• Home
  • l’anno di tutti gli exploit per il 17enne campione belga

l’anno di tutti gli exploit per il 17enne campione belga

0 comments

Sport

Dopo un’eccezionale annata 2022, dove è stata in particolare incoronata campionessa europea amatoriale, la 17enne campionessa di Nivelles ha già gli occhi puntati sugli Stati Uniti.


Di Miguel Tasso

Quando si parla della sua stagione 2022, i suoi occhi si illuminano di mille scintille magiche. E per una buona ragione! La scorsa estate, con l’aspetto di un’adolescente, Savannah De Bock è stata incoronata campionessa europea dilettanti sul campo Saint-Germain di Parigi. Una vera pretesa di fama che simboleggia i suoi fantastici progressi. “All’epoca non mi ero nemmeno reso conto di aver vinto”sorride la signorina di Ecaussinnes, che ha appena spento 17 candeline sulla sua torta di compleanno.

In verità, per il giovane campione belga sta andando tutto molto veloce. Sulla scia della sua incoronazione parigina, ha ricevuto anche una wild card per gareggiare al British Open sui leggendari link scozzesi di Muirfield, alla presenza dei più grandi campioni professionisti. “Un Grande Slam alla mia età! È stata un’esperienza incredibile, che mi ha insegnato molto a tutti i livelli. »

Non c’è bisogno di sorteggio: Savannah è ora lanciata, come una palla, verso il livello più alto. Cinquantaseiesimo al mondo tra i dilettanti, vede già molto più in là. Nella sua testa, tutto è molto chiaro. “Lì ho finito il liceo all’Istituto del Bambino Gesù, a Nivelles. Poi andrò negli Stati Uniti. Ho ottenuto una borsa di studio per l’Università della Georgia, una delle più rinomate. »

Nel menu: studi – probabilmente in campo scientifico, dove eccelle – e, ovviamente, un intenso allenamento golfistico, con l’obiettivo dichiarato di intraprendere poi la carriera professionistica. Idealmente nel circuito pro americano (LPGA Tour), dove il montepremi è molto più alto che in Europa. “La mia ultima stagione mi ha permesso di mettermi alla prova contro giocatori molto più anziani e stagionati. So di essere sulla strada giusta. Certo, mi manca ancora un po’ di potenza motrice. Posso anche migliorare la mia precisione e abilità nel mettere. Lavoro su tutte queste aree del gioco con i miei allenatori Michel Vanmeerbeeck e Mathieu Lamote. »

©DR

Lo scorso maggio, durante il Mithra Ladies Open, che ha riunito sul percorso di Naxhelet alcune delle migliori proëtte europee del circuito femminile, anche Savannah aveva superato il taglio, proponendosi una superba top 15. ” Che ricordo! Ho avuto il privilegio di condividere i primi due round con Manon De Roey, la numero uno belga, e l’inglese Laura Davies, una delle leggende del golf femminile. »
Guidata dalla sua folle passione, coltiva apertamente i sogni più grandi.

“La mia massima ambizione è diventare la numero uno al mondo, vincere i Majors e giocare nella Solheim Cup, l’equivalente femminile della Ryder Cup.sorride, senza la minima arroganza nella voce. Per questa giovane ragazza piena di buon umore, eternamente sorridente ed entusiasta, andare al green è soprattutto un piacere.

“Se c’è il golf nel programma della mia giornata, mi alzo sempre con il piede giusto! »

Insomma, per la piccola principessa dello swing belga, recentemente promossa ambasciatrice sportiva in Vallonia, tutti i parametri sono verdi. Certo, tra studi e formazione, il suo programma a volte è un po’ stretto. Ma ha trovato i suoi segni grazie alla super organizzazione dei suoi genitori, Laurent e Nathalie, che svolgono i ruoli di autisti, segretarie e manager allo stesso tempo.

Anche dal punto di vista finanziario, gestire una carriera del genere è una vera sfida. Il costo di una stagione supera i 30.000 euro di spese di viaggio, albergo e allenamento. È una bella somma per una giovane sportiva dilettante. Fortunatamente, beneficia del supporto di alcuni fedeli sponsor, tra cui Delen Private Bank, il partner ufficiale della maggior parte delle élite belghe. Le federazioni (FRBG e AFG) e la Royal Waterloo aiutano anche i genitori a pareggiare i bilanci.

Il resto è investimento per il futuro. La sua prossima sfida: l’Orange Bowl di Miami a gennaio. Sempre con lo stesso obiettivo: vincere!

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}