• Home
  • le nuove certezze di Lionel Scaloni

le nuove certezze di Lionel Scaloni

0 comments

Cosa c’è dopo questo annuncio

La squadra argentina che ha concluso questa fase a gironi è molto diversa da quella che ha iniziato la Coppa del Mondo. Si dice spesso che durante le competizioni si creino gruppi, con giocatori inaspettati che acquistano forza e/o eventi che uniscono un collettivo. E sembra che sarà così per l’Albiceleste, partito male dopo la sconfitta contro l’Arabia Saudita. Ma in pochi giorni gli argentini sono passati dalla terribile doccia fredda al bagno caldo pieni di speranza e ambizione. È stato in parte grazie ad alcune modifiche apportate da Lionel Scaloni, che è stato piuttosto proattivo nel suo allenatore e non ha esitato a dare responsabilità ai giovani giocatori, che la banda di Lionel Messi si è rapidamente ripresa. .

Contro la Polonia, come nel secondo tempo di fronte al Messico, praticamente tutti i giocatori argentini hanno restituito un’ottima copia. Ma ce ne sono tre che stanno facendo scalpore, e che non erano destinate ad avere un ruolo da protagonista nella squadra di Lionel Scaloni. Questi sono Enzo Fernandez, Julian Alvarez e Alexis Mac Allister, che potrebbero essersi guadagnati un posto nell’XI titolare per il resto della competizione. Nel caso dei primi due, avevano dato nuova vita all’Argentina nelle prime due partite entrando nel secondo tempo, e tutte le persone hanno chiesto la loro presenza nella composizione iniziale per la “finale” contro la Polonia. Per quanto riguarda il centrocampista del Brighton, era partito titolare contro il Messico, ma non era destinato a diventare un titolare importante, con un Papu Gomez che partiva davanti soprattutto nelle gerarchie. In questa partita decisiva non hanno tremato e non si sono fatti travolgere dalla sfida e dalla pressione, tutt’altro…

Il ricambio è arrivato prima del previsto

Enzo Fernandez ha preso in particolare il posto di Leandro Paredes davanti alla difesa, e ha già brillato in due registri. Quando entra in gioco, in un ruolo più offensivo, giocando abbastanza vicino alla superficie e cercando di proiettarsi molto velocemente per supportare i giocatori più avanzati. E ha dato i suoi frutti, come il suo gol contro i messicani. Contro la Polonia il centrocampista del Benfica ha avuto un ruolo leggermente più difensivo, anche se di fronte a una squadra così ritirata dietro, ha saputo comunque divertirsi. Ha chiaramente reso più fluido il gioco della sua squadra, per la quale è stato trampolino di lancio per le offensive, e si è distinto per una grande azione individuale seguita da un caviale per Julian Alvarez. Basti dire che ha chiaramente rivendicato la fiducia e le speranze riposte in lui da tanti argentini e non ha deluso Scaloni. Per quanto riguarda l’attaccante del Manchester City, stesso scenario. Contro una difesa polacca che aveva messo giù il pullman, non temiamo le parole, l’ex River Plate è riuscito a trovarsi molto a suo agio in partita, combinandosi bene con i compagni e riuscendo a creare situazioni interessanti per se stesso. tramite appelli ben intenzionati, al suo obiettivo.

Menzione speciale per Mac Allister, che ha semplicemente migliorato tutti i palloni che gli sono passati tra i piedi, finendo anche con un gol sul cronometro ieri sera, venendo eletto migliore in campo dalla nostra redazione e dalla FIFA. In registri diversi, tutti e tre hanno alcune cose in comune che chiaramente mancavano all’Argentina: un’ottima lettura del gioco, una capacità sconcertante di fare differenze e rompere le linee, e un’enorme disattenzione nel gioco. Tutti si trovano anche molto a loro agio con Lionel Messi, che sembra andare d’accordo in campo con loro piuttosto che con la sua tradizionale guardia ravvicinata composta da giocatori più esperti come Rodrigo de Paul o Angel Di Maria. Una boccata d’aria fresca su una selezione in pieno passaggio generazionale, e in cui questo passaggio di consegne sembra finalmente avvenire più velocemente del previsto. E grandi risorse per Lionel Scaloni in questa ricerca del supremo Graal calcistico…

About the Author

Follow me


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}