L’ASVEL si piega al filo contro la Stella Rossa Belgrado

Credito fotografico: Eurolega

Senza Nando De Colo e Jonah Mathews, l’ASVEL ha perso giovedì sera contro la Stella Rossa Belgrado (67-71), crocifissa da un canestro di Nemanja Nedovic a sette secondi dalla sirena. Nonostante un buon secondo periodo, i Villeurbannais si sono arresi a tempo pieno.

Rimandata alle corde dallo Zalgiris Kaunas all’Astroballe la scorsa settimana (76-93), l’ASVEL ha reagito ma l’impegno non è bastato in Serbia contro la Stella Rossa Belgrado (71-67).

Sans Nando De Colo né Jonah Matthews, il Villeurbannais è apparso indebolito contro una squadra serba che ha riportato in panchina l’esperto Dusko Ivanovic. Molto rapidamente, gli uomini di TJ Parker sono stati spinti al limite (9-0, 7′) e hanno dovuto attendere l’ingresso di Retin Obasohan per reagire e rientrare in partita (17-14, 10′). Sfortunatamente, l’ASVEL ha avuto un secondo quarto catastrofico (21,4% di successi al tiro e 0/9 da 3 punti e 5 assist per 9 palloni persi all’intervallo) come quello che Parker Jackson-Cartwright stava attraversando individualmente mentre allo stesso tempo Luca Vildoza (12 punti) e Nikola Ivanovic (16 punti) hanno recitato i loro range e hanno messo di buon umore la Stella Rossa all’intervallo (38-23, 20′).

Denaro-tempo mal gestito

Come contro il Bologna, i Rhodaniens sono tornati in campo con il coltello tra i denti e hanno potuto contare sul ritorno del loro indirizzo da 3 punti oltre che sui veterani Charles Kahudi (14 punti) e David Lighty (16 punti) in arrivo di nuovo alle calcagna dei serbi in avvio di ultimo atto (54-53, 30′). Se l’ASVEL aveva rimescolato le carte portandosi in vantaggio di otto unità a quattro minuti dalla fine dell’incontro (57-65, 36′), il Villeurbannais è stato poi affossato. Retin Obasohan ha ricevuto un fallo tecnico per protesta. Dopo aver già ricevuto un fallo antisportivo nel primo tempo, il nazionale belga ha dovuto quindi lasciare che i suoi compagni combattessero senza di lui. L’inizio della fine per l’ASVEL che ha perso il controllo su entrambi i lati del campo e si è scontrata con Ben Bentil (7 punti) poi Luka Mitrovic (8 punti e 8 rimbalzi) prima che ci pensasse Nemanja Nedovic a chiudere lo spettacolo con un ultimo colpo micidiale che ha messo fine alle speranze del Villeurbannais, anche se Yves Pons ha avuto l’opportunità di pareggiare sulla linea di tiro libero. Senza successo.

T.J. Parker:

“Paghiamo per il livello di lucidità”

“Gli arbitri sono stati duri, ma dobbiamo essere più intelligenti. L’uscita di Retin ci fa molto male, ma non sempre riusciamo a reagire. Non possiamo iniziare le partite fuori casa in questo modo. Ci vuole così tanta energia per tornare! Alla fine la paghiamo necessariamente in termini di lucidità. È spiacevole e molto frustrante”ha spiegato l’allenatore del Villeurbannais ai Progresso.

Nel frattempo, l’ASVEL dovrà rimettere rapidamente a posto le proprie idee poiché dovrà continuare con un altro incontro contro Dijon questo sabato in Betclic ELITE.

Clicca qui per accedere alle statistiche dell’incontro

par

17 novembre 2022 alle 10:19

Politica dei commenti di BeBasket – Notizie sul basket in Francia e in Europa

Condividi i tuoi commenti e opinioni di buon umore e soprattutto rispetta gli altri! Tutto lo spam sarà bannato!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *