• Home
  • La squadra tipo per gli ottavi di finale della Coppa del Mondo / Mondial 2022 / 8es / Bilan / SOFOOT.com

La squadra tipo per gli ottavi di finale della Coppa del Mondo / Mondial 2022 / 8es / Bilan / SOFOOT.com

0 comments

Due rigori, due cartellini, un favorito andato nel dimenticatoio, queste fasi a eliminazione diretta della Coppa del Mondo sono state ricche di emozioni. E alcuni giocatori si sono mostrati a loro vantaggio.


Modificata

Portiere

Yassine Bounou (Marocco)
” Con o senza di te. Con o senza di te, ah, ah Non posso vivere con o senza di te. E ti tradisci. E ti tradisci. E tu dai. E tu dai. E ti tradisci. Le mie mani sono legate. » Yassine Bono.

Difensori

Denzel Dumfries (Paesi bassi)
Rompe il muro del suono, non fa domande ed è guidato come una calamita verso la meta avversaria. Willy Denzel.

Pepe (Portogallo)
È diventato il giocatore più anziano a segnare nelle fasi a eliminazione diretta della Coppa del Mondo. Un record che sarà battuto in quattro anni quando Pepe pianterà un nuovo colpo di testa negli ottavi a quota 43.

Thiago Silva (Brasile)
Si annoia in difesa dove nessuno può metterlo in pericolo, quindi si è permesso di salire in prima linea per diventare il giocatore più anziano a fare un passaggio decisivo in Coppa del Mondo dal 1966. E dire che anche i leader del PSG pensavano che lo fosse vecchio nel 2020…

Noussair Mazraoui (Marocco)
Capiamo meglio perché Benjamin Pavard gioca nell’asse al Bayern Monaco e non nella corsia destra della difesa.

Centrocampisti

Jude Bellingham (Angleterre)
Tutti hanno riso quando, nel 2020, il Birmingham ha deciso di ritirare il suo numero 22 dopo il suo trasferimento al Dortmund quando aveva giocato solo 44 partite a 16 anni. In effetti, il club era visionario. Ciao Giuda.

Adrian Rabiot (Francia)
Nel 2018, ha rifiutato di essere un riservista, perché sapeva che doveva essere titolare in questa squadra francese. La storia non gli ha dato torto.

Ivan Perišić (Croazia)
La sonda solare Parker a bordo del razzo Delta IV Pesante avrebbe raggiunto una velocità di 600.000 km/h secondo la NASA. La testa di Perišić avrebbe raggiunto i 900.000 km/h secondo Shūichi Gonda.

Attaccanti

Kylian Mbappe (Francia)
Il calcio è facile, tu passi la palla a Mbappé, al resto pensa lui. Kyks e fretta.

Gonçalo Ramos (Portogallo)
Per la sua prima permanenza in Coppa del Mondo, Pelé aveva realizzato un assist. Gonçalo Ramos ha messo a segno una tripletta. Da lì a dire che il portoghese è più forte del brasiliano, c’è solo un passo.

Lionel Messi (Argentina)
Le lingue cattive diranno che ci è voluta una squadra australiana molto debole per vedere Messi segnare il suo primo gol nella fase a eliminazione diretta di una Coppa del Mondo. Gli esteti apprezzeranno solo lo spettacolo.

Sulla panchina

Fernando Santos (Portogallo)
Come Erik ten Hag, Fernando Santos ha avuto il coraggio di mettere in panchina Cristiano Ronaldo. Per fortuna ha preferito prendere il gioco praticato dall’olandese in casa Ajax piuttosto che quello che infligge all’Old Trafford.

Dominik Livaković (Croazia)
Fermando tre tiri in porta contro il Giappone, pensava di far parte di questa tipica squadra, ma questo era prima che Yassine Bounou ci riuscisse.

Romain Saiss (Marocco)
Il nativo di Bourg-de-Péage ha bloccato i veicoli spagnoli che hanno provato di tutto per rompere la sua barriera e guidare così sull’autostrada dei quarti di finale. Invano.

Achraf Hakimi (Marocco)
C’è chi trema quando colpisce il calcio di rigore che qualifica il proprio Paese per uno storico quarto di finale. E poi c’è Achraf Hakimi che sbatte una panenka.

Vinícius Junior (Brasile)
Come David Ginola, Vinícius Júnior è magnifico in campo. D’altronde balla molto meglio dell’ex Psg.

Harry Kane (Inghilterra)
Ad esempio, puoi giocare con le spalle alla porta, segnare e giocare con la tua squadra. #PivotGang

Sofiane Boufal (Marocco)
Dopo il ritiro di Ronaldinho, nessuno aveva mai vissuto un primo periodo così folle come quello di Sofiane Boufal. Chi può ancora contraddire il fatto che la Ligue 1 sia la League of Talents?

Moon-hwan Kim (Corea del Sud)
Un difensore che mette un piccolo ponte a Neymar. È quello che chiamiamo il multiverso?

Haji Wright (Stati Uniti)
Il suo scopo è la cosa più inspiegabile dai tempi del Triangolo delle Bermuda.

Di Steven Oliveira

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}