• Home
  • L’ASVEL ha rinunciato ai soldi contro il Barcellona

L’ASVEL ha rinunciato ai soldi contro il Barcellona

0 comments

Credito fotografico: Eurolega

Privato di Nando De Colo e David Lighty, l’ASVEL è sceso proprio alla fine della partita contro l’FC Barcelona (75-82) questo mercoledì sera all’Astroballe.

L’eroico Villeurbannais ha fallito di poco contro l’FC Barcelona (75-82). Un Jonah Matthews elettrico e uno Youssoupha Fal in modalità record hanno tenuto a lungo in gioco la gente del posto. Ma la mancata rotazione e la carenza di 3 punti (2/18) saranno state fatali.

Un ottimo inizio ma occasioni perse

Con le assenze combinate di Alex Tyus, David Lighty (polpaccio) e Nando DeColo (a riposo) al calcio d’inizio, i Villeurbannais non hanno avuto molta pelle di fronte a una vendicativa armata del Barcellona dopo ilrovesciato della prima tappa. Eppure i locali hanno prodotto un buon primo trimestre. Piuttosto deludente dall’inizio della campagna europea, Parker Jackson-Cartwright ha messo il naso alla finestra. L’ex MVP della Pro B con il Saint-Quentin ha messo i suoi sulla strada giusta in avvio di gara. I Villeurbannais erano ben piazzati collettivamente e hanno incatenato le fermate in difesa. Purtroppo hanno poi sprecato molte occasioni in attacco per fare un vero break e dopo 10 minuti erano in vantaggio di soli 4 punti (15-11).

31 punti subiti nel secondo quarto

Il secondo atto è stato molto peggio. L’ASVEL non ce la fa più in difesa contro il colpo di calore di Alex Abrines (3/4 da 3 punti nel quarto). Ma i locali hanno tenuto duro e sono riusciti a limitare la rottura poco prima dell’intervallo tornando negli spogliatoi con un deficit di 9 punti (33-42).

Youssoupha Fall domina il terzo quarto

I Villeurbannais hanno iniziato il secondo tempo col botto con un 9-0 in 2 minuti e 30. Per questo si sono affidati a Youssoupha Fall. Il pivot franco-senegalese ha regnato in campo (11 punti a 4/4 nel solo terzo quarto, 23 punti – record di EuroLeague – e 31 in totale valutazione a partita) e l’ASVEL ha colto l’occasione per tornare in vantaggio a inizio partita quarto quarto (64-63, 32′).

ASVEL ci ha creduto fino alla fine

Se Jonah Matthews e Zaccharie Risacher sono riusciti a mantenere l’ASVEL in testa (73-69, 35′), il Barça è rimasto a contatto ed è finito in vantaggio grazie ad Alex Abrines (14 punti da 4/6 a 3 punti) e soprattutto Corey Higgins (16 punti con 5/6 ai tiri e 6/6 ai liberi). Discreto fino a quel momento, il figlioccio di Michael Jordan ha suggellato la vittoria per la sua squadra con un intercetto e due grandi canestri dalla media distanza. La mancanza di rotazione unita a un’enorme goffaggine (2/18 da 3 punti, di cui 0/6 per Antoine Diot) avranno la meglio sulle ultime speranze del Villeurbannais.

Nonostante la sconfitta, l’ASVEL può essere orgogliosa della sua prestazione e dell’altruismo mostrato dai suoi giocatori. La squadra di TJ Parker però non ha tempo di gamberger, bisognerà già mettere la copertura tra due giorni contro il Valencia Chris Jones.

par

11 gennaio 2023 alle 10:12

Politica dei commenti di BeBasket – Notizie sul basket in Francia e in Europa

Condividi i tuoi commenti e opinioni di buon umore e soprattutto rispetta gli altri! Tutto lo spam sarà bannato!

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}