiunto per la squadra”.

Se l’UBB è riuscita a invertire la rotta nel secondo tempo ea strappare la vittoria su rigore di Zack Holmes (27-26, 75e), rimane consapevole di aver partecipato alla reazione all’RCT. “Non semplifichiamo la vita a noi stessi, questo è certo, riconosce Mahamadou Diaby. Non vorremmo essere una squadra di reazione ma più una squadra d’azione. Può diventare doloroso. Questo deve essere corretto. Non sempre le grandi squadre reagiscono, impongono le cose. Dobbiamo essere in grado di farlo”.

Una squadra di reazione

Ma vista la faccia della partita, l’inizio di stagione fiacco e l’assenza di nazionali (Jalibert, Lucu, Moefana, Falatea), i Bordelais non sono stati esigenti dopo questo successo contro il Tolone. In linea con la vittoria contro il Racing 92 (29-17) e il pareggio a Clermont (23-23), sono riusciti a mantenere lo slancio ed evitare di affondare in fondo alla classifica.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *